Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/21

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 19 —

pure,.. (come colpito da uri aspirazione dice fra sè) Si, ma Chisto non ha da essere nu muorto! Pulcinella?

Pul. Che buò?

Ges. (a voce bassa) (Io credo ca chisto ha da essere quacche mariuolo, ’o quale c’ ’a scusa d’’o ritratto cerca ’e nei ’arrubbà aunito cu chili’ ato che sta dint’ ’o salotto.

Pul. (Seh me capaceta. Embè allora c’avimmo ’a fa?...)

Ges. (Ecco qua facimmo a vedé ca nce vulimmo fa na mez’ora ’e suonno,e accussi vedimmo che mossa /a.,.)

Pul. (Accussi va buono.)

Ges. (a vGce alla) Pulecene’, io mi sento stanco, ho pensato di riposarmi un poco, tu farai lo stesso... e si te scite primma, chiammame.,.

Pul. Va bene, (pausa). Già. (entra dalle donne).

Ges, (che avrà tutto osservato) Pulecenè, cumme te pare?.. ’e suonno o é realtà?..

Pul. No, mo avite ragione mo.

Ges E mo sa’ chJ avimmo ’a fa? Tu miettete ncopp’ ’a seggia addò steve assettato isso; io me vaco a piglià chillo bastone che sta dinto e astuto’o lume, quanno’

o muorto a posticcio doppo d’avè fatto ’e fatte suoie torna n’ata vota ccà l’ora afferralo pe pietto e tienelo astrinto astrinto... e po nun ce penzà ca sarrà penziero mio d’ ’o rompere ’e ccustate...

Pul. Uh, cumme va bello! E qua sarrà ’o segnale?

Ges. Date forte.

Pul. Uh! cumme va a ciarnmiello! Date forte, date fòrte.

Ges. Zitto, sento rummore... Sta venenno; attiento, Pulecené... (smorza il lume. Già esce\ Pul. lo afferra, e, nell’oscurità, vien bastonato lui invece di Già.).

Pi;. (gridando). Non date forte, non date forte!..

SCENA ULTIMA

Felice, Errichetta, Carolina con lume, e detti.

Ges. Pulecenè 1’ aggio fatto na bona paliata.

Pul. No, vuie ’a paliata l’avite fatta a mme.

Tutti. Neh, ch’é succieso?

Ges. Comme! che veco! E vuie chi site? (a Fel.)

Fel. Felice Sciosciammocca, innammorato pazzo della vostra pupilla, la quale me vò bene, ed è disposta a sposarmi.

Ges. Ed io non sono disposto a darvela, e quindi vi consiglio di non metter più piede in questa casa.

Fel. " Egregio signore, vuie è inutile c’alluccate tanto