Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/167

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
157
“Anema bella„

MAMMKIj\ lo flumtU. Hil«, ilkf.

No...

Dt'.l IX'. ATO Mammela ha ditto che Uà si' ghiuta.

MAMMF1LA

Gnoul... Ma i*... so’ ghiuta ’o primmo piano, e chillo. isso, stà ó quarto...

^Una pauM. L*agente •* è avvicmMo, cuno*o, al tavolo).

DELEGATO «cambia un' ocrhijiM con lui.

Aggio capito: era geluso. Po* «e persuadeva, faciveve pace e vuleva nu bacio ? E tu nzerrave ll'uocchic... fc a che penzave ? A chi peniave ? A don Eugenio ? Pecchi ’e nzerrave st uocchie ?

MAMMELA che ha Attentilo alle primr battute, ora, alle tre domande, ti tuiba, balbetta.

E i* nun *o saccio... vS'aUa» 1' nun ce* aggio corpa a niente...

DELEGATO

Colpa *C che ? (Scambia un'altra occhiata eoa l'agente) Che!io è cchiù pe* di* na parola (Inainuante) ’A quistione è ca po* Ile vai a ddà pure appuntamento a stu donn* Eugenio I

MAMMELA recisamente.

io ? No. Chello fuie *ncopp* ’a Pigna... Io ero juto addìi na zia d’’a mia, e Donn* Eugenio steva esigenno cierd puteche... Nce ncuntraiemo, e Peppino ce vedette.

DELEGATO Era venuto appriesso ?

MAMMELA

E credo.