Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/13

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 11 —

Hanno tuzzuliato vaco a vedè chi è (esce poi torna)

Ges. E chi putarrà essere a chèst’ora?..(aPw/.c7te intorno. \ Pulicené chi è?

Pu\. E’ no servitore ’e piazza ca te vò parla.

Ges. No servitore! L’hé guardato buono? ’A faccia soia cumme te pare?

Pul. ’A verità, tene na faccia ca nun é faccia come tutte le altre faccie... (lazzi).

Ges. ’O bbì ca nun ghiammo buono? Ed é solo?

Pul. Sulamente isso e ’a carrozza.

Ges. Allora sarà qualche affare ’e poco momento. Basta? Sa che buòfà, fallo sagli e chiudo buono ’o portone; quanno isso è Jrasuto ccà dinto, tu vattenne dint’ a l’urdema stanza ’e 1’ appartamento e non appena io dico: « Pulecenella » tu jesce cu chillo varrone ca mettimmo ’a sera arreto ’a porta e nce o summuzzo nfra capa e noce dJ ’o cuollo.

Pul. A chi?

Ges. A chillo ca mo saglie ccà ncoppa.

Pul. Proprio a chillo?

Ges. E a chi, a me?.. Pulecené, t’arraccumanno mo, nun fa ciucciarie..

Pul. Nun ce penzà ca staie minano a Tuonimene!., (entra).

Ges. E chi sarrà stu servitore? Che vularrà ’a me?

SCENA Vili

Felice, da servo, e detto, indi Pulicenella.

Fel. (Esce e senza dir motto prorompe in un dirotto pianto).

Ges. (Che diavolo 1’ èsuccieso?) Via, calmatevi; e assettateve nu poco. (Felice seguita a piangere). Sentite si vuie nun ’a fernite cu sti lacremelle, ccà nun cumbinammo niente cchiù!.. Insomma, che vulite a me?...

Fel. Io, garbatissimo e colendissimo signore, non voglio niente, (piange c. s.).

Ges. E allora che nce site venuto a fla’?

Fel. Avete ragione, dite bene, anzi, dite pur troppo bene... (seguita a piangere).

Ges. Embè dico buono, e turnate a chiagnere.

Fel. Avete ragione, dite bene (c. s.).

Ges. Sentite, se siete venuto per parlarmi é un lattu. po site venuto pe me veni affliggere, è meglio ca ve ne jate n’ata vota...