Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/14

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 12 —

Fe^. (con voce lamentevole) Sissignore; ma fatemi il piacere incominciate a parlare prima voi...

Ges. Vih, cumme va bello stu poco!... Comme vuie venite pe parlarme e vulite c’accummencio primm’ io... Spetta a voi d’incominciare.

Fel. In quanto a me mi è indifferente. 0 voi, o io sempre

lo stesso è.

Ges. Vuie vedite cato originale! Ma no, vi sbagliate!...

Fel. A proposito, vuie tabacco nun ne pigliate?

Ges. (Mo dà fuoco a n’ ato capo) Sissignore, ecco qua, tenite... (gli offre la tabacchiera).

Fel. Buono, buono questo tabacco... ecci, eccì, (starnuta) Dove 1’ avete comprato?

Ges. (Uffa /) L’ho avuto complimentato.

Fel. E chi ve l’ha Complimentato?

Ges. Ma chesto mo me pare ch’è troppo!... ma vuie forse site venuto ccà ncoppa pe me fa perdere ’a capa? Ma si è accussi ve sbagliate. (Fel. piange) Aggio capito, meh... (chiama) Pulcinella...

Pul. (si presenta con la sbarra alzata per colpire Felice). "A cielo seenne ’o bene,..

Ges. Aspetta no momento. (E chesto nce maucarria "e passà pure no guaio appriesso) (a Pul.) Vattenne dint’a chillo stanzino e quanno te chiammo n’ata vota, allora tu jesce e dalle senza misericordia...

Pul. E comme, me chiamine apprimma e po? Mo t’’a mmeretarrisse tu ncapo? Ah?..

Ges. lamino ià, non tanta buffonate (Pul. via). Amico, se mi obbligate a chiamare di nuovo il mio servitore, nun saccio si n’avarrate piacere.

Fel. Come avete detto? Non vi capisco.

Ges. Me capisco io. Dunque, parlate.

Fel. Eccomi qua. In poche parole vi dirò un fatto cosi tremendo da farvi arriccia tutte ’e capille ncapo!.. Ma faciteme ’o piacere chiagnite nu poco (piange).

Ges. (;infastidito) Ma vuie ’o ssapite ca m’avite seccato bastantemente e ca si nun ’a fernite ve piglio a cauce pe tutta ’a scalinata?

Fel. Voi!..

Ges. Io si, pecchè?

Fel. No, dico voi siete il padrone di questa casa?

Ges. Sissignore.

Fel. Allora posso raccontare a voi il fatto?

Ges. E a chi ’o vulite raccuntà?