Teatro - Ernesto Murolo/Anema bella

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 

[p. 133 càgna]



"ANEMA BELLA"


Dramma in un atto.



[p. 134 càgna] [p. 135 càgna]

PERSONAGGI.

MAMMULA. 'Ambi betta* NUNZIATA. 'Crt wt' «m moJre CATARENELLA Filomena a SIE* Ngiulella Teresa

Don Rosario. UtU*« o si* Totonno. coecAfar*

MAST* ACHILLE. cmUmlméQ Il delecato Cataloi UN AGENTE, h» dfim DUE BAMBINI

LA FOLLA.

AddÌM Mapetti Manetta De)

AibeIis Bottone Ida Bottone Amida Conoliao * Leowlda Gaglianone A. Di Napoli Francesco Amodio Alfredo Cnspo Luigi Gaftoro S. dalvidti

Queat'atto «aico fu nppnwiililo U prima volta in Napoli, al Teatro Nuoeo, dalla compagnia Motinari-Pantaleoa, la «va del 6 gennaio 1911. [p. 136 càgna]TELA.

li bwa di Naaneta * Cìmé' mmm bìkio m paltò, la loodo, « «. ■M. ■*■ piccai» fcmlii dw dè od vìcolo. protetta da na cavai, hi. Sai piccalo davaarak è n w» di terracotta tot b—Vn, Qad. db* «tracòo peadr al* ialrrrila. Addo—lo db parete di «aàtra è aa ' caaà * a da» loden, aatico, e dia «accada qoiata di màlra. pochi acafiai ia kpa cwodatoao ala «aaraffi* di Matamdi.

Nd atato. Ira il fattaccio e la porta. 4 aaa cwdau: *n di aa è aa graa aia no di fiori ài aa hwnl> di creta. A dona, la porta dd boato. Nd acoo, «mo dalri, è il tavolo, od quale è no laaw ac* eoa. Dd* «db di poffca. Al* parati di aaàlra e dd fondo ooao atterrai* deftr poccofe lotograta, ddb cartalia* ifltaÉrai*, qualche «in* •alo di carta, aao ipotcWtio, Dal* inn ptafaao na taatzo di poaodori vardi. dd* torbe. dai peperoobai rosi, un caciocavallo. Prcaoo 1 tavolo «oso da* ordegai par lavorare i (accetti «fi oeta: piccoli trea* da di lagao eoo oaa «pad* d* arcolaio, iolorao d qoal* gir aao e »«• Iracdaao i fil 41 ala che ricadono poi ia piccoli lacci. E ocra. Fuori è baio. Ma Al* akro Ilio del vicolo, a aaùatra. di troni* alT iétetnaia, il Imt acento mI bàttalo dd calzolaio, e quello dd'Banco Lotto '—a deatra, ala etti porta, viaibile dallo apettatore, peodoao dd groMÌ candii con i iwniri • certi '—mandano na pò di hicc rana fin «db togli* dd ' batto

AT alzar ddb tda, un piccolo frappo di uomini e di donne è wb inglia. Um donna reca in braccio na bambino, an’altra trattiene 3 •no par la «aao. E ad frappo an mormorio, ora lieve, ora nanoroao. Di balano, I* aco litriwaa di aa ■ pianino *. [p. 137 càgna]ATTO UNICO.

SCENA 1/

Nunziata, Caterina, Filomena, Teresa, ’O si* Totonno, Don Rosario, poi Mast* Achille.

’O » Tettano aede pvoao il tavole, eoa Cocch» pieao di (errare, fa» ad moto. NutuUrta * Cieat* aaae ' è ia piedi, molte «erto il grappo: la vecchia ha gli occhi cwpoa di coi le palpebre ai coatrag* gooo. a* impterofaroan ogni Unto, a gmaa di ' tic '. Pada a «cala, eoe accento di dolore e di lagrone.

ROSARIO alla lotta <fi taoaeUL

...Guagliù jate venne... Ma che ce facite lloco Lì ipa£ dispetde, poi dace »1 grappo» Quanno succede na cosa, •tu vico addeventa a Borea e Parigge... Pur’ ’e guagliune «piano, te oforauno.

NUNZIATA

Pozza sta '• presenzia *e Dio, *o ricco giovene, quacche cosa I* èva stato succieso... Ma, die me spiano a me, i* che ne saccio, povera vecchia ? Io *o vulevo bene comme a nu figlio, figliema noe asceva pazza...

(La (otta ha aa loago taonaorìo d approvazione).

ROSARIO

È 'a mamma I Me pareva na 1 Mataleoa 1 pe tutt* 'a [p. 138 càgna]casa, p«’ mie/*'o vico... L'liann’avuta tènere, r* vuleva nftM appueiw o figlio. /II gruppo <iriL ^ E’ una tragena, sapete I chillo ogg« è 'int* ’o «alone, l’aggio latto ’a barba... l'aggio ditto. • f ' Peppeniè, ogee è ’o nomine d’ a «pota... Cento * questi giorni. Stasera nce vedimmo 6 Cannene...* M* ^ ' (atto nu pizzo a rito e m’ha dato nu paccuttioo sigarette... 1* nun 'a capisco propeto.

NUNZIATA

Ih, che nomine ha latto chella enatura I C’hlramo magnato nu muorzo, aggio ditto: Mamme, e PeppenieJlo nun è benuto ? Ha risposto essa, ’a ricca figlia: no ma, chillo nun se sente tanto buono, mo 'o vedit* ’e veni... Chesto è stato mmerzo 'e 5 112, neh! chillo é 7 steva ’a prisenzia ’e Dio 1

TERESA

E chella ’a Maronna ’o Cannene, I* ha luvato *e lume just Ogge... Suòcremo (Acceoa* eoa ia mano «1 bww di Ma*i’Achille) nun ce pò penzà... ’A semmana passata le pigliale ’a tnesura ’e nu paro *e stivai ette...

FILOMENA

Vinta* anne! Accussì aggarbato...

TERESA

Cu’ 'a cinche lira *int* ’a sacca. Ca chesto teneva a sie’ Pascarella: na jurnata ’a reto ’o bancone, ina nce ha spiso 11* anema pp’ ’o figlio.

ROSARIO

Chillo sapeva cchiù isso ca Sant’ Austino.

TERESA

Mot mé 1 Chillo accacciava pure ’e ccanzone.. [p. 139 càgna]ROSARIO

Eh I sul® e ccanzone! Chillo screveve cierti puvisie ncoppa ^ la " Fraffalla napulUana *, ca facevano chiagnerc I Èva nascere figlio ’e signore: nce teneva tutta I’ aria.

TERESA

Apprennetivo era... Apprennetivo assaie...

ROSARIO

Ma si è p**o juoco e minane ? E gnernò. Femmene >

E chillo era comme a na zetelluccia. (Le donne «Mentono:.

CATARINA

Si na figliola ’o guardava nu poco supierchio, se faceva russo russo.

TERESA

Neruastania I Neru astani a I Ca mierece e mericine nun ce ponno...

CATARINA

Terè, che nce azzecca ? Chillo, ’a bonànema, me pareva nu loro.

ROSARIO come proseguendo nelle sue ipotesi.

E allora femmene ? Gnernò. Malatie ? Gnernò. Affare, riamino, r’ ’o magazzino ? E chella $’ ’o bereva 'a mamma...

CATARINA al bambioo che le ha tratto fuori dalla saccoccia del grembiale delle carte colorate.

Miette ccà» ’e vugliette, ’a zia. FILOMENA Io 1 ’aggio fatto a quatto nummere... [p. 140 càgna]R05AMI0 fi 'o (|ua»ntiielle re I’ avile mito ?

FILOMKNA

E gnernò, chella f Indic* Catm™» me nce ha (atto mei. tere 'o «imotaroie...

ROSARIO

E che ce azzecca o siisantaroie ? (Cimma ToImm», ad interrogarlo in proponi»; Si Totò.

TOTONNO

Rusà... io nun tengo 'a capa, agge pacienza... So* asciuto cu' ‘e signure, nun me firavo manco *e putii *« rrètene: steva menanno a uno sotto.

TERESA

Astate ‘o j‘... Chillo dice, ca s’è truvato prisente...

CATARINA

Muorto precipitato. Chesto cher'è ? *o vvulisseve sen* tere ? Ma ce sU bisogno d’ 'o si* Totonno (CbìMuado ili fuori) Mast Achì...

ROSARIO

Olili* ave che ffa’... sissantaroie, quarantasette... I', si joco tutt* #e nuvanta nummere, esce nuvantuno !...

(Matt‘ Achille ii avvicina al grappo. È leggermente ebbro).

SCENA 2/

Detti, Mast' Achille, indi Ngiulella.

Qui» qua...

ACHILLE [p. 141 càgna]^*|-y\RjNA fll» moslrn i consultandolo al riguardo.

Maii’AeM— ’o TI.HKSA « Matt'jìcMl*.

Papi n'e dote auricnzia, cheste prnzano tempr a na

C0*a‘ NUNZIATA

E si I’ avite fa’, facite cumme ve dich’ io ca *o’ becciiia* cinquantaroie a mamma... sissantacinco cniant amaro...

TERESA

Sirece, *a jurnata, e quarantasette 'o muorto. Cumm'aggio fatti.

CATARINA E allora che nc* azzecca stu sissantaroie?...

ROSARIO

(Al gruppo di Mail*Achille* Catarina, Filomena).

ACHILLE che ha cavalo fuori un libercolo bisunto della 1 Smorfia1 lo «piega dinanzi a gli occhi di ‘Rosario, e gli dice additando il vocabolo.

Liggete qua: morto precipitato... ROSARIO

Già... sessantadue... (Passa dinanzi alla cancellata &Cgiulclla ed irrompe nel groppo).

NGIULELLA

NehI avisseve visto a chillo galiutiello 'e figlieme >

ROSARIO

Mo ch'anno susuto 'o catavere, steva mmiez’ ’a (olla» appriesso ’o pritore... Nun avite appaura... [p. 142 càgna]ACHILLE

Chili’ ato s’ c appresentato ’e nnove e meza... c’ a cummerità...

NG1ULELLA

Màneca ’e ncammisa... scaruso, si piglia nu ciammuorio ?

TERESA a Ngiulella.

...Che dice, ’a mamma d’’o inuorto, sie* ’Ngiulè ) Stanno gente ncoppa ?

NGIULELLA

Llà è nu sparpetuo... Nun chiagne manche cchiù. Ha ditto ca ched* è st’ ammuina ? Chillo ’o figlio, ’o ssoleto, verso l’unnece, ll’unnece e mmeza se retira. ;Le

donne commentano dolo rota mente mute) Se n e SCÌSO pure 0

dillicato. Jeva truvanno a Mammela...

NUNZIATA

E chella, quanno è succiesa ’a disgrazia, era juta a cunzigna cierti lazziette ’o palazzo d' o patrone ’e casa nuosto ’o vico appriesso... Chi l’ha vista cchiù...

FILOMENA

Gnernò, è turnata...

CATARINA

E U’ ha visto ?

FILOMENA

’A luntano...

TERESA

E eh* ha fatto ?

FILOMENA

Manco ’a forza ’e s* accustà... S’è vutata... » rata... È sagliuta ncopp* a dd’ ’a cuinmara... ‘ 0 * n’ è scesa... Na pazza me pareva I... [p. 143 càgna]NUNZIATA Datele n’ uocchio, aggiate pacienzia.

FILOMENA ti stacca dal gruppo e sparisce pel vicolo.

NGIULELLA

...E ve dico a vuie; eh’ o povero dellicato se n’ è sciso ca chiagneva curam' *a na criatura...

CATARINA

Mara me, chillo U’ è parente...

NGIULELLA

Ah 1 Neh ?

ACHILLE

Gnossì...

CATARINA

Fanno una casata c' ’a bonanema: Catarde.

ROSÀRIO sillabando.

Cataldi.

CATARINA Ca...tard...de... Arde... Arde.

ROSARIO

^^^11 ...al... al...

ACHILLE certo del fatto suo, gravemente.

Cumme ve dich* i’: Catarde.

ROSARIO gli stringe la mano.

E bravo. E grazie.

ACHILLE

Pe fa’ capace a vuie io stono nella sezione dal millotticento... [p. 144 càgna]TERESA dando il tuo bambino addormentalo a Mast’ Achille.

Papà jatelo a spuglià, i' mo vengo...

ACHILLE prende con cura il bambino e lo culla dolcemente.

CATARINA

Oh 1 E He vene a essere, cumme fosse, frate cucino carnale.

ACHILLE

Gnossì... Questo ve stavo precando... frate cucino carnalissimo... Io stono nella sezione dal millotticento...

TERESA

Uffa 1 Papà, ’assatece sentere na parola...

NGIULELLA

Mo sta ’int' ’o casaruoppolo d* ’o guardaporta pe Ile spià, si sape niente, si nun sape niente...

NUNZIATA

Ma che banno spianno, ma eh’ hann’ ’a spià... Chillo è nu mistero ’e Dio...

TERESA

Niente ha ditto, niente ha rummaso scritto...

ROSARIO

LI’ obbligo Uoro ’hann* a fa’ sempe... A me nun m na

spiato ? ’O si’ Totonno nun l’ha spiato ?... (Accenna con largo cenno a Totonno).

TOTONNO alzando il capo.

1’ so* stato ’o primmo.

ROSARIO

Chillo 1’ è caduto ’nnanze ’e piede... n'ato poco IIaC' [p. 145 càgna]cedeva. (Sporge il capo fuori ed accenna, con la mano, verso la parte sinistra del vicolo. Gli altri, meno Nunziata e Totonno, seguono con gli «guardi) A scudaria ’o si’ Totonno ’a vedile ? Fore, assetato, steva ’o si’ Totonno... ’A nu passo è carata a bonanema...

i Le donne ti coprono il volto),

ACHILLE

Ma i’ dico a isso, pozza sta’ ’int’ a schiera ’e 11’ angele, t aggio cunzignato ’e scarpe aiere è ove ? £ ti vuoi cunfìrare cu mmico la causale del misfatto...

TERESA dolcemente.

E va buono s’ è capito papà, meh ! Jate...

NGIULELLA

Mar ’a nuie che c* ’e criscimmo ! 1’ cu’ stu piezzo ’e galioto mio, si aggi’ assaggià quacche dispiacere, tre ghiuorne ’e freva.

TERESA baciando forte il piccino ch’è

in braccio a Mast* Achille.

Manco pe* pazzia, Ngiulè.

ROSARIO

Nun v’o facite manco senti *e ricere.

CATARINA strìngendo alle ginocchia il nipotino.

’E figlie so* figlie..*

NGIULELLA

Maneca e ’ncammise... scaruso... 'Un manca ’e cumpagne s’’o portano a bere ’e lume ’o Cannene... Suda... me piglia ’nu ciammuorio... ’Atem’ o premmesso, (via gridando nel vicolo Puppenièeee... ?

TERESA a Mast9 Achille accennando al piccino.

E ghiatelo a spuglià, papà...

io [p. 146 càgna]ACHILLL, a Don Hosatin avviandoti.

Cavalier Catarde... ’on Rusà... I' ’o cu nosco ’a tre anne. Figuravete a vuie... lo stono nella sezione dai millotticento...

TERESA lo «pinge.

...Jate... papà... s’è capito...

ACHILLE

...Dal millotticentosissantasette... Addò state c’ ’o salone... ngi èva una chiesia...

TERESA

£ gnorsì... jate... gnorsì...

ACHILLE

Ngi èva una chiesia, parlanno con rispetto, dei Carmelitani scarzi.

TERESA

Papa... jate... papa... (E bonariamente lo spinge).

ACHILLE

£ felice notte. (Vi* cullando il piccino) Oh !... Oh I... Oh!...

Ohoooo...

NUNZIATA a Totonno.

Si* Totò, ma che bbene a spià pure a nuie ’o rellicato ? E nuie che He dicimmo, ca che sapimmo ?

TOTONNO volge il capo verso gli a*Unti, allarga le braccia e dice.

Chello eh' aggio ditto i*. Niente.

TERESA ha bagnato la nocca del grembiule con la taliva e lo «trofina con eoa sul bavero della giacca di Totonno.

TOTONNO

Lassai’ j\ chella nun se leva... E si vedivev’ ’a cani[p. 147 càgna]mtsa ! Mpictto una macchia rossa ! (Ha come un* viiionr terribile dell* accaduto, gli occhi spalancati, Bui. Gli altri nono, ora .

intmti nlle sue parole) Liaggio ditto: ma pecche, neh, ’on Peppeniè? M'ha pigliato sta mana, se l'ha miso ’npietto, addò teneva appuntata *na rosa tanto, 'a vedite (Apre

ed ineuiva le palme per indicare la grandezza del fiore) MeZa sfrun nata... nzansuinata... ca mo ’a tene ’o Cavaliere... A chi vulite cn ’a dongo, ’on Peppeniè ? A mmàmma ?

Ha fatto aCCUSSÌ. (Alza la testa in atto negativo^ A Mani'

mela? Isso ha calat’ ’a capa... Aggio ditto: ’on Peppeniè, ch’avite fatto ? Chella Mammela se nne more ! M’ ha guardato... m’ ha fatto ’nu pizzo a rìso... e...

(Indica con la mano l'omero su cui è spirato. S'alza, non nascondendo la sua emozione profonda. Gli astanti sono commossi).

TERESA

Requie e pace ! (Tutti gli fanno coro)

NUNZIATA

Requia materna dona isso domina tu vide che sparpetuo lucetteis requia schiatta in pace amen.

LA VOCE di ACHILLE dalla strada.

Bonasera ’o scellenza.

CATARINA annunziando.

’O rellicato.

(// delegato Cataldi, seguito da un agente e da alcuni popolani, passa innanzi alla cancellata si ferma sulla soglia del basso. 11 delegato ha 1* aspetto commosso. Ma qualche cosa è nel suo sguardo che in* dica il disappunto per non aver fin* ora nè saputo da indagini, nè intuita da sè la causa che ha deciso suo cugino a darsi la morte.

Ritto nel gruppo delle donne e degli uomini che 1' ossequiano, egli accarezza nervosamente, con la mano, i piccoli baffi). [p. 148 càgna]SCENA 4.*

Il delegato Cntaldi, detti, la folla.

DELEGATO Chesta Mammela nce sta ?

NUNZIATA

E chi I' ha vista cchiù, ’o scellenza ? Che ssaccio, dice ca va e vene p’ ’o vico.

TERESA

È ghiuta ’na cumpagnella d* ’a soia p’ ’a truvà ? Cavaliè (Sottovoce) abbasta ca 'sta povera vecchia nun assaggia quacc’ ato dispiacere !

ROSARIO

’A figliola sta sbattuta, Cavaliè. Chella nce asceva pazza I

DELEGATO a t^Cunziaia.

Tu... cchiù O meno ? (vuol dire: Ne sapessi qualche cosa ?).

NUNZIATA allarga le braccia, si piega nelle spalle.

Signore mio...

DELEGATO

Che vita faceva ? Diebbete ? Che ssaccio... s’appiccecava cu figlieta?

(Il gruppo, con mormorii diverti, scarta l’ipotesi).

NUNZIATA

Niente, ’o scellenza. Chillo era accussì assignato.» un’ amorcunzento cu chella ricca figlia I Quanno e bulive vede, guardate: (Con pasco strascicante esprìme con I ** [p. 149 càgna]ùone le «uè battute) Essa se metteva cu na seggia ccà, o se metteva Uà, isso, ’e faccia, acalavano ’e ccape: ciù-ciù, ciù-ciù, ciù-ciù... doie turturelle ’o scellenza.

DELEGATO dopo aver un poco fischiettato.

Chisto me fa asci pazzo a me... TOTONNO Nun le mancava niente ! ROSARIO E chi 1’ éva fatto niente ?

CATARINA che guardava verso destra nel vicolo, annunzia

^Aneraa bella*. A vedite oca, mo vene. (Chiamandofuori)

Guè Mammilu. (Compariscono sulla soglia Filomena e Mamm eia. Costei ha i capelli in disordine, è pallida, agitata, ha t un piccolo scialle nero sulle spalle).

SCENA 5.a

Filomena, Mammela e detti.

FILOMENA sottovoce.

Steva *int’ vo vascio d* *a cummara.

MAMMELA scruta, con lo sguardo, gli astanti, poi si lascia cadere sulla sedia nascondendo tutto il volto nel fazzoletto. Si rinnovano i comenti dolorosi del gruppo.

TOTONNO a cJUCammela ponendole una mano sull’omero.

MAMMELA senza muoversi alza le spalle, scuote il capo negativamente.

DELEGATO

Sai si teneva quacc’ubbligazione, cu chi s* ’a faceva ? [p. 150 càgna]MAMMELA scuote tempre il capo, come prr dire: Noti to

ROSARIO al Delegato»

Sulo, senape sulo, cavaliè... Timmedo comm’ a na zitelluccia...

DELEGATO a Mammela.

Avesse fatto chiacchiere cu’ uico ?

MAMMELA alza gli occhi, guarda pavidamente il Delegato poi dice, eoa un mal celato tremito nella voce.

Gnernò.

DELEGATO domandando agli astanti, rd

accennando a Mammela.

Ce steva essa quanno... (Fa un getto come per dire: quando il giovine t* ì precipitato).

TOTONNO Quann’ è caduto ? Gnernò...

NUNZIATA

Era juta a cunzignà cierti Iazziette ’int* ’o palazzo d'’o patrone ’e casa nuosto. Quanno è turnata, signore mio...

CATARINA

...’Na pazza...

(La folla le (a coro).

DELEGATO ...Ncuollo 'o muorto ? TOTONNO Gneraò... p* ’o vico...

DELEGATO aggrotta le ciglia. CATARINA

Vintun* anne I [p. 151 càgna]TOTONNO

Nu toro, cavaliè ! Senza vizie. ’O vulevemo bene tutte quante... A casa r' ’a nnammurata, e ’a casa d’’a mamma. Si è pe’ II’ uno e si è pe’ 11' ate le squagliavano mmocca. (Eccitandoti) Pazzo nun era. Chi I ha pututo fa* male.1' Chi ha tenuto ’o core ’e ce ’o (fa’ ?

(Durante queste battute, il gruppo degli aitanti approva con gesti e mormoni. Mammela singhioz7a rumorosamente. Par che voglia impedire alle sue orecchie di raccogliere il suono di quelle parole).

DELEGATO a cui non è sfuggito Tatto di Mammela, le va vicino, senza eh* ella se n’ accorga, come che ha nateo*to il volto nel fazzoletto, e improvvisamente le dice.

Dimme 'na cosa...

MAMMELA ha un sussulto fortissimo.

DELEGATO a Mammela.

Che è ? (Agli astanti, accennando a Mammela) ...Quando le spio *na cosa... Chiudete sta porta. (Alla folla) Che è, sta folla, (loco ? (All'agente) Mandate via 'sta gente.

( Totonno, Teresa, D. Rosario, Filomena, Catarina aiutano l’agente a rimandare indietro la folla, silenziosa, ed essi stessi s’avviano fuori il batto).

NUNZIATA

Me n’aggia j* pur’ i\ ’o scellenza ? 1’ songo ’a mamma...

ROSARIO alla vecchia.

Venite ’a ccà. Cient’à...11 Chello è niente. F pure poche minute so* stato. E custione d’ un semplice intirrogatorio.

MAMMELA s* è alzata e segue muta» con I* occhio spalancato e vagante il movimento. Ora, il basso è chiuso. Il Delegato è seduto presso il tavolo. Mammela è in piedi, dinanzi a lui, 1* agente è presso la soglia. [p. 152 càgna]SCENA 6.‘

II Delegato e Mammela.

DELEGATO guarda fiso Mammela che ha smetto di piangere e gli è ritta dinanzi pavida.

'A quantu tieinpo ce facive ’ammore ? MAMMELA Doppo dimane fanno unnece mise.

DEILEGATO

E ’o vulive bene ?

MAMMELA ha un singhiozzo disperato. Poi stringe fortemente le tempia nelle mani, e, con lo schianto nella voce dice.

Io e Dio O ssapiramo t (S'abbandona sulla sedia).

DELEGATO

Ma tu, stasera, cumme fusse fuiuta... Nterra , 1' he visto ?

MAMMELA con l'occhio del terrore.

Gnorsì.

DELEGATO

E te ne si’ ghiuta ?

MAMMELA sbigottita, confusa.

E i’ nun ’o saccio 1 M’ aggio ntis’ ’e muri.

DELEGATO

Ncopp* add* ’a mamma, manco ce si’ sagliuta ?

MAMMELA c. ».

Gnernò. DELEGATO T’ èva essere mamma... [p. 153 càgna]MAMMELA dominandoti.

E..- m* hanno afferrata 'e cumpagne mete, m’ hanno purtato... Aggio ditto: 'a dongo cchiù delore.

(Una pauu).

DELEGATO

Quant’ anne tiene )

MAMMELA

Vintiduie...

DELEGATO He fatto ’ammore, primino d’ isso ?

MAMMELA eludendo questa seconda do manda e rispondendo alla prima.

’E (faccio *e vintiquatto ’e dicembre...

DELEGATO insistendo.

1’ te sto addimmannanno si he fatto aminore, primma d’isso ?

MAMMELA

E gnorsì... nu tre anne anreto... Po* se nzuraie.

DELEGATO

E chi era ?

MAMMELA

E nun ’o sapite... Nu certo Ciccillo... Ciccillo ’o ciardeniere.

DELEGATO

Ma 1’ avisse fatto quacche mancanza, a Peppino ?

MAMMELA recisamente.

Gnernò.

DELEGATO

Avesse saputo quacche cosa passata? Che ssaccio... [p. 154 càgna]Tu è fatt’ ’ammore. Cchiù iigliulella... senza guida, senza riflessione... L’ uommene, ca chesto vanno la* cenno... trovano ’o ddebole... e... chi s’fc bisto s* è bisto... £ na povera figliola, le capita nu buono partito... tu naturalmente... che ce ’o putive cunfessà ?... O Peppino 1’ ha appurato , o che ?... He capito ? Chillo eh' era accussì apprennetivo...

MAMMELA ha seguito il discorso tempre più sorpresa r confusa, come le fosse oscuro il senso delle parole. Poi che tutto ne comprende il significato, ha dei moti vibrati del capo, e mettendo nelle sue parole tutto lo schianto ed il dolore per il sospetto, dice,

I’ so* zetella...

DELEGATO con imbarazzo.

Agge pacienzia... He ’a capi ca uno pure va an pazzia... Vintun'anne. Niente le mancava, bello e buono: bùnfete 1 'a copp’ abbascio 1 Ma quacche cosa c' è stata, quaccheduno è stato...

MAMMELA è ritornata pallida.

1’ nun... ce aggio corpa a niente... (Una patua) Teneva nu naturale... nu naturale I...

DEILEGATO con l'intenzione di scrutarla.

Attaccagnuso, eh ?... Faciveve chiacchiere, dì ’a ve* rità.

MAMMELA indecisa.

Gnernò.

DELEGATO

Chiacchiere mo... ’E ssolete scemila... ca uno ’e bote, ce fa palaz^e ’e casa ncoppa...

MAMMELA in tono lamentoso • quasi come per una sua discolpa,

Gnorsì... [p. 155 càgna]DELEGATO Sicché pe’ niente pigliava ’o musso ?...

MAMMELA

Se fissava, avite capito? Pretenneva, ’e bote, cierti cose...

DELEGATO

Se fissava ?... Mbè ?... E dì quacche cosa. Era pazzo ? Allora era pazzo ?

MAMMELA interdetta.

Gnernò. Chillo, ’e bote mamma jeva add* ’a cum DELEGATO Te ncuitava ? (Incoraggiandola con lo (guardo).

MAMMELA torturandoli le unghie.

Certamente... nce ateva pure ’a vulontà mia...

DELEGATO

Mhè, iwio capito: Damme nu vaso... voglio nu vaso...

MAMMELA accenna di lì. DELEGATO

E allora ?... MAMMELA E... diceva... che io nun ce ’o deva comme nce l’aveva dà... DELEGATO sorpreso. E che significa? MAMMELA sempre timida. Dice che io ’o vasavo e nzerravo 11’ uocchie. [p. 156 càgna]DELEGATO

Mbè ?

MAMMELA

Mbè... avite visto ?

DELEGATO E tu pecchè ’e nzerrave, II’uocchie ?

MAMMELA eludendo la domanda.

I’ dico accusai. Nuie facevemo pace ?... E che ato jeve asci anno ’a mine ?

DELEGATO

Allora vene a ddi* ca piimma v’ appiccecaveve, ma nun già p’ ’o fatto d’ ’o bacio ?

MAMMELA confusa, presa in fallo.

E già...

DELEGATO Allora pe* causa soia?

MAMMELA esitante.

Gnor sì...

DELEGATO incredulo.

O pe* causa toia ?

MAMMELA confusa.

E... gnorsì... seinpe pe mezzo *e orni* Eugenio.

DELEGATO sorpreso.

’Onn* Eugenio ?

MAMMELA sempre più smarrita.

...’O figlio d’’o patrone ’e... casa nuosto... ’o— 0 vico appriesso...

DELEGATO Addò si’ ghiuta a cunzignà ’e lazziette ? [p. 157 càgna]MAMMKIj\ lo flumtU. Hil«, ilkf.

No...

Dt'.l IX'. ATO Mammela ha ditto che Uà si' ghiuta.

MAMMF1LA

Gnoul... Ma i*... so’ ghiuta ’o primmo piano, e chillo. isso, stà ó quarto...

^Una pauM. L*agente •* è avvicmMo, cuno*o, al tavolo).

DELEGATO «cambia un' ocrhijiM con lui.

Aggio capito: era geluso. Po* «e persuadeva, faciveve pace e vuleva nu bacio ? E tu nzerrave ll'uocchic... fc a che penzave ? A chi peniave ? A don Eugenio ? Pecchi ’e nzerrave st uocchie ?

MAMMELA che ha Attentilo alle primr battute, ora, alle tre domande, ti tuiba, balbetta.

E i* nun *o saccio... vS'aUa» 1' nun ce* aggio corpa a niente...

DELEGATO

Colpa *C che ? (Scambia un'altra occhiata eoa l'agente) Che!io è cchiù pe* di* na parola (Inainuante) ’A quistione è ca po* Ile vai a ddà pure appuntamento a stu donn* Eugenio I

MAMMELA recisamente.

io ? No. Chello fuie *ncopp* ’a Pigna... Io ero juto addìi na zia d’’a mia, e Donn* Eugenio steva esigenno cierd puteche... Nce ncuntraiemo, e Peppino ce vedette.

DELEGATO Era venuto appriesso ?

MAMMELA

E credo. [p. 158 càgna]DELEGATO

Tu mo vuò di' che nun era appuntamento.

MAMMELA decida.

Gnennò !

DELEGATO

Nnucentamente, accusai, pe’ ddi’ na parola...

MAMMELA c. ..

Ncopp’ ’a 11’ anema ’e paterno, gnernò.

DELEGATO

E Peppeniello ?

MAMMELA

E se credette eh* era ’ntesa data. 1’ dicevo: ma tu si pazzo ? E chillo avit* ’a vede comme s’era arraggiato. Diceva: E pecche rìde ?

DELEGATO

E tu pecche redive ? MAMMELA E chillo, quanno se nfurìava me faceva scappa a ridere... DELEGATO la interroga con lo «guardo. MAMMELA No pe* nisciuna cosa... ma...

DELEGATO

Mbè ?

MAMMELA Pecche qttanno le... veneva nu... suspetto... DELEGATO Avante... [p. 159 càgna]MAMMELLA quali con un miiìk» di trionfo. Me vuie va cchiù bene.

DELEGATO li gratta in teiU, ai lurin (tfvawnnte i balli, e 1« dice.

Ma... doppo... ce 'o diciste... ce ’o luvaste, a capo, stu pernierò... stu suspetto... Certo suffri poteva, gudè no.

MAMMELA ritorna spaventata, li sforza di sor ridere.

Già...

DELEGATO

Ce ’o diciste ?

MAMMELA c. ».

Si...

DELEGATO Guardarne dint' a II' uocchie.

MAMMELA con lo sguardo sfuggente.

Gnorsì...

DELEGATO scuotendo il capo con sicurezza.

E no I Tn non 1* hé ditto niente !... (Una pau») Tu nun l’he rassicurato mai... Pecche ?

(Di lontano, U voce di ’a Sie Ngiulella chiama a stesa pel vicolo:

Ptpptnit€ct.J)m

MAMMELA si scuote, impallidisce, guarda ora l'uscio ora il 4Delegato. Poi s'aba, si stringe nello sciallo, e mormora come smarrita.

V nun saccio nient’ ato cchiù.

DELEGATO un pò brusco.

Assettate...

MAMMELA

Nun me maletrattate. [p. 160 càgna]DELEGATO

Voglio sapè. (L» firn) Voglio sapè a che si’ arrivata... Assèttate. Dimme ’nu poco: Quanno 'a sera, v’ ap fiiccecaveve pe’ stu donn* Eugenio, che succedeva > sso se ne jeva cuntento, persuaso, accussì, cornine si niente fosse stato, e tu pure ?

MAMMELA è seduta, ora ti domina.

E gnorsì, ’o vedile... Chillo era nu naturale ca nun te deva mai a capi niente. ’A malina puteva appura quaccosa.

DELEGATO Che significa ’a malina ?

MAMMELA

E sissignore; pecche cheli* ’e vvole, ’a malina, ’a mamma me chiamava. Dice: * oi nè, aissera avisseve fatto chiacchiere * ? Gnernò, Siè Pascarè... Dice: * No, Mammilù, pecchè chillo, stanotte, chiacneva cumm’ a cche ". Figurateve ’arraggia mia. Che 1 éva fatto, i’ nun ’o saccio. Chillo se ne jeva redenno e pazzianno... Peppeniè—facev’ i*—che te ne si’ ghiuto appiccecato, aissera ? 1 Ma chi te preia ? — dicev’ isso ’nfacci’ ’a mamma — Chella è n' angel* ’e figlia; i’ stanotte, te* neva o catarro.

DELEGATO Chi era * 1* angelo 'e figlia ? *

MAMMELA in tono dimesso,

U aveva cu 'unnico.

DELEGATO

Cu* ttico ?

MAMMELA

E chillo accussì diceva nnanz’ a gente e nnanz* a [p. 161 càgna]mamma. Ma che ce avesse corp* i\ dicite ‘a verità ? Tanto bene l'aggio vuluto ! Tantu bene 1 V’ *o giuro,

lupetto (Stende la mano al Delegato).

(Qualcuno del gruppo che è fuori il basso, apparisce dietro Vinferriata, poi »* allontana).

DELEGATO guardando la mano distesa di vitammela*

Chi t* ha dato ’st* aniello ? Peppino ?

MAMMELA

’A bonanema I...

DELEGATO Ce sta pure ’o brillantino, ’o smeraldino.

MAMMELA

Gnorsì, chillo me vuleva nu bene pazzo. <Si toglie laneIlo> lenite mente: ’a dinto ce ha dda stà pure na scrizione. (Gli porge (' anello)

DELEGATO leggendo.

  • Non ti scordar di me. Peppino 1 (Leda l’anello. Pau»«>.

MAMMELA

Avite visto ? Nun me faceva arapì manco ’a vocca. Er’isso ca diceva: Tu, qualunque cosa dimmella sempe prìmma a mine.

DELEGATO incalzandola.

E chillo se metteva appaura chi sa l’avisse cercato a donn’ Eugenio...

MAMMELA incauta.

Ma i’ nce *o ffacevo apposta.

DELEGATO Quann ’o dicive a Peppino ? [p. 162 càgna]MAMMLLA

Gnorsì...

DELEGATO

Le dicive, pazzianno, accussì: si nun m* 'o daie tu...

(Tentenni! il capo, fitaandolaK

MAMMLLA abbatta gli occhi tbigoitita

DE1XGATO

...E chillo, naturalmente... iTentandodi farla cadete nel Uccio; Siccomme tu, 11* ala vota... pure te pigliaste...

MAMMELA

E IS avesse perza *a lengua, Il’ ata vola... Nu curniciello ’argiento, ccà, leh ! Lo ina dal conti to) Cchiù ghittatura che me n ha purlato... (Lo getta »i» con fumi.

DELEGATO all' agente, (acendo il tamburrello con le dita tal tavolino.

Ma intanto s’’o pigliale ’o curoiciello ’e donn’Euge* nio ? Pazzianno, ne capito ? Si nun m’ o daie tu... E chillo 'o puverìello nce ’o ddeva... (A Mammda> E ove ?

MAMMELA guarda il delegato lenza rispondere, poi abbassa gli occhi, confusa.

DELEGATO

E ogge, p' ’o nomme tuio, Peppino, nun t’ha rialato niente ?

MAMMELA eludendo la domaada.

Ih che nomme, stammadna!

DELEGATO Nun t’ha rialato niente 1 [p. 163 càgna]MAMMELA c. ».

Mo vene, mo nun vene... ’E quatte... ’e ccinche...

V sseie...

DELEGATO deciso.

Famme senti, p' o nomme tino nun t’ha rialato niente ?

MAMMELA turbai*.

No...

DELEGATO Allora ativeve appiccecate ?

MAMMELA c. ..

Gnernò.

DELEGATO

Comme, gnernò ? Chello in’ ha ditto ’a mamma.

MAMMELA aggrottando le ciglia.

A mamma ? E che v’ ha ditto ’a mamma ?

DELEGATO

Niente. (Insistente) Dì... stive ve ’nu poco ainmussate ?

MAMMELA ...Nu poco ainmussate, pecche... <.Si arresta)

DELEGATO energico.

LI* he ’a di’... Già io ‘o ssaccio I Ma ll’hè ’a di* tu...

(Una pausa)

MAMMELA

Manco ’a bonafficiatella putevo pazzia ? LI’ ala sera me mannaie a chiammà quann’ i* facevo a parte cu Ciccillo *o ciardiniere... Cumme lassavo? Certo cu... [p. 164 càgna]Ciccillo ce puteva essere niente cchiù ? Chillo s’è nzurato 'a tre anne. Dicett* i*: e viene pure tu. Gnernò.

E, pe tre sere, simmo state ammussate. (Pau«a) A me dint ’o vico me portano nchiante 'e mana... accussì.

DELEGATO Già I Tu te chiamine Carmela.

MAMMELA ...Amalfitano Carmela.

DELEGATO all* «genie con un torruo ironico.

’lnt’ ’o quartiere ’a chiammaoo " Anema bella V (A 1«) È ove.

MAMMELA furva il capo umilmente. DELEGATO

Sicché stammatina ?

MAMMELA

E stammatina...

DELEGATO

Bè?

MAMMELA

E venuto. DELEGATO Pè ffa’ pace, se capisce, o nomme tuio...

MAMMELA china il capo. DELEGATO

E t'ha rialato... (all* agente) Cornine ha ditto ’a inanima ? T ha rialato...

MAMMELA con un soffio.

••• E uose... [p. 165 càgna]DELEGATO

’E>

MAMMELA

...rose.

DELEGA PO con disinvoltura.

t, rrosc, O ssaccio. (Guarda sulla credenza dov'è il mazzo di bori) Chelle.

MAMMELA è Oppressa, ansante, la voce le vieti meno: il terrore le è dipinto ìul volto. Guarda le rose, guarda

il Delegato, e rimane eoo gli occhi fissi su lui, muta.

DELEGATO pallido, alzandosi.

Nun so* chelle ?

MAMMELA nello detto Atteggiamento, con la bocca semiaperta, fa cenno di no.

DELEGATO E ’e irose ’e Peppeniello che n’ he fatte ?

MAMMELA

'1 stevo cu *o musso p* ’o fatto *e 11* ata sera e...

DELEGATO

U’hè itUte?

MAMMELA

Gnernò. DELEGATO Ce Thè turnate arreto?

MAMMELA

LI* aggio ditto: 'e tengo, ’e rose... E allora isso...

DELEGATO con la voce commossa.

Se 1’ ha purtate n’ ata vota !... [p. 166 càgna]MAMMOLA eoo uno schianto nelU

Senza dicere n "a". Comme si niente fosse... Ca nun ’o putì ve arriva a capì mai.

DELEGATO brusco, accennando Ir row?

E chelle ’e chi songo ?

MAMMELA •' alza, pavida, tremante, senza nspondere. DELEGATO investendola.

£ chi so ?•••

MAMMELA

D’ o ciardeniere...

DELEGA I O ’E Ciccillo ’o ciardeniere ?...

MAMMELA con un tofiio.

Sì.

DELEGATO dandole uno guardo pia di pieU che di ditprezxo »* alza e le dice.

LI* he dato morte e passione pe’ o’ anno ogni ghiuorno, ogne linimento.

MAMMELLA terrea, giungendo le mani.

Nun me lanate solai... Che 11’ aggio latto io!...

DELEGATO in uno scatto doloro», sprezzante. Che l’ive ’a fa’ ?... Che le vulive fa* !... Cu chi sfocava ? Cu chi parlava ?

MAMMELA

...E sentite...

DELEGATO

’A gente l’avarria reduto nfaccia 1 P* ’o vico lavar* nano pigliato pe’ pazzo... T* ha fatto passa pe' na santa... [p. 167 càgna]MAMMELA inai voce.

Gnossì... E sentite...

DELE'IMO

...E tu H'hé acciso... N' ato t* avarria lassato... n’ato t’avarria tagliato a faccia... Peppeniello s’è menato abbascio. (E commotto).

MAMMELA con le mani itrrtle al petto. tnnntaU, atterrila.

Io?... lo?...

DELEGATO

Sì, tu: a poco a poco, * poco a poco, senza fa’ niente 11* he acciso !... L’ hai acciso 1...

MAMMELA

...E sentite... E eh* aggio fatto ? DELEGATO ...Niente, e tutto!

(Un aleiuio hwgo).

MAMMELA Nun me lassate sola. I* me metto paura.

DELEGATO die •’ era liberato dalla Aretta ed era per avviarsi. Ioni iadietro, la guarda hrmrtfwfr poi svolge an fazzoletto macchiato di «angue, ae trae fuori una rosa e la porge a Mammela.

Tiene: chesta t* ’a marni’ isso...

MAMMELA guarda spaventata la rosa. DELEGATO Chesta nun ce *a può turnà cchiù...

(Le mette a viva fona il fiore mtangmnaio fra le mani).

MAMMELA Nun me lassate sola! [p. 168 càgna]DELEGATO

Ma pecche te miette appaura ? E chillo s’hanno pu,. lato ’a Uà fore... Nun nce sta cchiù (Sorride ■m»r»Weou Staile bona...

MAMMELA scorgendo »ul fiore d*|i macchie di sangue, ha un fremito e lo lascia cadere a terra.

DELEGATO fa cenno all’ agente d* aprire I* uscio. L’ agente esegue. Un lieve mormorio nel gruppo di fuori.

SCENA 7.*

Teresa, Rosario, Totonno, Nunziata e detti.

TERESA al Delegato.

Bonanotte ’o scellenza. Signò.

NUNZIATA

Avite visto, nun sapeva niente chella ricca figlia. DELEGATO Niente... Niente... Nun sapeva niente... TERESA Chella se ne more appriesso a isso, dico a buie, signò... DELEGATO secco. Bonanotte. (A ‘Colorino) Bonasera Totò. TOTONNO Servo, cavaliè. NUNZIATA, TERESA, DON ROSARIO Bonasera ’o scellenza.

(Il ^Delegato e l’agente escono all* aperto. Lo spettatore attraverso la cancellata che copre la finestretta del basso, li vedrà passare e scomparire nel baio del vìcolo a sinistra). [p. 169 càgna]MAMMINA è rimasta n*l mr/to *ki butto, gli (m « In sbarrali I* n <-«denti, immobile. Adesso tutti ••

  • (inflettano dalle dii* donne.

TOTONNO Bona nuttata, "Cient’i".

ROSARIO

Facite ’a vuluntà c Dio, che v' aggi* a di'...

I l RESA

Mammilù, «ora, chillo preia p’ ’a «ciorta toia...

(Un mormorio d' assentimento, e il piccolo gruppo va via;.

SCENA 8/

Nunziata e Mammela.

tNunziata rientra col patto strascicante. le mani giunte, gii occhi •I cielo. Fuori, qualche saluto fra i vicini; il rumore di un baaao c he ti chiude. Il lumicino del cavolaio è ipento, il (anale all’ angolo del vicolo proietta dinanzi al baro, una debole luce. La vecchia tira fuori una coroncina pel ' Roaario * e ti rìcantocaa preno il letticciuoloj.

NUNZIATA

Sia fatta ’a vuluntà d* ’a Madonna I Nzerra ’o vascio bell’ ve mamma*

MAMMELA è come ebetita. S'avvia verso l'uscio per chiuderlo. Ma è come attratta a guardare fuori. Li, a pochi passi. Peppino s’è sfracellato al suolo. Qualche cosa le si para dinanzi: è una luce, è un ombra ? Chi si I Ella ni è soffocata. Indietreggia folle di terrore e si raggomitola presso la mamma, stringendosi alle ginocchia di lei, balbettando paurosamente:

Oi ina... Oi ma...

(Fuori la voce echeggia ancora come un lamento: Peppaidi...)

Cala la tela.