Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/20

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 18 —

’a butteglia. A me nun me dispiace p’ ’o vino, ma per le conseguenze. Si tu senza vevere, t’adduorme, figurammece po!..

Pul. Embè, spicciateve, ca io nun m’addormo...

Ges. Dunche, hè capito, nun t’addurmi, disegna Pul. si addormenta, Chi è?.. Uh chili’ animale ha ditto ca nun se sarria addurmuto... lo scuote). Si, ma tu nun hè ’a surchià!. (Giov. si nasconde). E ’o muorto? Altro che fantasia accesa ’...(guardando sotto al tavolo). Misericordia!.. Pulcinella, Pulcinella, ’o muorto sta ccà, sotto ’o tavulino (Già. si rimette c. s.).

Pul. Ma vuie avite visto buono?

Ges. Comme!., ’o vi ccà, ccà sotto...

Pul. Sotto addò?..

Ges. Cca, ma che si cecato? Guarda sotto a mme.

Pul. (dopo lazzi). Ma tu a chi vuò fà asci a mpazzia? Chillo sta a ’o pizzo suio.

Ges. Pulecenè, ccà l’affare è serio. E a mme nisciuno m’ ’o leva "a capa ca.. Basta, (disegniamo).

Pul. Fa ampressa/si patrò ca io te tengo cumpagnia... (si addormenta... Giov si alza ed entra dalle donne).

Ges. No, ccà ’o fatto è serio!., (tremando grida) Pulcinella, Pulciuella...

Pul. (svegliandosi). Ch’é stato?

Ges. Aggio fernuto.

Pul. Meno male....

Ges. Però, una cosa nce sta.

Pul. E sarria?

Ges. Quanno torna ’o servitore non trova nè l’originale, né il ritratto.

Pul. Tu che dice! E ’o muorto addò è ghiuto?

Ges. S’é ghiuto a ffa’ na passiata dint’ ’o campusanto.

Pul. Ma allora non aveva essere muorto.

Ges. E chesto é chello che penzo pur’io...

Pul. Allora aveva essere quacche mariunciello?

Ges. E ’o mmiette in dubbio...

Pul. Ma vuie po’ avite visto buono!

Ges. E ch’era fatto cecato! Teh, guarda tu pure, manco sotto a ’o tavulino nce sta... (Ges. e Pul. guardano, Giac, va per sedere s3 incontra con Put.).

Pul (nell" dizar si s’ incontra faccia a faccia con Già). Mamma mia bella!.. E tu ’o vaie truvanno pe sott’ ’o tavulino,.. chillo sta assettato ’a seggia

Ges. Anima di tutti i morti miei, aiutatemi voi... Ma