Duje matremmonie a surpresa!

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
 
[p. 1 càgna]
N. 8 TEATRO NAPOLETANO Cent. 30


DUJE

Matremmonie a surpresa!

CON

PULCINELLA

pittore pauraso

Brillantissima Commedia in 1 atto

(tutta da ridere)


Gesualdo Cipolletta—pittore
Pulcinella—suo servo
Felice—amante di
Errichetta
Giacomino—amante di
Carolina.

L’azione si svolge in Napoli

Epoca attuale.



NAPOLI

Tommaso Pironti, editore

Piazza Cavour 70 - Università 18

1908

[p. 2 càgna]

ATTO UNICO


Camera con tavolino e poche sedie

SCENA I.

Gesualdo e Pulcinella (p. dentro p. fuori)

Ges. (d. d.) Cammina, buffone, e non ridere...

Pul. (c. s.) Gué, parla comm’ haie ’a parlà, sinò te piglio a pponie ncopp’ ’o naso.

Ges. (jfuori) Pulcinella, ti ho detto tante volte non tanta confidenza con me! (calcando le parole) Capisci, non tanta confidenza!...

Pul. Ma comme, vuò ave pure ragione? Cheste so’ ccose ’e 1’ ato munno. (ridendo) ’O fatto tuio é na fatto ca si ’o saparriano ’e muorte dint’ ’o campusanto nun putarriano fa’ a mmeno ’e se fa’ na schiattata ’e risa. (seguita a ridere).

Ges. Siente, Pulecenè, si nun ’a fenisce, alzo il bastone, e invece ’e ridere te faccio chiagnere! Ma tu lo capisci che con questo tuo ridere me tuocche tutta ’a nervatura.

Pul. Io te capisco, tu àie ragione ’e sta tuccato ’e nervatura. Ma tu avisse avuto sta int’ ’e panne mieje quanno io aggio visto ’a faccia eh’ è fatto quanno he aperta ’a scatola d’ ’e culure abbascio ’o palazzo... Figurate, ’o naso tuio eraaddeventato nu parmoluongo!. i tuoi occhi erano usciti fuori dalle loro finestre... ah> ah., ah, tu te credive d’ avè accattata na scatola ’e culure sopraffine, è chillo invece ’o mercanto t’ ha dato na scatola Je culure ca nun so’ bbuone manco a pitta na cantina!...

Ges. Tu sei una bestia! Io ti dico che il mercante non è persona capace di fare inganni!... Tu nun he visto’a folla che steva dint’ ’o magazzino; nun hè visto quanta cascettine ’e culure nce stevano; or dunque, int’am[p. 3 càgna]muina m’ ha dato na scatola ’e culure pe n* ci ritorneremo, e vedrai come mi contenterà.

Pul. E vuie dicite c’*o mercante ve cagna ’0 calettino? Embè. mo vedimmo si quanno jammo pun me faccio n’ ata schiattata ’e risa.

Ges. Va buò, mo vedimmo si aggio ragione o no. Intanto lasciami chiamare un momento Carolina. (chiamando) Carolina, Carolina...

SCENA II.

Carolina e detti indi Errichetta

Car. Che cumannate, patrò.

Ges. Sentì, Carolina: io e Pulcinella dobbiamo andare a ifa’ nu servizio’e pressa; perciò ti raccomando, chiudi bene ’a porta e non aprire ad anima vivente.

Pul. He capito? Arape sule a’e muorte; a’e vive no.

Ges. Ma comme, he ditte tu mo ca nun a vuo’ fernì?... Afforze vuo’ ca te piglio a cravasciate? (a Car.) Hai capito, Carolina, non aprire a nessuno si non siente ’a voce mia...

Car. Ya bene, nun ce penzate. Anze, io mo chiudo ’a porta a doppia chiave...

Ges. Bravo, bravo!... Pulcinella, andiamo.

Pul. Mo, quanto dico na parola tennera a Carulina...

Ges. Ma che parola tennera e tennera me vaie cuntanno... Non vide ca s’ è fatto notte, e putimmo truvà nchiuso ’o mercante!...

Pul. Haie ragione.Eccome ccà viano,(dopo lazzi a piacere)

Car. Ah, se ne so’ gghiute finalmente (va alla porto. ^ chiama) Signuri, ascite nu mumento ccà fora e jarlamme nu poco d’ ’e nnammurate nuoste.

Err. Ah, Carolina mia,, tu nun saje quanto soogo’nfelice..

Car. E pecchè, signuri?

Err. Pecchè penzo ca nun pozzo spusarme a Felicieilo mio ca voglio tanto bene...

Car. Signuri, vuie che ghiate penzanno ì Vuie v’avite ’a fa’o cunto c’ 0 tutore vuosto 0 c’ ’o buono o c’ ’a forza ha d’ accunzentì,

Err. Tu dice buono, ma non saie quanti avaro chilFommo: chillo sarria capace ’e me fa’ mur; zetella pe nun caccia ’a dote ca me rnmmanette paterno (si sente bussare alla porta). [p. 4 càgna]Car. Hanno tuzzuliato! Vaco a vede chi è. Chi e?

SCENA III.

Felice, Giacomino e detti

Pel. Arape, Caruli, songh’io, e nce sta pure ’o servitore mio Giacomino...

Err. Bene mio! E cumme se fa?...

Car. Curarne se fa? Se fa accussi: s’ arape e se nzerra a porta (esegue con gran disinvoltura).

Fel. (<mirando) Mia cara, mia buona Errichetta...

Giac. (c. s.) Carolina de sto core...

Fel. (a Giac.) Neh, scostumato, addò t’ he mparato s’t’educazione che mentre il padrone parla...

Già. Avite ragione. Ma che vii li te, ammore fa scurdà ogne cosa; io capisco c’ ’o du vere mio è cchillo’e fa’ parla primma a vuie, ma... Basta, faciteve primma ’a mez’ora vosta ca po’ doppo me faccio ’a mia.

Fel. Tu c’arma ’e mammeta ne vutte... Noi appena appena possiamo trattenerci na quindicina ’e minute. Tu ’o saie ’o viecchio cumm’é furiuso, e si chillo torna a tiempo, na vertolina nun nce’a leva manco Barbanera. Yia, Errichetta mia, non farti vedere più accussi appucundrosa! Tu lo sai che il mio amore per te è immenso: è infinito!... lamino meh, nun te fa vedé cchiù cu sta capa sotto... Ma che d’é tu triemme?... Ma tu nun saie ca Feliciello tuio se faciarrà accidere chiuttosto anziché vederti sposa di un altro?

Già. (a Car.) Ed io ti giuro che a costo ’e me fa na cinquantina ’e duelle te sarraggio marito.

Fel. Embé, faggio ditto che quanno parla ’o padrone, il servo deve appiiare...

Già. Patrò, ccà nce stanno na quinnecina e minute ’e tiempo, io si nun profitto mo quanno profitto cchiù?

Car. 1). Felì, meh, nun ’o murtificate cchiù; vuie ’o ssapite ca io ’o voglio bene assaie assaie pecchè é stato sempe pazziariello...

Fel. Ya buò, non fa niente, fate gli affari vostri.

Giac, (fregandosi le mani) Uh che bella cosa, ’o patrone m’ ha dato ’o premesso, mo me voglio fa na bona magnata ’e vase (resta in azione con Car.)

Fel. Neh, Erriche, ma se po’ sapè pecchè staie eccussi nguttosa?

Err. E che taggio ’a dicere? Nun ’o ssaie c’ ’o tutore mio [p. 5 càgna]me sta sempe ncuollo., e nun to carne metto a tfa ammore cu nisciuno.

Fel. Ma t’ aggio ditto lassa fa a mme. Embè quanta vote s’ha da parlà? Tu dice c’ ’o tutore tuio nun vò, ma io voglio però!.. Basta sulamente accennarti ca sto machinanno nu prugetto ca ’o tutore tuio nun po fa almeno di acconsentire al nostro matrimonio...

Err. Tu overamente dice?

Fel. Vaggio ditto lassa fa’ a mme! Mo nce sò trasuto c’ ’o currivo! E comme! Isso sape pe mezzo "e n’ainico d"o mio... ch’io so’ figlio "e buona famiglia, ca papà ’e tene accussi... e si nega!... Sangue di Bacco! ma nce l’aggia fa’ pagà a caro prezzo...

Err. Feliciello mio, tu cu sti pparole me faie nascere n’ata vota.

Fel. (a Giac. che contìnua a parlare con Car.) Giacomi, jammoticenne prima che ritorni il tutore...

Già. Patrò, vuie cumme jate ’e pressa!..

Fet. Vuje vedite chili’animale quant’è indisponente!... Jammo jà, sino me faie guastà tutt’ ’o prugetto c’aggio fatto... Èrriche, statte bona, e penza sempre al tuo Feliciello... (via).

Già. Caroli, io me ne vaco, statte bona. E nun ce penzà ca l’avimmo da fa resta cu tanto nu parmo ’e naso a chella tartaruga d’ ’o patrone tuio (via appresso).

Err. Caroli, che ne dice?

Car. Dico accussi c’ ’o matremmonio é già bello e cumbinato.

Err. Viata a tte, Carolina mia, ca na cosa ’a faie tanta facele.

Car. Ma ve pare mo ch’io nun saccio cumme ’a penza D. Feliciello! Chillo jesce ’a dint’ ’o ffuoco, e sape cheli che Ila... (si bussa).

Err. Sarrà o’ tutore! Io me ne traso... (entra).

Car. Chi tuzzulea?

SCENA IV.

D. Gesualdo, Pulcinella e detta.

Ges. Arape. Caruli, songh’io.

Car. Nu mumento quanno levo ’a varra ’a reti- a pcrrta. Ecco fatto (apre).

Ges. (entrando) Pulecenè, miette tutte cose ncopp’’o tavulino e nun fa cadè niente nterra. [p. 6 càgna]Pur,. Picceré, n’ata vota nun mettere cchiù ’a varra ’a reto ’a porta. M’ he fatto sta tre ore cu stu niozio mmano (,mostrando il cassettino).

Ges. Basta, finiscila, non tante chiacchiere. Caroli, cosa sta facendo la mia Errichetta?

Pul.(con caricatura) Cosa sta facendo con la machinetta?

Ges. E nun ’a vuò ferni? Ma tu capisci che quand’ io parlo non voglio esser messo alla berlina? (lazzi)

Car. A me me pare c’o signore have ragione; quann’isso chiacchiarea nisciuno ha da risponnere; pecche ’o patrone sempe patrone è.

Pul. E io songo ’o sotto e tengo ’o deritto’e mannarlo a i’urdemo

Ges. Ma cumme te 1’ aggiafa capì ca t’ hè’asta zitto?.. (autorevole) Su, rinculati, (lazzi) E tu, Carolina, va fa compagnia a Errichetta dinto.

Car. Vaco a servirve (via).

Pul. (che è rimasto in una quinta) C’é permesso? pozzo dirte na parola?..

Ges. Parla, erutta (lazzi).

Pul. Pe’ nun sapé ’e fatte tuoie, che vuleva chillo signore ca t’ha fermato abbascio ’o palazzo e che t’ha parlato zitto zitto?..

Ges. Na*piccola c’ ’o limone! Nientemeno mi ha chiesto la mano della mia pupilla, e poi mi ha fatto anche capire che il suo servo desidera sposare Carolina...

Pul. A l’arma d’ ’o piccolo contratto! E tu che l’hè risposto?

Ges. Gli ho risposto che Errichetta era di già maritata, e quindi avesse pensato ’e mettere tenna a n’ata parte.

Pul. He ditto ca Errichetta era mmaretata? E quanno maie é succieso sto matremmonio? Me l’avesse sposata io e non me ne fosse addonato?..

Ges. Eppure, Errichetta è maritata.

Pul. Ma cu chi è spusata?

Ges. Con chi, con chi? con una persona che la renderà felice.

Pul. Uh, sì patrò, fammillo conoscere.

Ges. ’O vuò conoscere? Ma tu ’o conusce ’a tanto tiempo...

Pul. Ma si chesta è ’a primma vota ch’io ’o sento annummenà.....

Ges. Embò, giacché ci troviamo, mo t’ ’o faccio a vedé... (pavoneggiandosi) Lo sposo di Errichetta sono io!..

Pul. (scoppiando a ridere) Tu!? Ah, ah, ah, e tiene pure ’o curaggio ’e dicere ch’era mmaretata? Ma chella se [p. 7 càgna]spusarrà a Marcoffio dint’ ’a luna ma nun già a tte ca me pare nu scorpione ’e notte. Ah, ah, ah!...

Ges. Tu sai un animale! Tu cierti ccose nun ’e capisce, ed io ti farò vedere che Errichetta sarà contenta...

Pcl. E pe Carolina po’ che 1Tbè risposto?

Ges. L’ aggio risposto ca si essa vò, io pe mme non ce trovo nisciuna difficoltà.

Pul. E mo hè sbagliato! Mo he pigliato nu zarro.

Ges. Comme nun aggio ditto buono?

Pul. E no, ca nun hè ditto buono, pecchè Carolina è già sposata da un secolo.

Ges. Pulecené, nun pazzià!... Comme! Carolina sposava senza dinne niente, senza il mio consenso. Forse fa’ ’ammore. E chi è mai quel desso?.. (lazzi).

Pul. (vezzeggiandosi) quel desso sono io!.. E mo c’ ’o ssaie, statte zitto...

Ges. Ma forse vuoi dire che hai intenzione di sposarla, non già che l’hai già sposata.

Pul. O sposata o non sposata, Carolina ha da essere ’a mia.

Ges. Ma tu sì pazzo!.. Cu stu naso a puparuolo p’arrostere, cu sti panne fatte a cuorpo sciuoveto...

Pu,. Ma sempe vint’anne meno ’e te tengo.

Ges. Venti anni! Venti giorni vuoi dire!...Oh, ma dimmi, Carolina ti corrisponde?

Pul. Me corrisponne? Chella va pazza pe mme.

Ges. Bravo, questo mi fa piacere, pare c’ accussi Carolina nce mettarrà pur’essa na bona parola c’a padrona soia!... Chella Errichetta ’a vo’ bene assaie, e poi non sai? io ho pensa o di combinare questi due matrimonii nella stessa giornata...

Pul. Evviva chillo patrone mio! Vulimmo fa revutà tutt’’o vecenato.

Ges. Riguardo poi ai festini, ai suoni, t’ ’o vide tu... Ti raccomando di fare le cose per bene...

Pul. Pecchesto po’ nun ce penzà. Oh, ma parlammo chiaro, io pe me nzorà aggio abbesuogno ’e te, pecchè i’ joco ’a disperata... (volendo significare che è povero).

Ges. Va bene, va bene, a questo ci penserò io!.. Iammo, va chiamma a Errichetta e nun ce fa sapè niente ’e chello c’avimmo combinato.

Pul. M’avite pigliate pe piccerillo? Mo vaco e ve servo. (entra)

Ges. Io nun saccio cumrne nce l’aggio ’a fa capi c ’a voglio bene! O amore, ispirami tu!.. [p. 8 càgna]SCENA V.

Errichetta, e detti.

Err. Che vulite?

Ges. Ma pecché staie sempe accussi malinconica?..

Err. Pecchè me sento poco bona.

Ges. Ma, Errichetta mia, e ferniscela na vota cu sta pucundria, e penza a stare allegra, perchè aggio truvato

io ’o mezzo per mantenerte in allegria.

Err. Overo? E comme? (,fingendo allegria).

Ges. Aggio penzato ’e te fa mmarità e aggio trovato nu buono partito!..

Err. (Che se fosse capacitato ’e me fa spusà a Felice mio?) E a chi avite penzato e me fa spusà?.. Quanno ’o facite veni ccà ncoppa?

Ges. ’O faccio veni ccà ncoppa? Ma si chillo già sta ccà!

Err. Vuie che dicite? ma si io nun ’o veco...

Ges. (inginocchiandosi) E comme, nun ’o vide ca sta addenucchiato a ’e piede tuoie quel fortunato mortale che arde, brucia, muore d’amore per te.

Err. Vuie! Vuie me volite spusà? Ma eh’ é venuto ’a fine d’ ’o murino? Ma nu specchio ’o tenite o nun ’o tenite pe ve cuntà quanta rappe tenite ’nfaccia!.. ma nun vedite ca tenite ’o scartiello, e ca na spalla saglie e n’ata seenne?.. Ah, bene mio. Caronte se vo nzurà!.. E comme nun penzate ca é meglio a pigliarse n’aceno ’e vummetivo ca tene a vuje nnanze, pecché basta sulamente guardarve pe n’avé ’o stommaco revotato... (entra)

Ges. (rabbioso) A me Caronte! A me na spalla saglie e n’ata seenne! A me!.. Quest’affronto dalla mia pupilla! Ah, ca me vene a chiagnere pe l’arraggia. (piange).

SCENA VI.

Carolina è detto.

Car. Si patrò, vulite a me?

Ges. (Bonanotte! chest’ata nce mancava, chesta me pare ’a trummetta ’a Vecaria e si se n’addona ch’io sto chiagnenno pe mezzo d’Errichetta, è capace ’e mettere a rummore tutt" ’o vecenato...) [p. 9 càgna]Car. Patrò, che d’è, vuie nini rispunnite?.. Che veco Vuie chiagnite...

Ges. Siente,Caruli, io ti dirò la verità; ma tu m’hè ’a priimmettere ’e nun dì niente a nisciuno.

Car. Ma ve pare.

Ges. Ebbene sappi che in questo momento io sono l’uomo più sventurato di questa terra.

Car. E pecché?..

Ges. Perchè poco fa ho fatto capire ad Errichetta ca io teneva ’ntenzione e m’’a spusà, e quella invece...

Car. Cumme v’ha risposto?

Ges. Cu nu cuofeno ’e mmaleparole!.. Maleparole a me! oh, ma me la pagherà!..

Car. Ma vuie ve sbagliate: chella ’a signurina ve vò bene; e mo ch’è trasuta dinto l’aggio trovato ca redeva cummJ ’a na pazza e diceva: m’ha fatto aspettà tanto tiempo pe se spiegà, e io pe vennecarme l’aggio pigliato a maleparole.

Ges. Tu overamente dice! Addonca Carolina me vò bene? Ah ca io non ce capo dint’ ’e panne p’ ’a cuntentezza! (a Car). Ma si è accussi, curre, e dincelle ca io ’a voglio bene, e ca me so miso sempe scuorno ’e nce spiegà l’ammore mio!..

Car. Chiano, vuie cumme jate ’e pressa. E comme! vuie aute uommene site tutte ’e na manera. Si ’a vulite fa’ capace, jate vuie stesso dinto, ma chiagnenno però, sino chella ve dice ’e no.

Ges Vuie vedite che me succede! E io nun tengo genio ’e chiagnere cumme faccio?

Car. E vuie pecchesto v’avvelite? Facite accussi: dateve nu paro ’e ponie sotto a ll’uocchie, e accussi ve facite na chiagnuta.

Ges. No, ’a verità, nun tengo sta ntenzione. ’O chianto ha da essere naturale!.. Selì, aggio penzato, mo sa che faccio? vaco dint’ ’a cucina, piglio nu paro ’e cepolle m’ ’e spremmo vicino a ll’uocchie... e accussi me faccio asci ’e lacreme; saranno lagrime cipolline, è overo, ma sempre lagrime sono!..

Car. Seh, me persuade, facite accussi.

Ges. (per andare) No, aggio penzato meglio, sa che buò fa? Va tu primma dinto e fa a vvedè ca io sto tut: dispiaciuto p’ ’e mmaleparole ca m’ha ditto: è accussi a poco a poco Ile faie pure a ccapì ca nun sta bene a farme suffrì tanto... [p. 10 càgna]Oar. Seh, dicite buono; mo vaco e ve servo

Ges. Siente, si tu si capace ’e fa’ succedere stu màtremmonio, io te saparraggio riconoscere, e po’ nun ce penzà, ca te prummetto ’e darte na bella dote pe quanno spusarraie...

Car. E che tengo ’o sposo io?

Ges. Eh, maliziosa, maliziosa, te pienze ca io nun ’o ssaccio ca tu faie ’ammore cu...

Car. Cu chi?..

Ges Guè, alle corte, io so tutto: tu faie ’ammore cu Pulicenella...

Car. Ah si, é overo! (E staie frisco! A Giacomino mio me spusarraggio!) E vuie n’avite piacere?..

Ges. Io pe me non ce trovo niseiuna diili colta!..

Oar. E io ve sarraggio obbligata. Basta, io vaco dinto pe fa tutto chello ca m’avite ordinato (vìa).

Ges. Nun te scurda ’e me fa veni a Pulecenella!.. E chi puteva mai credere ca Errichetta me vulesse tanto bene. Vuie vedite fino addò arriva ’a malizia d’é femmene. Io credeva che Errichetta non mi amasse e chella invece jeva pazza pe mme. Oh, ma io pozzo chiamarme veramente fortunato se giungo a possedere

il cuore di quella bella ragazza!.. Sarà quello il più bel giorno della mia vita!..

SCENA VII.

Pulcinella, e deito.

Pul. Eccome ccà a mme,

Ges. Zompa, Pulecenè, zompa.

Pul. E che m’hè pigliato pe granavuottolo?

Ges. Viene ’a ccà e damme no vaso.

Pul. Ma pecche?

Ges. Per il piacere che provo in questo momento. Tu nun saie niente? Io aggio pigliato no terno!.. (lazzi). Errichetta me vò bene!

Pul. (Embè, io scummetto ca Chisto ha perduto é chiaucarelle). Ma tu overamente dice?

Ges. Ma si, ma si, mio caro Pulcinella. E poi aggio coni* binato pure ’o matremmonio tuio co Carolina.

Pul. Uh, che bella cosa. Evviva chillo patrone mio!.

Ges. N’ato vaso.

Pul. N’ ata astregnetora. (Si baciano e si abbracciano con lazzi, in questo mentre si ode bussare alla porta) [p. 11 càgna]Hanno tuzzuliato vaco a vedè chi è (esce poi torna)

Ges. E chi putarrà essere a chèst’ora?..(aPw/.c7te intorno. \ Pulicené chi è?

Pu\. E’ no servitore ’e piazza ca te vò parla.

Ges. No servitore! L’hé guardato buono? ’A faccia soia cumme te pare?

Pul. ’A verità, tene na faccia ca nun é faccia come tutte le altre faccie... (lazzi).

Ges. ’O bbì ca nun ghiammo buono? Ed é solo?

Pul. Sulamente isso e ’a carrozza.

Ges. Allora sarà qualche affare ’e poco momento. Basta? Sa che buòfà, fallo sagli e chiudo buono ’o portone; quanno isso è Jrasuto ccà dinto, tu vattenne dint’ a l’urdema stanza ’e 1’ appartamento e non appena io dico: « Pulecenella » tu jesce cu chillo varrone ca mettimmo ’a sera arreto ’a porta e nce o summuzzo nfra capa e noce dJ ’o cuollo.

Pul. A chi?

Ges. A chillo ca mo saglie ccà ncoppa.

Pul. Proprio a chillo?

Ges. E a chi, a me?.. Pulecené, t’arraccumanno mo, nun fa ciucciarie..

Pul. Nun ce penzà ca staie minano a Tuonimene!., (entra).

Ges. E chi sarrà stu servitore? Che vularrà ’a me?

SCENA Vili

Felice, da servo, e detto, indi Pulicenella.

Fel. (Esce e senza dir motto prorompe in un dirotto pianto).

Ges. (Che diavolo 1’ èsuccieso?) Via, calmatevi; e assettateve nu poco. (Felice seguita a piangere). Sentite si vuie nun ’a fernite cu sti lacremelle, ccà nun cumbinammo niente cchiù!.. Insomma, che vulite a me?...

Fel. Io, garbatissimo e colendissimo signore, non voglio niente, (piange c. s.).

Ges. E allora che nce site venuto a fla’?

Fel. Avete ragione, dite bene, anzi, dite pur troppo bene... (seguita a piangere).

Ges. Embè dico buono, e turnate a chiagnere.

Fel. Avete ragione, dite bene (c. s.).

Ges. Sentite, se siete venuto per parlarmi é un lattu. po site venuto pe me veni affliggere, è meglio ca ve ne jate n’ata vota... [p. 12 càgna]Fe^. (con voce lamentevole) Sissignore; ma fatemi il piacere incominciate a parlare prima voi...

Ges. Vih, cumme va bello stu poco!... Comme vuie venite pe parlarme e vulite c’accummencio primm’ io... Spetta a voi d’incominciare.

Fel. In quanto a me mi è indifferente. 0 voi, o io sempre

lo stesso è.

Ges. Vuie vedite cato originale! Ma no, vi sbagliate!...

Fel. A proposito, vuie tabacco nun ne pigliate?

Ges. (Mo dà fuoco a n’ ato capo) Sissignore, ecco qua, tenite... (gli offre la tabacchiera).

Fel. Buono, buono questo tabacco... ecci, eccì, (starnuta) Dove 1’ avete comprato?

Ges. (Uffa /) L’ho avuto complimentato.

Fel. E chi ve l’ha Complimentato?

Ges. Ma chesto mo me pare ch’è troppo!... ma vuie forse site venuto ccà ncoppa pe me fa perdere ’a capa? Ma si è accussi ve sbagliate. (Fel. piange) Aggio capito, meh... (chiama) Pulcinella...

Pul. (si presenta con la sbarra alzata per colpire Felice). "A cielo seenne ’o bene,..

Ges. Aspetta no momento. (E chesto nce maucarria "e passà pure no guaio appriesso) (a Pul.) Vattenne dint’a chillo stanzino e quanno te chiammo n’ata vota, allora tu jesce e dalle senza misericordia...

Pul. E comme, me chiamine apprimma e po? Mo t’’a mmeretarrisse tu ncapo? Ah?..

Ges. lamino ià, non tanta buffonate (Pul. via). Amico, se mi obbligate a chiamare di nuovo il mio servitore, nun saccio si n’avarrate piacere.

Fel. Come avete detto? Non vi capisco.

Ges. Me capisco io. Dunque, parlate.

Fel. Eccomi qua. In poche parole vi dirò un fatto cosi tremendo da farvi arriccia tutte ’e capille ncapo!.. Ma faciteme ’o piacere chiagnite nu poco (piange).

Ges. (;infastidito) Ma vuie ’o ssapite ca m’avite seccato bastantemente e ca si nun ’a fernite ve piglio a cauce pe tutta ’a scalinata?

Fel. Voi!..

Ges. Io si, pecchè?

Fel. No, dico voi siete il padrone di questa casa?

Ges. Sissignore.

Fel. Allora posso raccontare a voi il fatto?

Ges. E a chi ’o vulite raccuntà? [p. 13 càgna]Fel. Avete ragione... Si, ma vaie m’ avite ’a dà n’ ati cinche minute ’e permesso quanno me ne faccio n’ato ppoco...

Ges. (Afforza s’’a vò fa’ nata picciata/) Ma spicciateve...

Fel. Sissignore. Dunque dovete sapere che io ero al servizio d’ un principe turco ’o quale me vuleva bene cumm’ a no figlio; però un giorno sentendosi male mi disse che voleva far testamento!.. (grida; azione di Ges.) Ma pecchè dicette io; ma pecché ve menate sto malaurio ncuollo; vuie tenite na salute accussi bella!.. Niente niente, voglio fa testamiento, e siccome non ho eredi, voglio lassà tutte cose a tte. E accussi facette. Doppo poche juorne me chiammaje e me dicette: Rafaniè, io stasera debbo andare ad una festa da ballo, t’arraccumanno quanno vengo famme truva nu poco ’e pesce ’int’acita.Io, puntualmente, jette ’int’ ’a Preta e nce ’accattaje nu bello pesce ’e chesta posta... quanno isso turnaie nce l’apparicchiaie a tavola, e ’o facette accummincià a mangià... Ah! ca non nce pozzo penzà senza farmene n’ato poco.

Ges. E facitevello, mo ve truvate... (pausa) Ebbene, e che cosa successe?

Fel. Successe ca ’na spina ’e pesce facette muri a chillo povero patrone mio!..

Ges. Yuie vedite che disgrazia!.. Ma che diavolo di pesce era?

Fel. Che so... come lo chiamate voi...

Ges. Chest’ è bona! Yuie l’avite accattato e io l’aggia sapè...

Fel. Come, non lo sapete... quel pesce lungo lungo, con quella cosa lunga in bocca...

Ges. Ah, ho capito, pesce spata...

Fel. Bravo, l’avete indovinato: pesce spata.

-Ges. Ma il pesce spata non ha spine...

Fel. Forse. Ma il certo è ca pe mezzo ’e chillo pesce accussi gruosso, ’o povero patrone mio se ne murette.

Ges. Ma diciteme na cosa sto pesce quanto pesava?

Fel. Che so.., no dodici o tredici rotola...

Ges. E quanta persone erano in tavola?

Fel. Isso sulo!..

Ges. Isso sulo! E quanto se ne magnaie?

Fel. S’ ’o magnaie tutto quanto.

Ges. (scattando) E me venite a dicere eh’è muorto cu na spina!... Chillo è muorto p’ ’o cancaro ncuorp [p. 14 càgna]teneva! Yuie pazziate! dudece rotole ’e pesce p’una perzona! e poi m’immagino ca dint’ ’o brodo s’ avette ’a nfonnere pure quacche poco ’e pane...

Fel. Sì, ma pochissimo. Figuratevi, appena appena otto tortane.

Ges. Scusate si é poco!.. Io credo ca s’avette ’agliottere pure ’a spata: e vuie ve ne venite ca è muorto cu na spina! a l’arma d’ ’a piccola spina!..

Fel. Ma pure...

Ges. Ma pure m’avite ’a fa ’o piacere ’e veni alla conclusione, pecché io fino a mo nun aggio capito ancora vuie che vulite ’a me.

Fel. Ecco qua, mi spiego. Siccome io so che voi siete un abile pittore, così son venuto a pregarvi di farmi

il suo ritratto.

Ges. Chesto mo nun po’ essere; perché in vita mia non ho voluto mai ritrattare morti, per cui, aggiate pacienzia, dirigetevi ad altri.

Fel. Ya bene, allora me ne vado. Eppure aveva apparicchiato 200 lire, ed altre 50, se la somiglianza fosse stata perfetta... Ma giacche voi non volete, non fa niente; me ne vado...

Gos. Don... come ve chiammate, aspettate nu momento (’a verità 250 lire nun so da rifiutarsi, e po’ alla fine sempe nu muorto è). Diciteme na cosa: ’a faccia ’e stu muorto forse fa mettere appaura?

Fel. Monsignore, quello sembra vivo.

Ges. E chesto è chello ca me fa mettere cchiù appalira. Basta, aspettate; Pulcinella (chiama).

Pul. (esce e con la sbarra colpisce Felice che fugge).

Ges. Tu c’arma ’e zieta cumbine?

Pul. Mo vuò ’o riesto appriesso? Tu cumme he ditto?

Ges. Sì, ma ora il fatto è cambiato, perchè il signore qui presente é venuto a proporci un’affare d’oro.

Pul. Oro!.. (per la gioia si lascia cadere la sbarra che va sui piedi di Eug. e Ges.)

Ges. Ah che puozz’essere benedetto!..

Fel. Ah che puozz’essere maledetto!..

Pul. Aggiate pacienzia, ’a stessa priezza nun m’ aveva fatto cumbinà niente cchiù. E po ’a colpa nun è d’ ’a mia, ve l’avit’a piglià c’ ’a varra.

Ges. Beh, luvammo ’e pazzie ’a miezo, e parliamo sul serio, (a Pul.) Devi sapere che questo signore era ai servizio di un principe turco il quale ora è morto la[p. 15 càgna]sciandolo erede di tutte le sue sostanze; e poiché il defunto non teneva nisciuno ritratto, cosi questo giovinolo, volendo serbarne l’immagine mi ha dato l’incarico di ritrattarlo...

Pul. ’O muorto? E tiene ’o curaggio? Tu muore ’e paure si ’o vide sulamente.

Ges. E’ overo... ma 250 lire non son da rifiutarsi. E po’ pe non fa’ scombina ’o fatto, tutto dipende da te.

Pul. Da me? E’ pecché c’Jaggio ’a fa’?

Ges. M’he ’a tenè cumpagnia pe tutt’ ’o tiempo ca io ritratto ’o muorto.

Pul. A ine! E Chisto è suonno. Io ancora l’aggio ’a vede e già sto tremmanno ’a cap’ ’o pede.

Ges. Dunque accetti?

Pul. Tu c’accettà e accettà, io rifiuto.

Ges. Embè, siente, si tu me tiene cumpagnia, io te dongo 100 lire, e po’ mettarraggio pure na bona parola pe farte spusà a Carolina.

Pul. Ciento lire! Oh che piacere! Ma, spiegammoce, p’ ’a sola compagnia?

Ges. Oh, questo si capisce; ’o muorto addo sta?

Fel. Abbascio, dint" ’a carrozza.

Pul. Che! Già l’avite portato?

Ges. Pulecené, si tu accumience a tremmà cca nun cumbinammo niente cchiu!.. (tremando) Qua ci vuole coraggio!.. Signore, non perdiamo più tempo, jate a piglià ’o muorto e trasitelo cca; io e Pulcinella andremo a prendere tutto l’occorrente.

Fel. Eccomi qua, permettete... (via piangendo).

Ges. Ma chist’a n’afflizione!.. Iammo, Pulecené, vedimmolo ’e fa sto ritratto e non ce penzammo cchiù, porta pure na botteglia, no bicchiere e no lume; pe tramente io vaco dinto p’avvisà ’e guaglione ca nun ascessero d’’e stanze lloro si nun songo chiammate.

Pul. Va bene; (Ges. prend.tabac. e starn.) Misericordia!..

Ges. Siente* io n’aggio visto gente paurosa, ma cumm’ a te nun aggio visto ancora. E comme, pe nu sternuto... ah, ah, ah, jammo, meh, ca nun c’è tiempo da perdere (dopo lazzi, viano per parti opposte).

SCENA IX.

Felice e Giacometto(tfa turco) indi Gesualdo con tav.da disegno, ecc. e Pulcinella con lume, bottìglie e bicchiere.

Fel. Giacumi, m’arraccummanno a te, non fare scioc[p. 16 càgna]chezze, e pensa solamente ai modo cumme farlo mettere appaura, p’ ’o riesto po’ m’ ’o vech’ io.

Già. Lassate fa a mme e nun ce penzate ca 1’ aggio ’a fa piglià na vermenara ca se 1’ hanno arricurdà pe tutt’ ’o tiempo d’ ’a vita lloro.

Ges. (d. d.) Pulcinella, sei pronto?

Pul. ’A cchiù ’e mez’ora...

Fel. ’E bbi lloco, stanno venenno.

Ges. (senza guardare il morto) Pulecenè, 1’ he visto? Cumme te pare? Tene na faccia bella o brutta?

Pul. (c. s,) Patrò, che brutta faccia ca tene; è nera nera; tene nu paro d’uocchie spaparanzate ca me pareno doje lucerne... na barba ca Ile seenne abbascio’e piede... nu paro ’e nase.!.

Ges. Eh, ma ferniscela 1.. Tu non The visto ancora.

Pul. No, l’aggio visto ’a dint’ ’o culo d’ ’a botteglia.

Ges. Quante sciocchezze! Jammo, miette tutte cose ’ncopp’ ’o tavolino...

Pul. Mamma mia, i’ sto tremmanno sano sano...

Fel. Ma, via, signori, fatevi coraggio: questo che cos’è, alla fine poi non vedete che é un morto?

Ges. Si, avete ragione, ma che vulite nu muorto sempe ’mpressione fa. (Guardando il morto) Misericordia! Chisto pare ch’è muorto ’a no secolo. Pulecené, mo nce trovammo mo; facimmo un’anema e curaggio. (aFelice). Turnate a n’ato paro d’ore ca ’o ritratto è fatto.

Fel. E io addò me ne vaco?... E’ meglio c’aspetto ccà.

Ges. Ccà nun po’ essere. Io tengo per sistema ’e non fa sta a nisciuno nnanze quanno dipingo... per cui jatevenne abbascio ’o cafè e mentre ve Uggite ’o giornale, ’e doie ore so’ passate e bone...

Fel. Ebbene, allora aspetterò nel salotto...

Ges. Ya bene, aspettate nel salotto. (Fel. esce) Ato che doje ore! nuje cca restarrammo’a copp’a nu secolo!... Neh, Pulecenè, ma tu nu poco ’e curaggio 1’ hè ’a caccia!... Iammo piglia, chillo tavulino e chella seggia.

Pul. A chi? Io’a ccà nun me movo manco si me sparano. Io m’aggio pastenato ’e piede nterra.

Ges. Ebbene, vado io... Neh, alla fine nu muorto che me po’ fà? Io dico ca si, ma tu nun tiene proprio curaggio. Iammo, piglia quei tavolino e quella sedia.

Pul. E n’ata vota? Mo me ne vaco a via ’e dinto e accussi ’a fernesco.

Ges. Metti a terra quel bicchiere e quella bottiglia. [p. 17 càgna]Pul. Tu àie voglia ’e sbarià, ca io ’a ccà nun me movo.

Ges. Vedi corne faccio io [con lazzi prende il tavolino e la sedia) Ecco fatto! He visto? eh.’ ha fatto ’o muorto? Niente! Iammo, mova piglia chella seggia e assettate.

Pul. ’A seggia che sta vicino ’o muorto? Machisto è suonno, bello mio.

Ges. Allora va ne piglia una dinto.

Pul. E chesto manco po essere. Pe ghi dinto, aggio ’a passà pe nnanze ’o muorto.

Ges. Allora statte tu ccà, mo vaco io (jp, a.)

Pul. No, jammo tutt’ ’e duie. (entrano. Fel. esce dal salotto, entra nelle stanze di Errichetta).

Ges. (fuori con Pul. che porta la sedia) Ma tu devi finirla con le tue paure! Jammo, lasseme penzà a disegnà; tu intanto assettate Uà e nun te movere!... disegna (Pul. s*addormenta. Già. sale svila sedia) Pulcinella, Pulcinella...

Pul. (sognando) Mo, quanto me veco a fine ‘e stu suonoo...

Ges. Fa priesto, scetete, (lo scuote: Già. siede).

Pul. (balzando) Pecchè eh’ è stato ì

Ges. Tu nun saie niente... ’o muorto...

Pul. Ch’ ha fatto?

Ges. Sta ncopp’ ’a seggia alì’impiedi.

Pul. Tu c’ arma ’e mammeta dice!... Aiuto, aiuto...

Ges. Guarda, Pulcinella; guarda com’è lungo....

Pul. Tu che dice? Chillo ’o muorto sta assettato ’a seggia! tu ’o ffaie apposta pe me fa mettere appaura.

Ges. No, io te dico ’a verità... lo 1’ aggio visto allerta ngopp’ ’a seggia.

Pul. Vatté, ca nun pò essere, chella é ’a paura ca te fa piglià pizza pe tortano.

Ges. Forse... ma io ce scummettarria ’a capa mia ca l’aggio visto allerta...

Pul. Embé, vi che te dico: nuje cca stanotte murimmo p’ ’a paura: tu pe 150 lire e io pe 100.

Ges. Si, ma tu m’hé ’a fa ’o piacere ’e nun t’addurmi.... Sa che buò fà? pe fà passà nu poco ’o tiempo, raccontarne quacche fatticiello ca fa ridere.

Pul. Seh, e tu me daie nu poco "e vino.

Ges. Ti pare. Brevi, (gli porge da bere)..

Pul. Ma chesto m’avesse ’a fa male? (beve a lungo).

Gel. Io credo ca manco no quartarulo t’abbasta.

Pul. Tu vih, quanta chiacchere pe’ nu poco ’e vino...

Ges. Pe’ nu dito ’e vino! Tu n’ato poco te vevive pure [p. 18 càgna]’a butteglia. A me nun me dispiace p’ ’o vino, ma per le conseguenze. Si tu senza vevere, t’adduorme, figurammece po!..

Pul. Embè, spicciateve, ca io nun m’addormo...

Ges. Dunche, hè capito, nun t’addurmi, disegna Pul. si addormenta, Chi è?.. Uh chili’ animale ha ditto ca nun se sarria addurmuto... lo scuote). Si, ma tu nun hè ’a surchià!. (Giov. si nasconde). E ’o muorto? Altro che fantasia accesa ’...(guardando sotto al tavolo). Misericordia!.. Pulcinella, Pulcinella, ’o muorto sta ccà, sotto ’o tavulino (Già. si rimette c. s.).

Pul. Ma vuie avite visto buono?

Ges. Comme!., ’o vi ccà, ccà sotto...

Pul. Sotto addò?..

Ges. Cca, ma che si cecato? Guarda sotto a mme.

Pul. (dopo lazzi). Ma tu a chi vuò fà asci a mpazzia? Chillo sta a ’o pizzo suio.

Ges. Pulecenè, ccà l’affare è serio. E a mme nisciuno m’ ’o leva "a capa ca.. Basta, (disegniamo).

Pul. Fa ampressa/si patrò ca io te tengo cumpagnia... (si addormenta... Giov si alza ed entra dalle donne).

Ges. No, ccà ’o fatto è serio!., (tremando grida) Pulcinella, Pulciuella...

Pul. (svegliandosi). Ch’é stato?

Ges. Aggio fernuto.

Pul. Meno male....

Ges. Però, una cosa nce sta.

Pul. E sarria?

Ges. Quanno torna ’o servitore non trova nè l’originale, né il ritratto.

Pul. Tu che dice! E ’o muorto addò è ghiuto?

Ges. S’é ghiuto a ffa’ na passiata dint’ ’o campusanto.

Pul. Ma allora non aveva essere muorto.

Ges. E chesto é chello che penzo pur’io...

Pul. Allora aveva essere quacche mariunciello?

Ges. E ’o mmiette in dubbio...

Pul. Ma vuie po’ avite visto buono!

Ges. E ch’era fatto cecato! Teh, guarda tu pure, manco sotto a ’o tavulino nce sta... (Ges. e Pul. guardano, Giac, va per sedere s3 incontra con Put.).

Pul (nell" dizar si s’ incontra faccia a faccia con Già). Mamma mia bella!.. E tu ’o vaie truvanno pe sott’ ’o tavulino,.. chillo sta assettato ’a seggia

Ges. Anima di tutti i morti miei, aiutatemi voi... Ma [p. 19 càgna]pure,.. (come colpito da uri aspirazione dice fra sè) Si, ma Chisto non ha da essere nu muorto! Pulcinella?

Pul. Che buò?

Ges. (a voce bassa) (Io credo ca chisto ha da essere quacche mariuolo, ’o quale c’ ’a scusa d’’o ritratto cerca ’e nei ’arrubbà aunito cu chili’ ato che sta dint’ ’o salotto.

Pul. (Seh me capaceta. Embè allora c’avimmo ’a fa?...)

Ges. (Ecco qua facimmo a vedé ca nce vulimmo fa na mez’ora ’e suonno,e accussi vedimmo che mossa /a.,.)

Pul. (Accussi va buono.)

Ges. (a vGce alla) Pulecene’, io mi sento stanco, ho pensato di riposarmi un poco, tu farai lo stesso... e si te scite primma, chiammame.,.

Pul. Va bene, (pausa). Già. (entra dalle donne).

Ges, (che avrà tutto osservato) Pulecenè, cumme te pare?.. ’e suonno o é realtà?..

Pul. No, mo avite ragione mo.

Ges E mo sa’ chJ avimmo ’a fa? Tu miettete ncopp’ ’a seggia addò steve assettato isso; io me vaco a piglià chillo bastone che sta dinto e astuto’o lume, quanno’

o muorto a posticcio doppo d’avè fatto ’e fatte suoie torna n’ata vota ccà l’ora afferralo pe pietto e tienelo astrinto astrinto... e po nun ce penzà ca sarrà penziero mio d’ ’o rompere ’e ccustate...

Pul. Uh, cumme va bello! E qua sarrà ’o segnale?

Ges. Date forte.

Pul. Uh! cumme va a ciarnmiello! Date forte, date fòrte.

Ges. Zitto, sento rummore... Sta venenno; attiento, Pulecené... (smorza il lume. Già esce\ Pul. lo afferra, e, nell’oscurità, vien bastonato lui invece di Già.).

Pi;. (gridando). Non date forte, non date forte!..

SCENA ULTIMA

Felice, Errichetta, Carolina con lume, e detti.

Ges. Pulecenè 1’ aggio fatto na bona paliata.

Pul. No, vuie ’a paliata l’avite fatta a mme.

Tutti. Neh, ch’é succieso?

Ges. Comme! che veco! E vuie chi site? (a Fel.)

Fel. Felice Sciosciammocca, innammorato pazzo della vostra pupilla, la quale me vò bene, ed è disposta a sposarmi.

Ges. Ed io non sono disposto a darvela, e quindi vi consiglio di non metter più piede in questa casa.

Fel. " Egregio signore, vuie è inutile c’alluccate tanto [p. 20 càgna]perché io già mi sono dichiarato con Errichetta, e quindi vi avverto di metter subito fuori tutt’ ’a dote c’ ’a rummanette ’o paté..

Err. E già, dice buono Feliciello...

Car. Va buò, signori, nun ghiate tanto’e pressa, chillo ’o patrone é na brava perzona e pulite sta sicuro ca ve darrà tutto cheilo ca vulite.

Ges. È inutile, io per me non cedo.

Fel. Allora, con mio sommo dispiacere sarò costretto di ricorrere alla legge e quindi farvi pagare con la forza...

Ges. Ma non c’é bisogno di far tutto questo.

Fel. E perché?

Ges. Perché veggo che ho torto e debbo cedere. Dunque sposate, e quando credete vi renderò i conti.

Pul. Si patrò io te l’avevo ditto ca tu facive fiasco... E comme si viecchio e cierte cose nun ’e capisce!.. Tu avive ’a fa’ cumm’ aggio fatto io! Ecco ccà, io per esempio m’aggio saputo scegliere a na femmena ca me vò bene e ca nun me nganna. E chesta è Carolina mia.

Car. (E staie frisco).

Pul. Caroli, nun é overo ca me sarraie mogliera?

Car. Abbasta però c’ ’o patrone mantene ’a prumessa.

Ges. Riguardo alla dote? oh non nce penzà ca 1’ avarraie!.. (a Pul.) Eh, viato a te, ca finalmente haie ’o piacere ’e te spusà a na femmena ca te vo bene.

Pul. E ’o dice pure..* )a Car.) Viene ’a ccà, pupatella mia, damme ’a mano...

Car. (vivamente) Let’ ’a lloco, tu overamente t’ ’o mmuccava. Essi, chesto nce mancava, nun spusave ’o patrone, spusava ’o servitore; nonsignore non sta bene, e io mo pe non fa piglià collera a nisciuno dongo ’a a mano a Giacomino mio ca voglio tanto bene.

Già. Finalmente doppo tanta mbroglie sì d’’a mia.

Fel. Pulecenè, mo me pare c’"’o fiasco l’hè fatto tu, mo...

Pul. Aggio tuorto. Si patrò, e tu che ne dice?

Ges. E c’aggio ’a dicere. Dico... dico ca songo state duje matremmonie a surpresa.

Pul. Haie ragione, simmo state duje papurchie, nce l’anno fatta dint’ ’a U’uocchie,... ma nun fa niente, nce stanno tanta femmene ’ncopp’ ’a terra, ma ne sposarraggio a n’ata, me pozzo piglià collera pe chesto?,. me pigliarria sulamente collera se questi signori non ci dessero un piccolo segno della loro approvazione.

FINE