Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/6

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 4 —

Car. Hanno tuzzuliato! Vaco a vede chi è. Chi e?

SCENA III.

Felice, Giacomino e detti

Pel. Arape, Caruli, songh’io, e nce sta pure ’o servitore mio Giacomino...

Err. Bene mio! E cumme se fa?...

Car. Curarne se fa? Se fa accussi: s’ arape e se nzerra a porta (esegue con gran disinvoltura).

Fel. (<mirando) Mia cara, mia buona Errichetta...

Giac. (c. s.) Carolina de sto core...

Fel. (a Giac.) Neh, scostumato, addò t’ he mparato s’t’educazione che mentre il padrone parla...

Già. Avite ragione. Ma che vii li te, ammore fa scurdà ogne cosa; io capisco c’ ’o du vere mio è cchillo’e fa’ parla primma a vuie, ma... Basta, faciteve primma ’a mez’ora vosta ca po’ doppo me faccio ’a mia.

Fel. Tu c’arma ’e mammeta ne vutte... Noi appena appena possiamo trattenerci na quindicina ’e minute. Tu ’o saie ’o viecchio cumm’é furiuso, e si chillo torna a tiempo, na vertolina nun nce’a leva manco Barbanera. Yia, Errichetta mia, non farti vedere più accussi appucundrosa! Tu lo sai che il mio amore per te è immenso: è infinito!... lamino meh, nun te fa vedé cchiù cu sta capa sotto... Ma che d’é tu triemme?... Ma tu nun saie ca Feliciello tuio se faciarrà accidere chiuttosto anziché vederti sposa di un altro?

Già. (a Car.) Ed io ti giuro che a costo ’e me fa na cinquantina ’e duelle te sarraggio marito.

Fel. Embé, faggio ditto che quanno parla ’o padrone, il servo deve appiiare...

Già. Patrò, ccà nce stanno na quinnecina e minute ’e tiempo, io si nun profitto mo quanno profitto cchiù?

Car. 1). Felì, meh, nun ’o murtificate cchiù; vuie ’o ssapite ca io ’o voglio bene assaie assaie pecchè é stato sempe pazziariello...

Fel. Ya buò, non fa niente, fate gli affari vostri.

Giac, (fregandosi le mani) Uh che bella cosa, ’o patrone m’ ha dato ’o premesso, mo me voglio fa na bona magnata ’e vase (resta in azione con Car.)

Fel. Neh, Erriche, ma se po’ sapè pecchè staie eccussi nguttosa?

Err. E che taggio ’a dicere? Nun ’o ssaie c’ ’o tutore mio