Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/18

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 16 —

chezze, e pensa solamente ai modo cumme farlo mettere appaura, p’ ’o riesto po’ m’ ’o vech’ io.

Già. Lassate fa a mme e nun ce penzate ca 1’ aggio ’a fa piglià na vermenara ca se 1’ hanno arricurdà pe tutt’ ’o tiempo d’ ’a vita lloro.

Ges. (d. d.) Pulcinella, sei pronto?

Pul. ’A cchiù ’e mez’ora...

Fel. ’E bbi lloco, stanno venenno.

Ges. (senza guardare il morto) Pulecenè, 1’ he visto? Cumme te pare? Tene na faccia bella o brutta?

Pul. (c. s,) Patrò, che brutta faccia ca tene; è nera nera; tene nu paro d’uocchie spaparanzate ca me pareno doje lucerne... na barba ca Ile seenne abbascio’e piede... nu paro ’e nase.!.

Ges. Eh, ma ferniscela 1.. Tu non The visto ancora.

Pul. No, l’aggio visto ’a dint’ ’o culo d’ ’a botteglia.

Ges. Quante sciocchezze! Jammo, miette tutte cose ’ncopp’ ’o tavolino...

Pul. Mamma mia, i’ sto tremmanno sano sano...

Fel. Ma, via, signori, fatevi coraggio: questo che cos’è, alla fine poi non vedete che é un morto?

Ges. Si, avete ragione, ma che vulite nu muorto sempe ’mpressione fa. (Guardando il morto) Misericordia! Chisto pare ch’è muorto ’a no secolo. Pulecené, mo nce trovammo mo; facimmo un’anema e curaggio. (aFelice). Turnate a n’ato paro d’ore ca ’o ritratto è fatto.

Fel. E io addò me ne vaco?... E’ meglio c’aspetto ccà.

Ges. Ccà nun po’ essere. Io tengo per sistema ’e non fa sta a nisciuno nnanze quanno dipingo... per cui jatevenne abbascio ’o cafè e mentre ve Uggite ’o giornale, ’e doie ore so’ passate e bone...

Fel. Ebbene, allora aspetterò nel salotto...

Ges. Ya bene, aspettate nel salotto. (Fel. esce) Ato che doje ore! nuje cca restarrammo’a copp’a nu secolo!... Neh, Pulecenè, ma tu nu poco ’e curaggio 1’ hè ’a caccia!... Iammo piglia, chillo tavulino e chella seggia.

Pul. A chi? Io’a ccà nun me movo manco si me sparano. Io m’aggio pastenato ’e piede nterra.

Ges. Ebbene, vado io... Neh, alla fine nu muorto che me po’ fà? Io dico ca si, ma tu nun tiene proprio curaggio. Iammo, piglia quei tavolino e quella sedia.

Pul. E n’ata vota? Mo me ne vaco a via ’e dinto e accussi ’a fernesco.

Ges. Metti a terra quel bicchiere e quella bottiglia.