Paggena:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/408

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
— 386 —
Carmela


Meno male! Se n'è ghiuta!... 'On Rafè, ringraziatene a Dio! Chella chi sa qua' iuorne ve faceva passà nu guaio... Ma chella ha fatto pe fa' vedè.. (avvicinasi con premura) Iammo... don Rafè... 'o diavolo non è brutto comme se pitta... Se sape: so' chiacchierie ca passano...

Rafele


Nun mettarrà maie cchiù 'o pede 'int''a casa mia... Maie, maie, maie cchiù! È pe st'anema 'e Dio ca me dispero... Chi l'assistarrà? Chi le lle farrà da mamma? Vuie o sapite quant'aggio 'a faticà pe m'abbuscà nu tuozzo 'e pane...

Carmela


E ch'è fenuto 'o munno? Simmo o nun simmo napulitane?

Rafele


Grazie; vuoie avite tenute sempe 'o buon core, e pure 'o marito vuosto...

Carmela


Ah! Vicienzo, sì, è overo, è stato sempe nu buon ommo... E pure tene 'e vizie suoie.. (Giulietta tossisce). Giuliè, iammo: pigliate 'a medicina... (va a prendere un cucchiaio di medela).