Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 10 —

Oar. Seh, dicite buono; mo vaco e ve servo

Ges. Siente, si tu si capace ’e fa’ succedere stu màtremmonio, io te saparraggio riconoscere, e po’ nun ce penzà, ca te prummetto ’e darte na bella dote pe quanno spusarraie...

Car. E che tengo ’o sposo io?

Ges. Eh, maliziosa, maliziosa, te pienze ca io nun ’o ssaccio ca tu faie ’ammore cu...

Car. Cu chi?..

Ges Guè, alle corte, io so tutto: tu faie ’ammore cu Pulicenella...

Car. Ah si, é overo! (E staie frisco! A Giacomino mio me spusarraggio!) E vuie n’avite piacere?..

Ges. Io pe me non ce trovo niseiuna diili colta!..

Oar. E io ve sarraggio obbligata. Basta, io vaco dinto pe fa tutto chello ca m’avite ordinato (vìa).

Ges. Nun te scurda ’e me fa veni a Pulecenella!.. E chi puteva mai credere ca Errichetta me vulesse tanto bene. Vuie vedite fino addò arriva ’a malizia d’é femmene. Io credeva che Errichetta non mi amasse e chella invece jeva pazza pe mme. Oh, ma io pozzo chiamarme veramente fortunato se giungo a possedere

il cuore di quella bella ragazza!.. Sarà quello il più bel giorno della mia vita!..

SCENA VII.

Pulcinella, e deito.

Pul. Eccome ccà a mme,

Ges. Zompa, Pulecenè, zompa.

Pul. E che m’hè pigliato pe granavuottolo?

Ges. Viene ’a ccà e damme no vaso.

Pul. Ma pecche?

Ges. Per il piacere che provo in questo momento. Tu nun saie niente? Io aggio pigliato no terno!.. (lazzi). Errichetta me vò bene!

Pul. (Embè, io scummetto ca Chisto ha perduto é chiaucarelle). Ma tu overamente dice?

Ges. Ma si, ma si, mio caro Pulcinella. E poi aggio coni* binato pure ’o matremmonio tuio co Carolina.

Pul. Uh, che bella cosa. Evviva chillo patrone mio!.

Ges. N’ato vaso.

Pul. N’ ata astregnetora. (Si baciano e si abbracciano con lazzi, in questo mentre si ode bussare alla porta)