Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/5

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 3 —

muina m’ ha dato na scatola ’e culure pe n* ci ritorneremo, e vedrai come mi contenterà.

Pul. E vuie dicite c’*o mercante ve cagna ’0 calettino? Embè. mo vedimmo si quanno jammo pun me faccio n’ ata schiattata ’e risa.

Ges. Va buò, mo vedimmo si aggio ragione o no. Intanto lasciami chiamare un momento Carolina. (chiamando) Carolina, Carolina...

SCENA II.

Carolina e detti indi Errichetta

Car. Che cumannate, patrò.

Ges. Sentì, Carolina: io e Pulcinella dobbiamo andare a ifa’ nu servizio’e pressa; perciò ti raccomando, chiudi bene ’a porta e non aprire ad anima vivente.

Pul. He capito? Arape sule a’e muorte; a’e vive no.

Ges. Ma comme, he ditte tu mo ca nun a vuo’ fernì?... Afforze vuo’ ca te piglio a cravasciate? (a Car.) Hai capito, Carolina, non aprire a nessuno si non siente ’a voce mia...

Car. Ya bene, nun ce penzate. Anze, io mo chiudo ’a porta a doppia chiave...

Ges. Bravo, bravo!... Pulcinella, andiamo.

Pul. Mo, quanto dico na parola tennera a Carulina...

Ges. Ma che parola tennera e tennera me vaie cuntanno... Non vide ca s’ è fatto notte, e putimmo truvà nchiuso ’o mercante!...

Pul. Haie ragione.Eccome ccà viano,(dopo lazzi a piacere)

Car. Ah, se ne so’ gghiute finalmente (va alla porto. ^ chiama) Signuri, ascite nu mumento ccà fora e jarlamme nu poco d’ ’e nnammurate nuoste.

Err. Ah, Carolina mia,, tu nun saje quanto soogo’nfelice..

Car. E pecchè, signuri?

Err. Pecchè penzo ca nun pozzo spusarme a Felicieilo mio ca voglio tanto bene...

Car. Signuri, vuie che ghiate penzanno ì Vuie v’avite ’a fa’o cunto c’ 0 tutore vuosto 0 c’ ’o buono o c’ ’a forza ha d’ accunzentì,

Err. Tu dice buono, ma non saie quanti avaro chilFommo: chillo sarria capace ’e me fa’ mur; zetella pe nun caccia ’a dote ca me rnmmanette paterno (si sente bussare alla porta).