Paggena:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/171

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena nun è stata leggiuta
161
“Anema bella„

mamma. Ma che ce avesse corp* i\ dicite ‘a verità ? Tanto bene l'aggio vuluto ! Tantu bene 1 V’ *o giuro,

lupetto (Stende la mano al Delegato).

(Qualcuno del gruppo che è fuori il basso, apparisce dietro Vinferriata, poi »* allontana).

DELEGATO guardando la mano distesa di vitammela*

Chi t* ha dato ’st* aniello ? Peppino ?

MAMMELA

’A bonanema I...

DELEGATO Ce sta pure ’o brillantino, ’o smeraldino.

MAMMELA

Gnorsì, chillo me vuleva nu bene pazzo. <Si toglie laneIlo> lenite mente: ’a dinto ce ha dda stà pure na scrizione. (Gli porge (' anello)

DELEGATO leggendo.

  • Non ti scordar di me. Peppino 1 (Leda l’anello. Pau»«>.

MAMMELA

Avite visto ? Nun me faceva arapì manco ’a vocca. Er’isso ca diceva: Tu, qualunque cosa dimmella sempe prìmma a mine.

DELEGATO incalzandola.

E chillo se metteva appaura chi sa l’avisse cercato a donn’ Eugenio...

MAMMELA incauta.

Ma i’ nce *o ffacevo apposta.

DELEGATO

Quann ’o dicive a Peppino ?