Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/161

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
151
“Anema bella„

TOTONNO

Nu toro, cavaliè ! Senza vizie. ’O vulevemo bene tutte quante... A casa r' ’a nnammurata, e ’a casa d’’a mamma. Si è pe’ II’ uno e si è pe’ 11' ate le squagliavano mmocca. (Eccitandoti) Pazzo nun era. Chi I ha pututo fa* male.1' Chi ha tenuto ’o core ’e ce ’o (fa’ ?

(Durante queste battute, il gruppo degli aitanti approva con gesti e mormoni. Mammela singhioz7a rumorosamente. Par che voglia impedire alle sue orecchie di raccogliere il suono di quelle parole).

DELEGATO a cui non è sfuggito Tatto di Mammela, le va vicino, senza eh* ella se n’ accorga, come che ha nateo*to il volto nel fazzoletto, e improvvisamente le dice.

Dimme 'na cosa...

MAMMELA ha un sussulto fortissimo.

DELEGATO a Mammela.

Che è ? (Agli astanti, accennando a Mammela) ...Quando le spio *na cosa... Chiudete sta porta. (Alla folla) Che è, sta folla, (loco ? (All'agente) Mandate via 'sta gente.

( Totonno, Teresa, D. Rosario, Filomena, Catarina aiutano l’agente a rimandare indietro la folla, silenziosa, ed essi stessi s’avviano fuori il batto).

NUNZIATA

Me n’aggia j* pur’ i\ ’o scellenza ? 1’ songo ’a mamma...

ROSARIO alla vecchia.

Venite ’a ccà. Cient’à...11 Chello è niente. F pure poche minute so* stato. E custione d’ un semplice intirrogatorio.

MAMMELA s* è alzata e segue muta»

con I* occhio spalancato e vagante il movimento. Ora, il basso è chiuso. Il Delegato è seduto presso il tavolo. Mammela è in piedi, dinanzi a lui, 1* agente è presso la soglia.