Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/4

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.




ATTO UNICO


Camera con tavolino e poche sedie

SCENA I.

Gesualdo e Pulcinella (p. dentro p. fuori)

Ges. (d. d.) Cammina, buffone, e non ridere...

Pul. (c. s.) Gué, parla comm’ haie ’a parlà, sinò te piglio a pponie ncopp’ ’o naso.

Ges. (jfuori) Pulcinella, ti ho detto tante volte non tanta confidenza con me! (calcando le parole) Capisci, non tanta confidenza!...

Pul. Ma comme, vuò ave pure ragione? Cheste so’ ccose ’e 1’ ato munno. (ridendo) ’O fatto tuio é na fatto ca si ’o saparriano ’e muorte dint’ ’o campusanto nun putarriano fa’ a mmeno ’e se fa’ na schiattata ’e risa. (seguita a ridere).

Ges. Siente, Pulecenè, si nun ’a fenisce, alzo il bastone, e invece ’e ridere te faccio chiagnere! Ma tu lo capisci che con questo tuo ridere me tuocche tutta ’a nervatura.

Pul. Io te capisco, tu àie ragione ’e sta tuccato ’e nervatura. Ma tu avisse avuto sta int’ ’e panne mieje quanno io aggio visto ’a faccia eh’ è fatto quanno he aperta ’a scatola d’ ’e culure abbascio ’o palazzo... Figurate, ’o naso tuio eraaddeventato nu parmoluongo!. i tuoi occhi erano usciti fuori dalle loro finestre... ah> ah., ah, tu te credive d’ avè accattata na scatola ’e culure sopraffine, è chillo invece ’o mercanto t’ ha dato na scatola Je culure ca nun so’ bbuone manco a pitta na cantina!...

Ges. Tu sei una bestia! Io ti dico che il mercante non è persona capace di fare inganni!... Tu nun he visto’a folla che steva dint’ ’o magazzino; nun hè visto quanta cascettine ’e culure nce stevano; or dunque, int’am-