Paggena:Duje matremmonie a surpresa con Pulcinella pittore pauroso.djvu/17

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta.
— 15 —

sciandolo erede di tutte le sue sostanze; e poiché il defunto non teneva nisciuno ritratto, cosi questo giovinolo, volendo serbarne l’immagine mi ha dato l’incarico di ritrattarlo...

Pul. ’O muorto? E tiene ’o curaggio? Tu muore ’e paure si ’o vide sulamente.

Ges. E’ overo... ma 250 lire non son da rifiutarsi. E po’ pe non fa’ scombina ’o fatto, tutto dipende da te.

Pul. Da me? E’ pecché c’Jaggio ’a fa’?

Ges. M’he ’a tenè cumpagnia pe tutt’ ’o tiempo ca io ritratto ’o muorto.

Pul. A ine! E Chisto è suonno. Io ancora l’aggio ’a vede e già sto tremmanno ’a cap’ ’o pede.

Ges. Dunque accetti?

Pul. Tu c’accettà e accettà, io rifiuto.

Ges. Embè, siente, si tu me tiene cumpagnia, io te dongo 100 lire, e po’ mettarraggio pure na bona parola pe farte spusà a Carolina.

Pul. Ciento lire! Oh che piacere! Ma, spiegammoce, p’ ’a sola compagnia?

Ges. Oh, questo si capisce; ’o muorto addo sta?

Fel. Abbascio, dint" ’a carrozza.

Pul. Che! Già l’avite portato?

Ges. Pulecené, si tu accumience a tremmà cca nun cumbinammo niente cchiu!.. (tremando) Qua ci vuole coraggio!.. Signore, non perdiamo più tempo, jate a piglià ’o muorto e trasitelo cca; io e Pulcinella andremo a prendere tutto l’occorrente.

Fel. Eccomi qua, permettete... (via piangendo).

Ges. Ma chist’a n’afflizione!.. Iammo, Pulecené, vedimmolo ’e fa sto ritratto e non ce penzammo cchiù, porta pure na botteglia, no bicchiere e no lume; pe tramente io vaco dinto p’avvisà ’e guaglione ca nun ascessero d’’e stanze lloro si nun songo chiammate.

Pul. Va bene; (Ges. prend.tabac. e starn.) Misericordia!..

Ges. Siente* io n’aggio visto gente paurosa, ma cumm’ a te nun aggio visto ancora. E comme, pe nu sternuto... ah, ah, ah, jammo, meh, ca nun c’è tiempo da perdere (dopo lazzi, viano per parti opposte).

SCENA IX.

Felice e Giacometto(tfa turco) indi Gesualdo con tav.da disegno, ecc. e Pulcinella con lume, bottìglie e bicchiere.

Fel. Giacumi, m’arraccummanno a te, non fare scioc-