Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/169

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
159
“Anema bella„

MAMMELLA quali con un miiìk» di trionfo. Me vuie va cchiù bene.

DELEGATO li gratta in teiU, ai lurin (tfvawnnte i balli, e 1« dice.

Ma... doppo... ce 'o diciste... ce ’o luvaste, a capo, stu pernierò... stu suspetto... Certo suffri poteva, gudè no.

MAMMELA ritorna spaventata, li sforza di sor ridere.

Già...

DELEGATO

Ce ’o diciste ?

MAMMELA c. ».

Si...

DELEGATO Guardarne dint' a II' uocchie.

MAMMELA con lo sguardo sfuggente.

Gnorsì...

DELEGATO scuotendo il capo con sicurezza.

E no I Tn non 1* hé ditto niente !... (Una pau») Tu nun l’he rassicurato mai... Pecche ?

(Di lontano, U voce di ’a Sie Ngiulella chiama a stesa pel vicolo:

Ptpptnit€ct.J)m

MAMMELA si scuote, impallidisce, guarda ora l'uscio ora il 4Delegato. Poi s'aba, si stringe nello sciallo, e mormora come smarrita.

V nun saccio nient’ ato cchiù.

DELEGATO un pò brusco.

Assettate...

MAMMELA

Nun me maletrattate.