Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/16

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 14 —

teneva! Yuie pazziate! dudece rotole ’e pesce p’una perzona! e poi m’immagino ca dint’ ’o brodo s’ avette ’a nfonnere pure quacche poco ’e pane...

Fel. Sì, ma pochissimo. Figuratevi, appena appena otto tortane.

Ges. Scusate si é poco!.. Io credo ca s’avette ’agliottere pure ’a spata: e vuie ve ne venite ca è muorto cu na spina! a l’arma d’ ’a piccola spina!..

Fel. Ma pure...

Ges. Ma pure m’avite ’a fa ’o piacere ’e veni alla conclusione, pecché io fino a mo nun aggio capito ancora vuie che vulite ’a me.

Fel. Ecco qua, mi spiego. Siccome io so che voi siete un abile pittore, così son venuto a pregarvi di farmi

il suo ritratto.

Ges. Chesto mo nun po’ essere; perché in vita mia non ho voluto mai ritrattare morti, per cui, aggiate pacienzia, dirigetevi ad altri.

Fel. Ya bene, allora me ne vado. Eppure aveva apparicchiato 200 lire, ed altre 50, se la somiglianza fosse stata perfetta... Ma giacche voi non volete, non fa niente; me ne vado...

Gos. Don... come ve chiammate, aspettate nu momento (’a verità 250 lire nun so da rifiutarsi, e po’ alla fine sempe nu muorto è). Diciteme na cosa: ’a faccia ’e stu muorto forse fa mettere appaura?

Fel. Monsignore, quello sembra vivo.

Ges. E chesto è chello ca me fa mettere cchiù appalira. Basta, aspettate; Pulcinella (chiama).

Pul. (esce e con la sbarra colpisce Felice che fugge).

Ges. Tu c’arma ’e zieta cumbine?

Pul. Mo vuò ’o riesto appriesso? Tu cumme he ditto?

Ges. Sì, ma ora il fatto è cambiato, perchè il signore qui presente é venuto a proporci un’affare d’oro.

Pul. Oro!.. (per la gioia si lascia cadere la sbarra che va sui piedi di Eug. e Ges.)

Ges. Ah che puozz’essere benedetto!..

Fel. Ah che puozz’essere maledetto!..

Pul. Aggiate pacienzia, ’a stessa priezza nun m’ aveva fatto cumbinà niente cchiù. E po ’a colpa nun è d’ ’a mia, ve l’avit’a piglià c’ ’a varra.

Ges. Beh, luvammo ’e pazzie ’a miezo, e parliamo sul serio, (a Pul.) Devi sapere che questo signore era ai servizio di un principe turco il quale ora è morto la-