Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/15

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 13 —

Fel. Avete ragione... Si, ma vaie m’ avite ’a dà n’ ati cinche minute ’e permesso quanno me ne faccio n’ato ppoco...

Ges. (Afforza s’’a vò fa’ nata picciata/) Ma spicciateve...

Fel. Sissignore. Dunque dovete sapere che io ero al servizio d’ un principe turco ’o quale me vuleva bene cumm’ a no figlio; però un giorno sentendosi male mi disse che voleva far testamento!.. (grida; azione di Ges.) Ma pecchè dicette io; ma pecché ve menate sto malaurio ncuollo; vuie tenite na salute accussi bella!.. Niente niente, voglio fa testamiento, e siccome non ho eredi, voglio lassà tutte cose a tte. E accussi facette. Doppo poche juorne me chiammaje e me dicette: Rafaniè, io stasera debbo andare ad una festa da ballo, t’arraccumanno quanno vengo famme truva nu poco ’e pesce ’int’acita.Io, puntualmente, jette ’int’ ’a Preta e nce ’accattaje nu bello pesce ’e chesta posta... quanno isso turnaie nce l’apparicchiaie a tavola, e ’o facette accummincià a mangià... Ah! ca non nce pozzo penzà senza farmene n’ato poco.

Ges. E facitevello, mo ve truvate... (pausa) Ebbene, e che cosa successe?

Fel. Successe ca ’na spina ’e pesce facette muri a chillo povero patrone mio!..

Ges. Yuie vedite che disgrazia!.. Ma che diavolo di pesce era?

Fel. Che so... come lo chiamate voi...

Ges. Chest’ è bona! Yuie l’avite accattato e io l’aggia sapè...

Fel. Come, non lo sapete... quel pesce lungo lungo, con quella cosa lunga in bocca...

Ges. Ah, ho capito, pesce spata...

Fel. Bravo, l’avete indovinato: pesce spata.

-Ges. Ma il pesce spata non ha spine...

Fel. Forse. Ma il certo è ca pe mezzo ’e chillo pesce accussi gruosso, ’o povero patrone mio se ne murette.

Ges. Ma diciteme na cosa sto pesce quanto pesava?

Fel. Che so.., no dodici o tredici rotola...

Ges. E quanta persone erano in tavola?

Fel. Isso sulo!..

Ges. Isso sulo! E quanto se ne magnaie?

Fel. S’ ’o magnaie tutto quanto.

Ges. (scattando) E me venite a dicere eh’è muorto cu na spina!... Chillo è muorto p’ ’o cancaro ncuorp