Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/157

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
147
“Anema bella„

mtsa ! Mpictto una macchia rossa ! (Ha come un* viiionr terribile dell* accaduto, gli occhi spalancati, Bui. Gli altri nono, ora .

intmti nlle sue parole) Liaggio ditto: ma pecche, neh, ’on Peppeniè? M'ha pigliato sta mana, se l'ha miso ’npietto, addò teneva appuntata *na rosa tanto, 'a vedite (Apre

ed ineuiva le palme per indicare la grandezza del fiore) MeZa sfrun nata... nzansuinata... ca mo ’a tene ’o Cavaliere... A chi vulite cn ’a dongo, ’on Peppeniè ? A mmàmma ?

Ha fatto aCCUSSÌ. (Alza la testa in atto negativo^ A Mani'

mela? Isso ha calat’ ’a capa... Aggio ditto: ’on Peppeniè, ch’avite fatto ? Chella Mammela se nne more ! M’ ha guardato... m’ ha fatto ’nu pizzo a rìso... e...

(Indica con la mano l'omero su cui è spirato. S'alza, non nascondendo la sua emozione profonda. Gli astanti sono commossi).

TERESA

Requie e pace ! (Tutti gli fanno coro)

NUNZIATA

Requia materna dona isso domina tu vide che sparpetuo lucetteis requia schiatta in pace amen.

LA VOCE di ACHILLE dalla strada.

Bonasera ’o scellenza.

CATARINA annunziando.

’O rellicato.

(// delegato Cataldi, seguito da un agente e da alcuni popolani, passa innanzi alla cancellata si ferma sulla soglia del basso. 11 delegato ha 1* aspetto commosso. Ma qualche cosa è nel suo sguardo che in* dica il disappunto per non aver fin* ora nè saputo da indagini, nè intuita da sè la causa che ha deciso suo cugino a darsi la morte.

Ritto nel gruppo delle donne e degli uomini che 1' ossequiano, egli

accarezza nervosamente, con la mano, i piccoli baffi).