Teatro - Menotti Bianchi/'E guaratelle

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

NOTICE: Mixed italian-neapolitan. In general, italics are for theatrical indications and are given in italian and dialogs are mostly in neapolitan.

 

[p. 381 càgna]

A
Benedetto Croce



'E GUARATELLE


sogno in un atto


[p. 382 càgna] [p. 383 càgna]

PERSONE


---




'on Rafaele.

'on Vicienzo.

'onna Carmela.

Giulietta.

Virginia.

[p. 384 càgna] [p. 385 càgna]
SCENA


Una piccola camera, quasi oscura, a pianterreno, in una via solitaria di Napoli. Una lampada votiva, posta sopra un canterano, a sinistra, dinanzi ad una immagine sacra, diffonde un tenue chiarore, che a quando a quando oscilla. A destra un ampio letto, con una coperta logora. Un tavolo sta in un angolo, con alcune sedie in pessimo stato. Un'aria triste, di miseria, dà a tutte le cose d'intorno un senso di pena infinita. La bambina è coricata e piange a singulti. La bambina è coricata e piange a singulti. La camera è deserta. Nel braciere il fuoco è spento. È un vespero triste di Gennaio. [p. 386 càgna] [p. 387 càgna]
ATTO UNICO
---



SCENA I.


Giulietta sola


Giulietta


(Col capo sotto la coperta bucata): Ah! Ah!... papà mio!.. papà mio!.. (Mette fuori dalla coperta una manina): Ah! Ah! (Tossisce fortemente. Mette fuori dalla coperta il capo e guarda attorno la camera): Papà mio... papà... papà!... (Un colpo di tosse forte, da spezzarle il petto, la costringe a sedere in mezzo al letto). Aaah!.. Aaah!.. Aaah!.. Aaah!... (Porta il lembo del lenzuolo alla bocca): Aaah!.. aaah!... (con l'occhio illanguidito, spento dall febbre, guarda attorno): Papà!.. papà mio!... (Piange e si dispera).

SCENA II.


detta e Carmela


Carmela


(Spinge l'invetriata e guarda, dalla porta, verso Giulietta, che piange) Giuliè! Si tu ca staie chiagnenno? Che t'è succieso?
[p. 388 càgna]

Giulietta


Mammella!...

Carmela


Ah! fosse viva 'a bonanema 'e mamma toia!.. Ma 'a colpa è stata 'e pateto, a spusarse chella furastera!... (Poichè la bambina si sostiene il braccio sinistro con la mano destra, le domanda): Che t'ha fatto?

Giulietta


M'ha vattuta!

Carmela


È senza core chella femmena.... Ma che ll' 'e' fatto?...

Giulietta


Niente!

Carmela


E va buò... nun chiagnere... T'ha fatto male?

Giulietta


C''o bastone...

Carmela


Ma chi?... Mammella?

Giulietta


No mammella... don Federico...


[p. 389 càgna]
Carmela


(Con l'aria di chi à tutto compreso) Aggio capito... E papà nun ce steva?

Giulietta


Ah, no! Si ce steva papà, nun me vatteva...

Carmela


E mammella c'ha ditto?

Giulietta


M'ha tirate 'e capille e m'ha ditto: «Nun di' niente a pateto, si no te dongo 'o riesto...»

Carmela


(Con curiosità, accarezzando la fanciulla) Ma pecchè? < br/>

Giulietta


(Vergognosa, portando le mani agli occhi). No... niente...

Carmela


Io saccio tutte cose; cu me può parlà.... Chella, mammella, soffre 'e stu male...

Giulietta


Si 'o sapesse papà! [p. 390 càgna]

Carmela


Ma c'hanno fatto?

Giulietta


(Con malizia, a mezza voce) Se so' vasate...

Carmela


Mbè? E che ce sta 'e male? (Sotto voce): Gesù! Gesù!

SCENA III.


dette e Vicienzo


Vicienzo


(Sotto la porta) Aggio 'aspettà cchiù?

Carmela


St'anema 'e Dio chiagneva e io so' curruta a vedè ch'era succiesso... Sa', è stato don Federico ca l'ha vuttata... (strizzando l'occhio) 'E' capito?

Vicienzo


E chesto si' bbona a fa' 'a ntrincarte d''e fatte 'e ll'ate...

Giulietta


(Si lamenta sottovoce). Me fa male!... [p. 391 càgna]
Carmela


Iammo ferniscele! Nu pilo 'o faie nu trave...

Vicienzo


(Notando che la ragozza si lamenta) Pecchè se lagna?

Carmela


Nun t'aggio ditto? L'hanno vattuta... (Si avvicina a Giulietta) Te fa male assaie?

Giulietta


(Accenna col capo di si, e mostra il braccio) Cca.

Carmela


(Guardando) Che 'nfame scellerato! Ll'ha fatto na mulignana!

Vicienzo


Miettece nu poco d'acqua... (Prende da canterano un fiaschetto di vetro pieno d'acqua) Addò sta nu poco 'e pezza?

Carmela


(Girando gli occhi oattorno) E chi t''o ddà? Cca nun ce sta manca 'o ppittato!


[p. 392 càgna]
Vicienzo


(Cava dalla saccoccia il fazzoletto e lo bagna) Ecco fatto! (Fasciandole il braccio) Mo nun sentarraie cchiù dulore!

Carmela


(A Giulietta) Nun 'o perdere 'o fazzoletto, si no se spara 'a duzzina...

Vicienzo


Statte attienta!... Se perde stu muccaturo 'e seta!

Carmela


Comme si' scemo!

Giulietta


(A Carmela) 'Onna Carmè.... nun avite appaura, io nun aggio maie perzo niente...

Carmela


'O ssaccio... tu si' na femmenona... (Scorgendo suo marito, che pensieroso guarda la ragazza) A che pienze?

Vicienzo


(Con un gran sospiro) Penzo ca quanno na povera figlia perde 'a mamma è na gran }} [p. 393 càgna]disgrazia... (S'avvicina al letto) Te siente nu poco meglio?

Giulietta


Si, 'on Viciè.

Vicienzo


Mo nun 'e' 'a chiagnere cchiù... Repuòsete; e fatte nu bello suonno.

Giulietta


Vurria arrepusà, ma nu pozzo.,.

Vicienzo


E pecché?

Giulietta


'A tosse..

Carmela


Chesta è stata tutta l'acqua ch''e' pigliato... (A suo marito) 'O pate apprimma se purtava appriesso 'a mugliera, 'a rumana, p&#39,'a fa girà c''o piattiello; una chella bbona crestiana, annascuso, s'arrubbava sempe quacche soldo, p''o dà... m''è capito? (Con significato).

Vicienzo


Aggio capito...

Carmela


Nu iuorno, ca se purtaie 'a guagliona, chesta se ne addunaie, e 'o dicette a 'o pate... [p. 394 càgna]
Giulietta


(Che ha ascoltato) S''e metteva dint''o mantesino...

Vicienzo


Ce vò tanto p''a nduvinà 'a ventura...

Carmela


Da chillo iuorno nun se purtaie cchiù 'a mugliera, e 'st'anema e Dio accumpagnaie 'o pate, 'e vierno, 'e state, pe girà c''o piattiello attuorno...

Vicienzo


(A Giulietta) E mo pateto sta a ffa' 'e guarattelle?

Giulietta


Che ora s'è fatta?

Vicienzo


Ce vò poco p''avummaria!

Giulietta


Sta 'o llario 'o Castiello...

Vicienzo


E po' addò va? [p. 395 càgna]
Giulietta


Se retira...

Carmela


Mo 'o vide 'e venì.

Giulietta


(Tossisce) Me fa male 'o pietto!...

Vicienzo


(A sua moglie) Ma che tene?

Carmela


(Sottovoce) Tene 'a purmunia!...

Vicienzo


Zitto... Sciò llà!.,.. (a Giulietta) 'O miedico tha vista?...

Giulietta


Si, m'ha dato chella medicina p''a tosse... (Indicando la boccettina che sta sul canterano) Io nun 'a voglio... è amara...

Carmela


(Accarezzandola) Tu te ll'aie 'a piglià! Si no, come staie bona?

Vicienzo


Ne vuò nu cucchiarino? Iammo... pigliatella...
[p. 396 càgna]

Giulietta


È amara...

Carmela


(Prende la bottiglia e versa in un cucchiaio un po di quel liquido) Iammo... sùsete...

Giulietta


È amara...

Vicienzo


(Le mostra un soldo) Iammo! Si t''a piglie, te dò nu sordo...

Giulietta


(Con gioia) M''a piglio!... M''a piglio...

Carmela


(Dopo averle dato la medela) Bravo!... Pare na santa...

Vicienzo


(Dandolo il soldo) E chisto è 'o sordo...

Carmela


(A suo marito) E tu nun vaie a' suggità?

Vicienzo


Che buò! M'ha fatto tanta 'mpressione sta guagliona, ca me sento 'o core niro niro... Ma me n'aggia i' pe forza... Stasera s'ha dda vutà 'o presirente...


[p. 397 càgna]
Carmela


E si te fanno presirente!

Vicienzo


(Ridendo) Eh, me facevano presirente!

Carmela


Pecchè, nun può essere?

Vicienzo


Io me ne vaco... Addio, Giuliè (Giulietta lo saluta con la mano).

Carmela


Retirate ampresso... Io resto n'ato ppoco pe lle fa' cumpagnia... ('On Vicienzo esce, chiudendo dietro di sè l'invetriata) S'è fatto scuro Vulimmo appiccià 'o lume?

Giulietta


Nncopp''o cumò ce sta 'a lampa... (Carmela ravviva la lampada innanzi la Madonna).

Carmela


Tiene appetito?

Giulietta


Si... [p. 398 càgna]

Carmela


E che vuò? Di'...

Giulietta


Nun pozzo tuccà niente. 'O miedico nun vò... (lungo silenzio). 'Onna Carmé, me vulite cuntà 'o cunto d''auciello grifone?

Carmela


N'ata vota 'o vuò sentere?

Giulietta


Sì, sì,... me piace 'e sentere...

Carmela


E te staie zitta?

Giulietta


(Ponendosi la mano al petto) A parola mia!

Carmela


(Comincia a raccontare, con voce monotona, da cantilena, col ritmo eguale, col quale le vecchie sogliono narrare le fiabe) Ce steva na vota nu Re cecato. Stu Re, na notte, se sunnaie ca pe se sanà ce vuleva na penna 'e ll'auciello grifone. 'A matina chiammaie 'e figlie e dicette chello ca s'aveva sunnato, e [p. 399 càgna]prumettette ca chi lle purtava sta penna addeventava Re. 'E figlie subeto s'armaieno e curretteno, pe truvà 'a penna 'e l'auciello grifone, chi pe na via e chi pe n'ata. Cammina, cammina, doppo tre iuorne e tre notte, nun truvaieno a nisciuno ca sapeva di' adò steva l'auciello... (Si ferma, non ricordando la fiaba) Ah! E chi se ricorda cchiù!

Giulietta


(Con voce dolce riprende la narrazione) 'O cchiù piccerillo d''e frate, ca s'era spierzo 'nt'a nu bosco, 'ncuntraie a nu vicchiariello, e lle dicette: «San Giuseppiello mio, me vuò di' addò sta l'auciello grifone?» 'O vicchiarello se mettette a ridere e dicette: «Chillo che vaie truvanno sta ncopp'a chill'albero»; e dicenno chesto scumparette.

Carmela


Ah, si! Aie ragione! (riprende lei la narrazione) 'O piccerillo sagliette ncopp'a ll'albero e tiraie na penna a l'auciello. Mentre se ne turnava a' casa soia, 'ncuntraie 'e frate. Chiste, pe mmidia 'e rignà, l'afferraieno, le levaieno 'a penna, l'accedettero e l'atterraieno.....

Giulietta


'Onna Carmè, nun abbreviate!


[p. 400 càgna]
Carmela


Arrivate che fuieno add''o Re, 'o frate cchiù grusso dicette: «Chesta è 'a penna!» Nce 'a passaieno tre vote ncopp'a ll'uocchie d''o pate, ca subeto ce vedette. Ma 'o Re, nun vedenno 'o figlio cchiù piccerillo, addimannaie addò steva, e 'e figlie rispunnettero subeto ca nun 'o ssapevano. Allora 'o pate mannaie a tanta gente; ma nisciuno 'o putette truvà. Nu vaccaro, passanno p''a via addò era stato acciso 'o figlio d''o Re, vedette n'uosso c'asceva 'a sottaterra: 'o tiraie, e l'uosso se mette a parlà accussì:

« Vaccaro mio, vaccà...
« Tieneme astrinto e nun me lassà,
« Pe na penna 'auciello grifone,
« Frateme è stato nu traditore!


(Giulietta, a poco a poco, per lo spavento, si nasconde sotto la coperta) Quanno 'o vaccaro passaie sotto 'a casa d''o Re, l'uosso accuminciaie a parlà n'ata vota. 'O Re, ca 'o vedette, vulette sentì che diceva; pigliaie l'uosso mmano, e chillo se mettette a parlà accussì: (Con voce cavernosa)

« Papà mio, papà...
« Tieneme astrinto e nun me lassà,
« Pe na penna 'auciello grifone,
« Frateme è stato nu traditore!


Giulietta è scomparsa interamnete sotto la coperta. Carmela se ne avvede, solleva la [p. 401 càgna]coperta e resta a guardarla lungamente) Povera figlia! S'è addurmuta! (Sotto la porta appare la matrigna di Giulietta).

SCENA IV.


dette e Virginia


Virginia


(Entrando, vede Carmela) Ve saluto, sora Carmela; che fate? Spregate er tempo co 'sta sgrinfia? Me sembra 'n ghiro! Se dorme la settimana santa!

Carmela


Che dicite! Sta povera figlia tene na freve 'e cavallo!

Virginia


La possino acciaccà! 'Un crepa mai! L'avrebbe dovuto capì prima...

Carmela


S'è addurmuta... Sta proprio brutto...

Virginia


So' tutte imposture! Volete vedè come s'arza? Quatto papaveri sur grugno e zompa dar letto!

Carmela


(Difendendo la ragazza). Donna Virgì... embè? Chesto ca vuie facite nun è bello! Se vede propio ca nun le site mamma!


[p. 402 càgna]
Virginia


(Risentita) Sora Carmela, impicciatevi de li fattacci vostri...

Carmela


(Con calma) 'O ssaccio...

Virginia


Non voio legge... La padrona de casa so' io...

Carmela


E chi ve dà tuorto?... Ma, vedite, a 'sta piccerella io 'a voglio bbene... Canuscevo 'a mamma...

Virginia


Embè? Che me ne mporta?

Carmela


Ve pregavo... nun 'a maltrattate quanno ce sto io...

Virginia


(Scoppia a ridere) Non me fate ride'!

Carmela


(Scattando) Tu 'e qua' paese si'? Cca, a Napole, nun ausammo 'e fa' tanta chiacchiere. [p. 403 càgna]
Virginia


E' meio che ve n'annate; ne so, pe li mortacci vostri...!

Carmela


Sa che te dico?... Nun annummenà 'e muorte mieie, ca te faccio fa' 'o strascino pe quanta è longa 'a via!

Virginia


A chi dici, a me?

Carmela


Si, a te!... A te!...

Giulietta


(Si sveglia, siede in mezzo al letto, e come sognando dice) Nun 'o ffaccio cchiù!... Nun 'o ffaccio cchiù!

Carmela


(Avvicinandosi alla ragazza) L'ha appaurata! (accarezzandola) Nun avè appaura... ce sto io cca...

Giulietta


Nun me lassate... Chillo... don Federico..

Virginia


(Le fa cenno di tacere) Che vole?


[p. 404 càgna]
Carmela


T'ha vuttata? (Giulia guarda Virginia). Nun avè paura!... Di'... (appare sotto la porta il padre).

Giulietta


Papà!... papà!...

SCENA V.


dette e Rafele


Rafele


(Si ferma sotto l'arco della porta. Ha sul dorso il teatrino e nelle mani il sacco coi pupi. Guarda sua moglie e 'onna Carmela, come per chiedere cosa sia avvenuto. Depone la barracca e i pupi, e si avvicina al letto della figlia) Ch'è succieso? Tiene ll'uocchie appaurate...

Giulietta


Mammà...

Rafele


(A sua moglie) Ma che te si' miso 'n capo d'acciderla a 'sta povera criatura?

Virginia


Ti rode quarche cosa?
[p. 405 càgna]

Rafele


(Alla figlia) Di', ch'è succieso? Che t'ha fatto? (Giulietta guarda la matrigna con occhio pauroso) Guarda a me... Di', che t'ha fatto?... Nun avè paura...

Giulietta


(Con un fil di voce): Niente!

Rafele


(A donna Carmela): 'Onna Carmè... parlate vuie... ch'è succieso?

Carmela


E io che ve pozzo di'?... So' venuta pe vedè comme steva 'a piccerella, e l'aggio truvata chiagnenno, sola sola...

Rafele


(A sua moglie): Sola?... E tu aie avuto 'o curaggio 'e l'abbandunà? Addò si' ghiuta? Ma tu a chi 'ntienne 'e fa' passà nu guaio?... No!... No!... 'A vi' stanema 'e Dio? Io campo sulo p'essa!... E tu ll''e' vattuta!... Tu?

Giulietta


(Protestando): No... nun è stata essa...


[p. 406 càgna]
Rafele


(Con premura a sua figlia): E chi é stato?.. Di'! Parla!

Carmela


Che ghiate penzanno!... Chi puteva essere?

Rafele


(Afferrando per il braccio sua moglie, le chiede): Isso ll'ha vattuta?! E tu, nfame, l'aie fatto trasì cca? Dint''a casa mia?! Cca... addò sta figliema? Schifosa! Di'!... parla! (si schiaffeggia per la vergogna).

Carmela


'On Rafé.; che facite!

Giulietta


Papà!..., papà!...

Virginia


Saie che te dico? Me so' seccata...

Rafele


(Scattando): Iesce!... Iesce d''a casa mia! Iesce!


[p. 407 càgna]
Virginia


Si, sì, mo me ne vado... Tanto cu te che ce guadambio? M'ha fatto sempe morì de fame!

Rafele


Va... va... add''o nnammurato tuio! Chillo è l'ommo ca fa pe te! (si avvicina alla figlia e le chiede): Chi è venuto cca? (Giulia lo guarda e tace). È fenuto don Federico? (Giulia afferma con la testa. A sua moglie) E staie ancora cca?... (a Giulia): E t'ha vattuta?... (Giulia afferma con la testa). Nfame! nfame! (si slancia contro la moglie)

Giulietta


(Con spavento): Papà... papà mio!...

Carmela


(Lo trattiene) Lle vulite fa' piglià na vermenara?

Rafele


(A sua moglie indicandole la porta) Iesce!.... Iesce!.. (Virginia esce guardando con disprezzo il marito). Giuliè... figlia mia! (scoppia in pianto, abbracciando la figlia, e cade sulla sedia).

Giulietta


Papà! papà mio!...


[p. 408 càgna]
Carmela


Meno male! Se n'è ghiuta!... 'On Rafè, ringraziatene a Dio! Chella chi sa qua' iuorne ve faceva passà nu guaio... Ma chella ha fatto pe fa' vedè.. (avvicinasi con premura) Iammo... don Rafè... 'o diavolo non è brutto comme se pitta... Se sape: so' chiacchierie ca passano...

Rafele


Nun mettarrà maie cchiù 'o pede 'int''a casa mia... Maie, maie, maie cchiù! È pe st'anema 'e Dio ca me dispero... Chi l'assistarrà? Chi le lle farrà da mamma? Vuie o sapite quant'aggio 'a faticà pe m'abbuscà nu tuozzo 'e pane...

Carmela


E ch'è fenuto 'o munno? Simmo o nun simmo napulitane?

Rafele


Grazie; vuoie avite tenute sempe 'o buon core, e pure 'o marito vuosto...

Carmela


Ah! Vicienzo, sì, è overo, è stato sempe nu buon ommo... E pure tene 'e vizie suoie.. (Giulietta tossisce). Giuliè, iammo: pigliate 'a medicina... (va a prendere un cucchiaio di medela). [p. 409 càgna]
Rafele


Te siente male?

Carmela


Ecco cca! (le cdà la medicina) Brava... brava Giulietta...

Rafele


Don Federico è stato cca?

Giulietta


Si.

Rafele


Nzieme cu mam... cu chella femmena?

Giulietta


No... mam... steva cca... Po' è venuto don Federico...

Rafele


E t'ha vattuta?

Giulietta


Sì... c''o frustino...

Rafele


(Stringendo i pugni): Nfame! [p. 410 càgna]
Giulietta


(Mostrando il braccio destro). Cca... m'ha fatto male!

Rafele


(A donna Carmela): 'Onna Carmè... nu minuto... vaco e vengo... (fa per prendere il cappello).

Carmela


Site pazzo! Cu chi ve vulite mettere?

Giulietta


(Spaventata scende dal letto e gli abbraccia le gambe) No... papà... no... papà!..

Rafele


(La prende sulle ginocchia): Nun te mettere appaura...

Giulietta


Voglio sta' nzino a te!

Carmela


Nun facimmo capricce...

Rafele

(A donna Carmela):: Scusate, dateme 'a cuperta! (Carmela esegue, ed avvolge le gambe della ragazza): E mo che vuò fa'? [p. 411 càgna]
Giulietta


Voglio sta cca... abbracciata cu tte... (l'abbraccia) Papà mio!..

Rafele


Ma tu pigliarraie friddo...

Giulietta


No, vicino a te sto meglio, nun sento friddo..,

Carmela


(Si asciuga una lagrima): Viato a vuie ca tenite na figlia... Io sta gioia nun l'aggio maie avuta... Dio m'ha voluto fa scuntà 'e peccate mieie.

Rafele


È overo! 'E figlie so' care, ma quanno nun ce manca niente... E a me manca tutto!..

Carmela


Dio vede e pruvvede.

Rafele


È giusto! Na vota io ero artista 'e teatro e chello ca m'abbuscavo 'o spennevo... Nuie simmo fatte accussì... tenimmo 'e mmane spertusate... Chille erano ati tiempe... M' [p. 412 càgna]aviveve 'a sentere 'int''e «Due Sergenti» onna Carmè! Fuie 'o destino ca me facette 'ncuntrà cu chella femmena. Ero videvo, tenevo 'sta piccerella, e m''a spusaie. Da chillo iuorno nun avette cchiù pace... tutto iette a rotta 'e cuollo... 'A cumpagnia se sciugliette, io perdette 'a voce, cadette malato, nun putette cchiù recità... e pe vivere, mo... (indica il teatrino dei pupi) ecco chello ca me tocca a ffa'... 'o pupante!

Giulietta


(Gli asciuga una lagrima): Papà... pecchè chiagne?... Nun ce sto io pe tte?

Rafele


Si, è overo; ma te vularria vedè allegra, cuntenta, e no' malatella accussì...

Giulietta


Aggia sta sempe malata?

Rafele


No!... Tu t''e' a sanà!

Giulietta


E me purtarraie sempe appriesso a te?

Rafele


Sempe!... sempe!... (la bacia). [p. 413 càgna]

Giulietta


Papà, me vuò mettere 'a veste ianca? chella ca me mettette quanno me facette 'a cummenione?... Te ricuorde?

Rafele


E comme t'è venuto stu pensiero?

Giulietta


'A vi': sta llà, 'nt''o cumò!

Rafele


Che capriccio è chisto, Giuliè?

Giulietta


Sì, papà; cuntenteme; te voglio tanto bene! (l'accarezza): Si me faie cuntenta, te do nu vasillo...

Rafele


(A donna Carmela) 'A sentite? Me pare na vicchiaralla!

Carmela


(A Giulietta, dopo essersi avvicinata al comò). Addò sta, cca?... 'Int'a stu teraturo?

Giulietta


No, llà, a ll'ultemo teraturo! Sta arravugliata 'inta nu panno russo.
[p. 414 càgna]

Rafele


Ma che vuò fa'?

Giulietta


M''a voglio mettere... E... si moro?

Rafele


Nun 'o ddi'! (turandole la bocca); E me lassarisse accussì?! Sulo sulo?

Carmela


E che so' sti discurse? Iammo, mo te vesto io! (la prende in braccio, la porta sul letto e la veste).

Rafele


Nun tengo parole pe ve ringrazià...

Carmela


(A Giulietta): Quanno po' starraie bona, te ne venarraie pe sempe cu me!

Giulietta


E papà?

Carmela


Papà ha dda fa' 'e fatte suoie... Quanno po' vene, 'a sera, allora te starraie cu isso... [p. 415 càgna]

Giulietta


E nun 'o pozzo accumpagnà?...

Carmela


No!... Tu starraie sempe cu me! Ce vuò sta? Sì? Rispunne...

Giulietta


E papà?

Rafele


Papà nun te lassarrà cchiù... Starrà sempe vicino a te... Si' cuntenta?

Giulietta


(Batte le mani per la gioia): Ah! si... si!...

Carmela


È fatto!

Giulietta


'E scarpe?

Carmela


Pure 'e scarpe? Addò stanno?

Giulietta


'Int''o cumò... (Rafele le prende e le dà a Carmela).

Carmela


Dimme na cosa, mo ca te si' vestuta vulisse ascì?


[p. 416 càgna]
Giulietta


No... me l'aggio voluto mettere... che ssaccio... (Rafele guarda 'onna Carmela col gesto disperato di chi sa che il destino non ha più rimedio).

Carmela


(Sottovoce a Rafele): E che so' sti lacreme? Curaggio!... Nun 'a vedite comme sta allegra?

Rafele


Ogge sta peggio! Nun vedite c'uocchie tene?

Carmela


'E piccerelle so' fatte accussì... Mo 'e vedite abbattute, malate... a n'ato poco zompano a ridono... (a Giulietta): È overo ca te siente meglio? (Giulietta con la testa afferma e si avvicina al padre) Avite visto? Me date 'o permesso, 'on Rafè? Vaco a priparà nu poco 'e cena a Vicienzo, e torno subeto...

Rafele


Facite 'affare vuoste...

Carmela


(Fa per uscire poi ritorna) E vuie, 'on Raffè, avite mangiato? Nu muorzo 'e cchiù, nu muorzo 'e meno, pe nue fa 'o stesso... senza cerimmonie... [p. 417 càgna]
Rafele


Ve ringrazio...

Carmela


Ma che so' sti ringraziamente?

Rafele


No, grazie... veramente... m'aggio suppuntato 'o stommaco...

Carmela


Allora cchiù a tarde, quanno vene Vicienzo, trasite nu mumento... Nuie v'aspetammo!...

Rafele


Si... cchiù tarde... grazie!

Giulietta


(Con gioia): I' pure...

Rafele


Tu mo t''e' 'a cuccà...

Giulietta


Voglio venì pur io...
[p. 418 càgna]

Carmela


E va buono... nun piccià... (esce).

Rafele


Comme te sta bella sta veste!... T''a vuò levà?

Giulietta


A n'ato ppoco... 'Into''o cumó ce sta pure 'a nocca celeste p''e capille... (fruga nel tiretto, prende un velo bianco e lo mostra al padre) Papà, guarda: te ricuorde? M''o purtaste quanno me facette a primma cummenione... (Il padre guarda con dolore la figlia) Mo 'o metto cca, 'nt''a sta scatola, accussì nun se sciupa... (seguita a cercare) Ah! 'A vi' cca! (mostra il nastro cilestrino e lo lega tra i capelli) Me sta buono?

Rafele


Giuliè... iammo... cuccàmmece...

Giulietta


(Ha un forte colpo di tosse): N'ato poco...

Rafele


'E' visto?

Giulietta


Io me sento meglio! (ha un capogiro). [p. 419 càgna]
Rafele


(Sostenendola) 'E' visto? Tu nun te mantiene a ll'erta... Iammo, famme cuntento...

Giulietta


Si... papà,... é overo... m'avota 'a cape...

Rafele


Cucchete (sostenendola, la porta vicino al letto).

Giulietta


Ma 'a veste nun m''a levo...

Rafele


Comme vuò tu. (La fa sedere sul letto, accomodandole i cuscini alle spalle). Staie bona accussì?

Giulietta


Papà, me vuò fa' un piacere?

Rafele


Di'... che vuò?

Giulietta


Ma tu me dice ca si?


[p. 420 càgna]
Rafele


Eh sì... te dico ca si...

Giulietta


Me vuò fa' sentere l'opera d''o diavolo cu Pulicenella?

Rafele


Giuliè, che vaie pensanno!

Giulietta


(Con voce di pianto) Si, papà... me l'aie prummiso...

Rafele


Giuliè, nun me fido... Tu saie c'aggio faticato tutt''a iurnat...

Giulietta


Chi sa' si 'a pozzo sèntere... n'ata vota...

Rafele


Te si' dispiaciuta? (Giulietta non risponde) Che mme puorte 'o musso? E te voglio fa' cuntenta! Ma sulo l'opera d''o diavolo cu Pulicenella?

Giulietta


Sì... sì... Bravo papà!...


[p. 421 càgna]
Rafele


Tu nun te movere 'a lloco... Miettete 'a cuperta ncopp''e ggamme... (le mette la coperta sulle gambe, poi va sciogliere il sacco, che li contiene; e, prendendo nella mano destra Pulcinella e nella sinistra Colombina, si prepara alla recita).

Giulietta


Papà, nun abbrevià... Fammella sentì tutta quanta...

Rafele


E va buono! (entra nel teatrino e con voce nasale, chioccia, comincia la farsa «Pulcinella e il diavolo»).

LA RAPPRESENTAZIONE


SCENA I.


Pulcinella e Colombina


Pulcinella


(Picchia alla porta di Colombina e la chiama) Culumbì!... Culumbì!... Culumbì!... (Picchia di nuovo) Neh! tu ce siente?

Colombina


(S'affaccia al balcone) Si' tu, Pulecenè?


[p. 422 càgna]
Pulcinella


Scinne: nun 'o vvide ca sta chiuvenno?

Colombina


Zitto, ca ce sta 'o patrone!

Pulcinella


E scinne zitto zitto...

Colombina


Mo scengo... (Scende e fa segno a Pulcinella di avvicinarsi) Si' sempe nu scemone!

Pulcinella


(Abbracciandola) Sciasciona mia, viene 'int''e braccie meie!

Colombina


Tu si' tutto d''o mio?...

Pulcinella


Chello ch'è tuo è mio e chello ch'è mio è tutto d''o mio!

Colombina


Me vuò bene? [p. 423 càgna]
Pulcinella


Io moro e spanteco pe tte... St'uocchie tuoie m'hanno apierto na furnace 'int''o core. Io nun dormo cchiù. 'A notte me sceto, e penzo a tte! Nun arreposo, nun trovo cchiù arricietto... Me sento 'e viscere arrevutà... 'O core fa tic-tac. Io so' nu Vesuvio!.... (abbraccia Colombina e la bacia).

SCENA II.


detti e don Anselmo Tartaglia


d. Anselmo


Brrrè... brè... brè...

Pulcinella


(Come se suonasse il tamburo) Brè... brè... brè...

d. Anselmo


Brrr.. bravi.. bravi... Seh! Mo v'acconcio io! (rientra in casa e ne esce con un bastone).

Colombina


(Intercede per Pulcinella) Signò, chisto m'è frateme; mo è venuto 'Acerra...

d. Anselmo


Bu... bu.. bu.. giarda! [p. 424 càgna]

Pulcinella


Bu, bu, bu!... Ma ch'è 'o ffuoco 'o Carmene?

d. Anselmo


Insalata!... Insolente!... (Alza il bastone e cerca di picchiare Pulcinella, ma ad ogni colpo questi abbassa la testa e il colpo fallisce. Giulietta batte le mani).

Pulcinella


Ah! ah! So' muorto!

d. Anselmo


Accussì nun 'o farraie cchiù... (Pulcinella ad un tratto si alza e afferra il bastone. Qui ha luogo una lotta per la conquista del bastone. Pulcinella riesce vincitore, e giù legnate da orbo) Aiuto! aiuto!...

Giulietta


(Ride e batte le mani per la gioia). Da', da'!...

Pulcinella


Teh! teh! N'ata vota te 'mpara a ffa' 'o malandrino!
[p. 425 càgna]

d. Anselmo


(Sotto la pioggia delle bastonate è morto. Pulcinella lo prende fra le mani e lo dondola fuori dal parapettino, come una campana).

Pulcinella


Ndà mbò!... ndà mbò!...

Giulietta


(Ha un violento colpo di tosse, si porta le mani alla gola, come chi si sente strozzare, vacilla, reclina il capo) Papà!... Papà mio!...

Rafele


(Esce di sotto le tende, gitta a terra i fantocci, si strappa il grembiule, si precipita verso Giulietta e la chiama con voce d'angoscia) Giuliè... Giuliè... figlia... figlia mia!... (la scuote, le solleva la testa, la guarda neglio occhi, poi si alza, si guarda attorno, si precipita sul letto e baciando la piccola morta) Morta!... Morta!... (Resta lungamente abbracciato al corpicino della ragazza. Ad un tratto si alza automaticamente, avvicina il tondo ai piedi del letto, prende la lampada votiva dal canterano e la pone sul tondo. Si avvicina alla morticina e con amorosa pietà le accarezza i capelli, le congiunge le mani, le chiude gli occhi, la bacia. Un sorriso di sfiducia gli sfiora il labbro, dondola il capo e con disprezzo guarda il teatrino, i pupi sparsi per terra, e col piede li spinge lontano. La porta [p. 426 càgna]si apre e appare Virginia. 'On Raffaele ha un sussulto, guarda la moglie, questa abbassa il capo; poi guarda il cadaverino, indietreggia, sparisce nella via. 'On Raffaele fruga nel tiretto del canterano, prende il velo e commeunautoma copre il corpo della figlia. Cade in ginocchio dinanzi al letto, ed erompe in pianto, abbandonando il capo sul materasso).


FINE




Napoli, 16-20 luglio 1896.