Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/159

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
149
“Anema bella„

ùone le «uè battute) Essa se metteva cu na seggia ccà, o se metteva Uà, isso, ’e faccia, acalavano ’e ccape: ciù-ciù, ciù-ciù, ciù-ciù... doie turturelle ’o scellenza.

DELEGATO dopo aver un poco fischiettato.

Chisto me fa asci pazzo a me... TOTONNO Nun le mancava niente ! ROSARIO E chi 1’ éva fatto niente ?

CATARINA che guardava verso destra nel vicolo, annunzia

^Aneraa bella*. A vedite oca, mo vene. (Chiamandofuori)

Guè Mammilu. (Compariscono sulla soglia Filomena e Mamm eia. Costei ha i capelli in disordine, è pallida, agitata, ha t un piccolo scialle nero sulle spalle).

SCENA 5.a

Filomena, Mammela e detti.

FILOMENA sottovoce.

Steva *int’ vo vascio d* *a cummara.

MAMMELA scruta, con lo sguardo, gli astanti, poi si lascia cadere sulla sedia nascondendo tutto il volto nel fazzoletto. Si rinnovano i comenti dolorosi del gruppo.

TOTONNO a cJUCammela ponendole una mano sull’omero.

MAMMELA senza muoversi alza le spalle, scuote il capo negativamente.

DELEGATO

Sai si teneva quacc’ubbligazione, cu chi s* ’a faceva ?