Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/9

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 7 —

spusarrà a Marcoffio dint’ ’a luna ma nun già a tte ca me pare nu scorpione ’e notte. Ah, ah, ah!...

Ges. Tu sai un animale! Tu cierti ccose nun ’e capisce, ed io ti farò vedere che Errichetta sarà contenta...

Pcl. E pe Carolina po’ che 1Tbè risposto?

Ges. L’ aggio risposto ca si essa vò, io pe mme non ce trovo nisciuna difficoltà.

Pul. E mo hè sbagliato! Mo he pigliato nu zarro.

Ges. Comme nun aggio ditto buono?

Pul. E no, ca nun hè ditto buono, pecchè Carolina è già sposata da un secolo.

Ges. Pulecené, nun pazzià!... Comme! Carolina sposava senza dinne niente, senza il mio consenso. Forse fa’ ’ammore. E chi è mai quel desso?.. (lazzi).

Pul. (vezzeggiandosi) quel desso sono io!.. E mo c’ ’o ssaie, statte zitto...

Ges. Ma forse vuoi dire che hai intenzione di sposarla, non già che l’hai già sposata.

Pul. O sposata o non sposata, Carolina ha da essere ’a mia.

Ges. Ma tu sì pazzo!.. Cu stu naso a puparuolo p’arrostere, cu sti panne fatte a cuorpo sciuoveto...

Pu,. Ma sempe vint’anne meno ’e te tengo.

Ges. Venti anni! Venti giorni vuoi dire!...Oh, ma dimmi, Carolina ti corrisponde?

Pul. Me corrisponne? Chella va pazza pe mme.

Ges. Bravo, questo mi fa piacere, pare c’ accussi Carolina nce mettarrà pur’essa na bona parola c’a padrona soia!... Chella Errichetta ’a vo’ bene assaie, e poi non sai? io ho pensa o di combinare questi due matrimonii nella stessa giornata...

Pul. Evviva chillo patrone mio! Vulimmo fa revutà tutt’’o vecenato.

Ges. Riguardo poi ai festini, ai suoni, t’ ’o vide tu... Ti raccomando di fare le cose per bene...

Pul. Pecchesto po’ nun ce penzà. Oh, ma parlammo chiaro, io pe me nzorà aggio abbesuogno ’e te, pecchè i’ joco ’a disperata... (volendo significare che è povero).

Ges. Va bene, va bene, a questo ci penserò io!.. Iammo, va chiamma a Errichetta e nun ce fa sapè niente ’e chello c’avimmo combinato.

Pul. M’avite pigliate pe piccerillo? Mo vaco e ve servo. (entra)

Ges. Io nun saccio cumrne nce l’aggio ’a fa capi c ’a voglio bene! O amore, ispirami tu!..