Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/158

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
148
“Anema bella„

SCENA 4.*

Il delegato Cntaldi, detti, la folla.

DELEGATO Chesta Mammela nce sta ?

NUNZIATA

E chi I' ha vista cchiù, ’o scellenza ? Che ssaccio, dice ca va e vene p’ ’o vico.

TERESA

È ghiuta ’na cumpagnella d* ’a soia p’ ’a truvà ? Cavaliè (Sottovoce) abbasta ca 'sta povera vecchia nun assaggia quacc’ ato dispiacere !

ROSARIO

’A figliola sta sbattuta, Cavaliè. Chella nce asceva pazza I

DELEGATO a t^Cunziaia.

Tu... cchiù O meno ? (vuol dire: Ne sapessi qualche cosa ?).

NUNZIATA allarga le braccia, si piega nelle spalle.

Signore mio...

DELEGATO

Che vita faceva ? Diebbete ? Che ssaccio... s’appiccecava cu figlieta?

(Il gruppo, con mormorii diverti, scarta l’ipotesi).

NUNZIATA

Niente, ’o scellenza. Chillo era accussì assignato.» un’ amorcunzento cu chella ricca figlia I Quanno e

bulive vede, guardate: (Con pasco strascicante esprìme con I **