Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/11

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 9 —

Car. Patrò, che d’è, vuie nini rispunnite?.. Che veco Vuie chiagnite...

Ges. Siente,Caruli, io ti dirò la verità; ma tu m’hè ’a priimmettere ’e nun dì niente a nisciuno.

Car. Ma ve pare.

Ges. Ebbene sappi che in questo momento io sono l’uomo più sventurato di questa terra.

Car. E pecché?..

Ges. Perchè poco fa ho fatto capire ad Errichetta ca io teneva ’ntenzione e m’’a spusà, e quella invece...

Car. Cumme v’ha risposto?

Ges. Cu nu cuofeno ’e mmaleparole!.. Maleparole a me! oh, ma me la pagherà!..

Car. Ma vuie ve sbagliate: chella ’a signurina ve vò bene; e mo ch’è trasuta dinto l’aggio trovato ca redeva cummJ ’a na pazza e diceva: m’ha fatto aspettà tanto tiempo pe se spiegà, e io pe vennecarme l’aggio pigliato a maleparole.

Ges. Tu overamente dice! Addonca Carolina me vò bene? Ah ca io non ce capo dint’ ’e panne p’ ’a cuntentezza! (a Car). Ma si è accussi, curre, e dincelle ca io ’a voglio bene, e ca me so miso sempe scuorno ’e nce spiegà l’ammore mio!..

Car. Chiano, vuie cumme jate ’e pressa. E comme! vuie aute uommene site tutte ’e na manera. Si ’a vulite fa’ capace, jate vuie stesso dinto, ma chiagnenno però, sino chella ve dice ’e no.

Ges Vuie vedite che me succede! E io nun tengo genio ’e chiagnere cumme faccio?

Car. E vuie pecchesto v’avvelite? Facite accussi: dateve nu paro ’e ponie sotto a ll’uocchie, e accussi ve facite na chiagnuta.

Ges. No, ’a verità, nun tengo sta ntenzione. ’O chianto ha da essere naturale!.. Selì, aggio penzato, mo sa che faccio? vaco dint’ ’a cucina, piglio nu paro ’e cepolle m’ ’e spremmo vicino a ll’uocchie... e accussi me faccio asci ’e lacreme; saranno lagrime cipolline, è overo, ma sempre lagrime sono!..

Car. Seh, me persuade, facite accussi.

Ges. (per andare) No, aggio penzato meglio, sa che buò fa? Va tu primma dinto e fa a vvedè ca io sto tut: dispiaciuto p’ ’e mmaleparole ca m’ha ditto: è accussi a poco a poco Ile faie pure a ccapì ca nun sta bene a farme suffrì tanto...