Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/22

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 20 —

perché io già mi sono dichiarato con Errichetta, e quindi vi avverto di metter subito fuori tutt’ ’a dote c’ ’a rummanette ’o paté..

Err. E già, dice buono Feliciello...

Car. Va buò, signori, nun ghiate tanto’e pressa, chillo ’o patrone é na brava perzona e pulite sta sicuro ca ve darrà tutto cheilo ca vulite.

Ges. È inutile, io per me non cedo.

Fel. Allora, con mio sommo dispiacere sarò costretto di ricorrere alla legge e quindi farvi pagare con la forza...

Ges. Ma non c’é bisogno di far tutto questo.

Fel. E perché?

Ges. Perché veggo che ho torto e debbo cedere. Dunque sposate, e quando credete vi renderò i conti.

Pul. Si patrò io te l’avevo ditto ca tu facive fiasco... E comme si viecchio e cierte cose nun ’e capisce!.. Tu avive ’a fa’ cumm’ aggio fatto io! Ecco ccà, io per esempio m’aggio saputo scegliere a na femmena ca me vò bene e ca nun me nganna. E chesta è Carolina mia.

Car. (E staie frisco).

Pul. Caroli, nun é overo ca me sarraie mogliera?

Car. Abbasta però c’ ’o patrone mantene ’a prumessa.

Ges. Riguardo alla dote? oh non nce penzà ca 1’ avarraie!.. (a Pul.) Eh, viato a te, ca finalmente haie ’o piacere ’e te spusà a na femmena ca te vo bene.

Pul. E ’o dice pure..* )a Car.) Viene ’a ccà, pupatella mia, damme ’a mano...

Car. (vivamente) Let’ ’a lloco, tu overamente t’ ’o mmuccava. Essi, chesto nce mancava, nun spusave ’o patrone, spusava ’o servitore; nonsignore non sta bene, e io mo pe non fa piglià collera a nisciuno dongo ’a a mano a Giacomino mio ca voglio tanto bene.

Già. Finalmente doppo tanta mbroglie sì d’’a mia.

Fel. Pulecenè, mo me pare c’"’o fiasco l’hè fatto tu, mo...

Pul. Aggio tuorto. Si patrò, e tu che ne dice?

Ges. E c’aggio ’a dicere. Dico... dico ca songo state duje matremmonie a surpresa.

Pul. Haie ragione, simmo state duje papurchie, nce l’anno fatta dint’ ’a U’uocchie,... ma nun fa niente, nce stanno tanta femmene ’ncopp’ ’a terra, ma ne sposarraggio a n’ata, me pozzo piglià collera pe chesto?,. me pigliarria sulamente collera se questi signori non ci dessero un piccolo segno della loro approvazione.

FINE