Paggena:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/405

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 383 —


Rafele


(Alla figlia) Di', ch'è succieso? Che t'ha fatto? (Giulietta guarda la matrigna con occhio pauroso) Guarda a me... Di', che t'ha fatto?... Nun avè paura...

Giulietta


(Con un fil di voce): Niente!

Rafele


(A donna Carmela): 'Onna Carmè... parlate vuie... ch'è succieso?

Carmela


E io che ve pozzo di'?... So' venuta pe vedè comme steva 'a piccerella, e l'aggio truvata chiagnenno, sola sola...

Rafele


(A sua moglie): Sola?... E tu aie avuto 'o curaggio 'e l'abbandunà? Addò si' ghiuta? Ma tu a chi 'ntienne 'e fa' passà nu guaio?... No!... No!... 'A vi' stanema 'e Dio? Io campo sulo p'essa!... E tu ll''e' vattuta!... Tu?

Giulietta


(Protestando): No... nun è stata essa...