Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
 

[p. 1 càgna]

Tutti avvelenati

o

Vi che m'ha fatte Pulicenella

Commedia, in I atto di P. PETITO


PERSONAGGI


Pulcinella { Felice (o Cicillo)
Anselmo Donatino
Pascale Adelaide

NAPOLI

T. PIRONTI, Editore

Piazza Cavour, 70

1917

[p. 2 càgna]
ATTO PRIMO

Camera decente, mobilia idem, tavolo, porta in mezzo con campanello.

Scena IPulcinella, poi Anselmo dal mezzo. indi Adelaide

(All'alzarsi della tela si bussa il campanello)

Pul. Mo, mo; chi sarrà Chesta nun è tuzzuliata ’e don Felice (si bussa c. s.) E vanne pure ’e pressa. (apre)

Ans. (fuori) E tanto ce vuleva p’arapì?

Pul. Signò, scusate. (Embè si sapevo ch’era isso nun arapevo).

Ans. Già, è inutile domandare. D. Felice nun c’è?

Pul. Gnernò, non s’è ritirato ancora.

Ans. Scusate si è poco, sò ’e dieci e non s’è ritirito ancora. Eh! ma io ’o veco e ’o chiagno a chillo!.. Venette ad arricchì ’a puteca mia: se facette fa duie custume, sciassa, gilè e calzoni neri, prummettenneme ca quanno ’o cunzignavo ’a robba me deve 40 lire e ’o rieste d’ ’o cunto ch’era 250 lire a tante ’o mese, e intanto fino a mo aggia avuto solo ’e 40 lire e n’aggio cunsumato scarpe. Ma mo aggio deciso: o me paga, o vaco a ricorrere e felice notte.

Pul. Ricorrere pò no, chill’è no galantommo, e si nun è ogge, dimane sarete soddisfatto.

Ans. No, io ne tengo na panza ’e sti chiacchiere; so cinche m se c’avimmo ditte sempe ’o stesso. Anze, io mo me ne vaco e torno ’a ccá à n’ata mez’ora. Dicilelo ch’io sò risoluto: o me pago o vaco a ricorrere, e ca nun voglio aspettá manco n’ata jurnate. Ce simme capite? io a n’ata mez’ora sto ccà: (via)

Pul. E che vulite risponnere? avanza ’o sango suio e a ognuno dispiace. Ma isse pure quanno ’a mette ’a capa a ffà bene? Intanto ’a notte a fa juorne, criditure vanno e veneno e denare nun ce ne stanno.

Scena IIAdelaie e detto.

Ad. (d. d.) E’ permesso?

Pul. Uh! Donna Adelaide ’a signurina che sta a pporta, favorie, favorite.

Ad. (fuori con borsa con entro bottoncini) Buon giorno [p. 3 càgna] Pulicené, Don Felice è asciuto già?

Pul. Asciuto! Chillo d’aiere matina ancora s’ha da ritirà.

Ad. Possibile! Eh! capa pazza! Ma ’e chesta manera finirà coll’ammalarsi.

Pul. E io sì v’aggia dicere a’ verità, ve dico ca sta già malato ’a tre o quatte iuorne, pecchè na matina se ritiraie cu na buttigliella mmano, e tutto s”a guardava tutto s’’a cuntemplava; pò vedenne ch’io ’o guardavo dicette; no, non metterte paura pecchè chesto me farrà fernì e soffrì. Io na bestia songo, ma però capette che chella lla era na medicina ca s’aveva piglià, accussì ferneva ‘e suffrì.

Ad. (Ate che medicina! io credo c’aveva essere quacche veleno. E che ne facette ‘e chella bottigliella?

Pul. Sta ancora tale è quale dinto a chillo cascettino dînto studio suie. Uh! mamma mia! aggio rummaso cafè ncopoo ffuoco! da ccà sente cu se sta revacanno. Signuri, permettete nu mumento. (via)

Ad. Fa liberamente Che bella penzata! sì io putesse?.. e pecchè no?.. nisciuno me vede.. tentammo (entra nello studio ed esce subito) Ah! non m’era ingannato! nu veleno! arsenico liquido: Avvelenarsì alla sua età. È che cosa poteva spingerlo a ciò? (rimane a penzare)

Scena IIPulecinella e detta, poi Pasquale

Pul. Signuri, scusate sì v’aggio lassate sola; ma chisto D. Felice a qualunqu’ora se retira sì non trova o cafè e à butteglia c’’a rum fa revutà ’a casa.

Ad. Cumme sì buono! Anze lasseme i ncoppe pure a mme pecchè zieme sta co penziere. Pulicenè, statte buone e salutame a D. Felice. (via)

Pul. E pure io credo ca sta signorina ha da vulè bene a D. Felice: sempe spia, sempe se nforma… io sarraggio na bestia cumme dice ‘o patrone, ma cierti ccose..

Pas. (d. d.) Neh, c’è? sì c’è, io m’avanzo è m’introduco; se non c’é, io faccio dietro front è marcie…

Pul. Uh! quant’è bello! E ‘a dò é asciuto chisto?

Pas. Che dici? che balbetti? Rispondi.

Pul. (ride) Uh! ma chist’è bell’assaie | Io nun capisco.

Pas. No, no, chesto no: questo ridermi in faccia non va, non sta, Io sono un uomo d’età: ho moglie, cinque figli, una serva, il servo, ’o cane, ’a gatta, quindi aspetto [p. 4 càgna] rispetto più degli altri. Ho reso l’idea? mi spiego? hai capito?

Pul. Sarrà; ma io quanto cchiù ve guardo, cchiù me vene ’a vuluntà ’e ridere; per esempio mo…

Pas. T’è venuta ’a volontà? (lazzi) Basta, venimmo a nuie. Qui abita D. Felice Sciosciammocca, ma adesso non è in casa?

Pul. Iusto accussi. Ma vuie chi site e che vulite do patrone mio?

Pas. Ecco qua io debbo proporgli un ottimo affare. Haie da sapere ch’io tengo parecchie case di mia proprietà, e fra le altre una che da poco m’aggio comprato alla parte d’o primmo ponte da Matalena, ca me costa na muneta; tanto più che l’ò messa a carta ’e Francia acqua ’e serino; ma ’o fatto sta ca nun trovo ad affittarla.

Pul. E pecchè pò?

Pas. Pecchè tutte le femminuccie di quel rione me l’hanno talmente discreditata ca nun se crede… dicene c’a notte vedeno l’ombre, sentone cierti rummore… insomma, figlio mio, aggio ’o passato guaio.

Pul. E se capisce. Già, io mo so na bestia, ma pure nun me faccie capace cumme ce trase ’o patrone mio cu stu fatto.

Pas. Mo te dich’io. Siccomme ’o patrone tuie sta un poco disperato, accussì me l’hanno proposto onde vedere si se vo sta sei o sette mise dint’a sta casa… pare c’accussi isse sparagna ’o pesone e io me trovo a casa accreditata. E quanno è doppo ’o faccio pure nu cumplimento. Ecco tutto l’affare. Che ne dice? faie c’accunzente?

Pul. Signore mio, che v’aggia dicere, truvannese disperato, e fosse cumme sta mo c’‘o patrone ’e casa ’o vo dà ’o sfratto, io credo c’accettarrà.

Pas. Brave, bravo! E non dubitare ca si l’affare se cumbina sta pure preparate uno bello regalo per te. Oh! dimme na cosa: a che ora se ritira?

Pul. Venite cchiù tardo e ’o truvarrate certamente.

Pas. Seh, dici bene, adesso vado a fare un affaruccio e torno a n’ata mez’ora. Tu intanto nun lle dí niente ch’io sò stato ccà, capisce? serve per non far vedere che c’è tanta premura.

Pul. Va bene, aggio capito.

Pas. Io torno a n’ata mez’ora. Arrivederci. (via)

Pul. Arrivederci. Chesta mo sarria na bona occasione [p. 5 càgna] pe cchillo povere D. Felice. Sta sei o sette mise franco a pesone, hè ditte niente? Ma chille nun accetta, se mettarrà paura… mentre pó che d’è sta paura? Stammo ancora cu e’ spirete è ’e diavole; io mo na bestia sarraggio, ma po nun me metto paura manco si ’o veco cu e ccorne.

Scena IIIDonatino e detti

Don. Quando la porta, é aperta l’ingresso è libero… é vero, mio caro?

Pul. (E chist’ate chi sarrà? Si é lecito a chi jate turvanne?

Don. Io cerco del padrone di questa casa.

Pul. (Aggio capite, chist’è quaccuno c’avanza denare) O’ patrone non ce sta, é asciuto; turnate cchiú tarde.

Don. E a che ora rincasa? (lazzi) Ebbene, quanno se ritira, nun ’o facite movere; dicite ch’è venuto il signor Donatino Stocchetti che desidera di parlargli.

Pul. Voi forse siete il fratello di Baccalà?

Don. Embè, e pe ssapè, chi te dà tanta confidenza?
Dunque, he capite?quando si ritira il signor Sciosciammocca tuo padrone, dincello cho il signor Stocchetti deve parlargli d’un affare di premura.

Pul. Va bene, aggio capito.

Don. Perciò io torno a n’ata mez’ora, perché veggo ch’è inutile parlare con te.

Pul. E io ve ringrazie tanto tanto.

Don. E già tu non lo sai che i proverbii sono la sapienza dei popoli; e già tu non lo sai che rustica progenie semper villanu fuit.

Pul. Embé, io ’ò faccio pazzo a chillo. Va lasseme chiudere ’a porta, pare accussì nunt’’e vide ncuolle cumm’a morta ’e subbeta. (chiude) Eh! ma mo accummencio a sta c’’o penziere. Sò quase l’unnice e D. Felice nun se vede. E che sarrà? (suono di campanello)

Scena IIID. Felice e detto

Fel. (d. d. ) So io, arape.

Pul. Ah! meno male, è isso. (apre) l’avite fatte matina?

Fel. Tò pregato più d’una volta nun ten’inearicà d’’e fatte mio e sempe ce capite. Po te chiamma bestia e te dispiace. Nei fatti dei padroni non ci debbono entrare i [p. 6 càgna] servitori, e specialmente quando i padroni non li danno troppa confidenza. Io ti voglio bene perché sei un bravo giovine, ma ti prego, però, di non prenderti confidenza con me come fanno gli altri servitori con gli altri padroni. Hai capito, pettegolella?..

Pul. Mamma mia, e io che ce aspette cchiù? Nientemeno simme arrivate a chesto!,. (piange) No, no, nun ghiamme cchiù buone. A me? a me. ca mo ce vo v’aggio adurate ’e pensiere, che v’aggio stimato cumme a frate ve site azzardato ’e dì… ah! e io che ce campo a ffà cchiù?.. nientemene vuie ca me canuscite ’a tanto tiempo me chiammate… me chiammate…

Fel. Neh, io che t’agrio chiammato?

Pul. Comme: m’avite chiammato pettolella.

Fel. Puozze murì nfiglianzia! nun sapevo che l’ere succieso,.. e pò nun vuò ca te chiamme bestia? Va, vattenne, nun te mpiccià quanne nun capisce chello ca se dice… va, lasseme sulo.

Pul. Gnorsi, mene vaco: ma me iurate ca chella llà nun é na mala parola?

Fel. No, no, te l’assicuro.

Pul. Ah! mo va buono! Eh! vuie nun sapite quanta collera m’avite fatte piglià. (via)

Fel. Ne putive fa almeno. Oh! eccomi finalmente solo, riordiniamo le idee. Prima di tutto, io so nu truffaiuolo, vagabondo e imbroglione, tre titoli uno superiore a l’ato, ma pure è accussi. Diebete in sine fine, creditori che vanno e venene; ’o patrone ’e casa c’avanza sei mesate, e oggech’è ’a fine d’o mese m’ha ditte: o pagate, o fuori d’’a casa mia. Stanotte sulla parola ho perduto 400 lire, e se per mezzo giorno non pago, faccio na bona figura, sicchè? Neh, io a chi aspetto? io non ho neanche un soldo. Dunque la risoluzione presa 3 o quattro giorni fa oggi capita a proposito… benché io abbia torto di suicidarmi; n’ato a chest’ora nei miei panni sarebbe contento… ma come? spusanno ’a figlia ’e nu signore ch’io nun cunosco, la quale tiene 45 anne, nu poco bruttulella è, ma colla dote di 10 mila ducati io dovrei vendermi anima e corpo… ma no, sono stato sono e sarò sempre superiore a tutto ciò. duuque, la morte; sì la morte… (tremando) No, ’o principio è buono, io mo moro d’’a paura.. Ma.. coraggio! bisogna morire!.. ma no, mo me spose a chella… ma no! non [p. 7 càgna] è cosa va trova c’ha da essere!.. basta di ca ’ò patre ca non me cunosce, comme io nun conosco a isso, me n’ha fatto parlà da n’amico mio… siccchè figurammoce che bruttezza avarrà da essere… no, no, nun é cosa; bisogna morire e per forza… dint’a chella stanza ci è di che per far morire mezzo genere, umano Dunque, coraggio!.. (Entra).

Scena VPulcinella p. d. p. f. indi D. Ciccillo con boccetta

Pul. (d. d.) Signò, pozzo purtà ’o ccafe?..

Cic. (fuori) Ecco cca la mia salvezza, la mia consolazione.. neh, ma pecchè nun dico ’a morta mia?..

Pul. (fuori) Che dicite ’o porto ’o ccafè e ’a rum?

Fel. Ma sento che so’ na bestia:.. me metto paura… piuttosto m’’o vularria vevere senz’addonarmene…

Pul. E che d’é chiste non me da audienza? Neh, signo?.

Fel. (sorpreso) Gué… chi é llà?..

Pul. Songh’io, signò, che d’è ve site miso paura?

Cic. Paura no! seh! paura… stevo distratto. Pulicenè, ’a vide sta buttigliella?

Pul. Signò chest’é ’a siconda vota ca m’’a facite avvedè.

Cic. Embè, tutto chesto ca sta ccà dinte me l’aggia vevere.

Pul. E che ce aspettate? vevitevello.

Fel. (Vih cumme o fa facile chiste). Ma sa che d’è? m’ ’o vularrie vevere che saccio, io mo… senza ca me n’adddunasse… capisce?.. Ma tu si na bestia, e pirciò.. và portame ’o ccafè e ’a rum.

Pul. Mo vaco e ve servo. (via)

Fel. La mia ultima ora è suonata. Nun perdimmo tiempe, andiamo a scrivere na lettera e poi… tutto é finito per me!.. (via lasciando la boccetta sul tavolo)

Scena VIIPulcinella con caffè e bottiglia con rum;

indi D. Ciccillo con lettera.

Pul. Eccove servute… E addò stà?.. Uh, e chisto è asciute pazzo! Povere giovene! va trova che brutta malatie che tene!.. sinò nun stesse accussì stunate!.. (vedendo la bottiglia) Guardate llà s’à scurdate ’a medicina ca l’ha da fa fernì ’e penà!.. Uh! che bella penzata! isse poco fa’ ha ditto ca s’’a vuleva piglià [p. 8 càgna] senz’addunarsene, mo sa che faccio? ’a revaco dint’’a butteglia da rum, pare c’accussi so piglie a ppoca ’a vota a nun se n’addona. Sì, accussi va buono.. (esegue) Mo nun me pò cchiamma cchiù bestia!..

Fel. Guè, Pulicenè, stai ccà? Tiè, cheste so’ doi lettere curre a metterle alla posta e tuorne subeto.

Pul. Gnorsì, mo vaco e ve servo. (ridendo) Mo nun so bestia mo… (via, poi torna)

Cic. E fatte n’ata risata ossà. E sulamente chest’ata bestia ce mancava pe fernì ’e me turmentà.

Pul. Signò, mentre scennevo aggio trovato nu signore ca cercava ’a vuie, aggio spiato cumme si chiammave, e m’ha rispuoste dincelle ca so’ chella persona ca chillo amico suoie lle parlaie.

Fel. (Uh! o pate e chella figliola vecchia ca me vonno fà spusà). Iusto mo…

Pul. C’aggia fà?..

Fel. Fallo passà, mo m’’o spiccio subete subete, e tu va mpuoste ’e lettere. (Pul. via)

Scena VIII – D. Pasquale e detto

Pasq. E’ permesso, si può?

Cic. Avanti, senza cerimonie.

Pasq. Grazie, grazie infinite.

Cic. Accomodatevi, prego senza complimenti.

Pasq. Vi meraviglierete se senza conoscervi mi sono fatto ardito di farvi pregare dal vostro amico per l’affare..

Cic. Vi pare. Anzi, la vostra porposta mi fa piacere, mi onora… soltanto… (e io mo che l’aggia dicere a chisto?) soltanto vurria sapè tutto perfetttamente.

Pasq. Giusto: ed è percio che sono venuto di persona per notificarvi il tutto.

Cic. Perfettamente… vi lodo; sicchè voi siete proprio deciso a volermela dare?…

Pasq. Cioé… dare… vorrei cedervela per sei o sette mesi.

Cic. (Uh! quant’è bello stu poco!) Come avete detto? non ho capito bene.

Pasq. Ecco qua mi spiego. Io vorrei prima di tutto, che la vedeste, per non fare come hanno fatto tutti gli altri.

Cic. Pecché ll’ate c’hanno fatto?

Pasq. Eh! C’hanno fatto!.. Ebbene, lo volete sapere?

Cic. Sì. [p. 9 càgna]Pasq. Hanno fatte nu sacche ’e lazzarate e de scustumatezza.

Cic. Nientemene?

Pasq. E già. Pecchè apprimma l’anno vista, ce so state duie o tre giorni, banno fatto ’e fatte llore, e ppò hanno ditto che non era cosa.

Cic. Scusate si è poco. E mo site venuto a cadè iuste d’’a parta mia?

Pasq. Ma io perciò faccio tutte ’e patte nnanzè cu vuie. Anzi, io sapendo che voi siete un galantuomo, vi dico osservatela anche voi, se vi conviene, bene; sinò avimmo pazziate.

Cic. Oh patre scustumate e puorco!

Pas. E pirciò à tengo ancora neopp’’a vocca ’o stommeco pe ffà ’e ccose chiare; sinò ’a quanto tiempe…

Cic. E c’’o dicite a fa? Ma ditemi la verità giacché gli altri l’anno rifiutata, è segno che deve essere mal ridotta.

Pas. Mal ridotta! voi che dite? Io nun ’o faccio pecchè è robba mia, ma chell’è na bellezze. E uno che é conoscitore se recrea. Non tanto per il giorno ma per la notte.

Cic. Ah! neh? me fa piacere. Ma… ecco qua: la chiarezza è virtù, qualche difetto ci deve essere (Menammole a scanaglià) Tanto più che io ha saputo qualche cosa.

Pas. Eh! ma che difetto!.. (Aspé! chiste avarrà saputo ca d’’a parte d’o ciardine vene ’a puzza è chille ca conciano ’e pelle) Ecco qua, vi dirò… ma non è poi un gran difetto. Sulamente ’a parte ’e dietro puzza nu poco.

Cic. Bravo! Vedite, ce fosse pure qualche altra cosa: io so… io so…

Pas. Nient’altro… parola d’onore. Oh! aspettate… sì adesso mi ricordo… (Credo che l’avarranne ditte pure ca è asteche e cielo) Capisco, v’avarranno pure ditto ca appena fa no poco d’acqua se nfonne tutta quanta.

Cic. Iate ja… nun è affare pe me… ve ringrazio, ma nun è affare pe me.

Pas. Ma io v’a dongo franca.

Cic. V’aggio ditto ca nun ’a voglio

Pas. Voi che dite… mo me facite venì na cosa. E io a chi ’a dongo? [p. 10 càgna]Cic. E m’’a vulite dà justo a mme?

Pas. Ma se anche si tratta di fa un sacrìfizio, é per sei o sette mesi… quante me l’accorzo.

Cic. Sicuro, chesto vulevo fa! Iatevenne; dirigetevi ad altri che per me non è cosa.

Pas. Ma ecco qua… sentite.

Scena X. – Donatino e detti

Don. d. d. Posso entrare?

Cic. Chi é? avanti.

Don. (fuori) Io vengo avanti senza essere conosciuto, ma mi darò subito a conosere. Io sono Donatino Stocchetti.

Pas. Donatino, il fratello di Alberto dell’amico nostro, (a Cic.) pel quale vi feci pregare per l’affare della casa di cui abbiamo parlato.

Cic. Aspettate… e pirciò.. (mall’arma d’’o sbaglio: io parlavo d’a, figlia e chille me parlava d’’a casa) Sicchè voi non siete D. Sergio Funicella padre d’una figlia che mi volevate far sposare, di cui mi parlò l’amico Vincenzo Rispoli?

Pas. Nossignore. Ma come! Alberto non v’ha ditto?

Cic. Io ad Alberto non lo veggo da otto giorni…

Don. Ed Ecco appunto perchè ora vedete me, essendo mio fratello andato a Firenze per affari e tornerä fra un mese. Perciò ha girato a me questa vostra cambiale che scade fra un’ora, e cho voi pagherete ne son certo.

Cic. (Na piccola c’’o limone!)

Scena X.Anselmo e detti.

Ans. Signori buongiorno.

Cic. Mo simme tutti dei nostri!

Ans. Caro D. Felice, finalmente v’aggio trovato.

Cic. (Eh! ccà ce vo faccia tosta. e poi finirla e per sempre,) Signori miei, ma io sono troppo fortunato di avere in casa mia questi onori.

Don. Sapete, l’ora scorre, ed io..

Cic. Non dubitate che vi soddisferò.

Ans. Neh, ca io non tengo tiempe ’a perdere.

Cic. Ma che tiempo, adesso vi aggiusterò io…

Pas. Oh! e mo c’avite sapute l’affare d’’a casa, me dite di si?… [p. 11 càgna]Cic. (E chist’ate ce mancava pe ferni ’è seccarme). Va bene accomoderemo anche il vostro afare. Ma veramente ch’io son proprio felicissimo d’avervi tutti con me con questa mattina, anzi, vorrei offrirvi qualche cosa.. ma… (chiamando) Pulicené, Pulicené… nun c’è ’o cammeriere. Nu poco ’e café tengo, ma è friddo ed è poco.. perchè serviva solo per me… ah! ma ecco una buona presolina di rum.

Ans. } Grazie, grazie.
Don.
Pas.

Cic. Ve ne prego.. lo sorbird assieme a voi, (esegue) (Mamma mia, chisto che guaio è)

Pas. (M’’o chiamme rum chest’è nu poco ’e puliture.)

Don. (Tiene no senso acenssì disgustose)

Ans. (Acciso tu che me l’he date)

Don. Mi dispiace; signor Sarachella, ma io non posso aspettare di più; ho già aspettato troppo.

Ans. Ei pure. Vedimme che s’ha da fa ccà sinò…

Cic. Ed è giusto.

Don. (guardando l’orologio) Mezzogiorno.

Cic. (Mo vide ’e veni chille ’e stanotte e vỏ ’e 400 lire chiste ’a cca nun se ne vanno.. quindi è deciso… la morte!.. Addò aggio miso chillo affare?.. (fruga le saccoccie e non trova niente, poi guarda la bottigliella vuota spaventato dice:) Uh! mamma mia! e cumme è possibile?. (chiamando) Pulicenella, Pulicenella… Uh! bene mio, io sò arruinato…

Pas. Ma ch’e succiese?.

Don. Si può sapere ch’è stato?

Ans. Almeno fatemi sapere di che si tratta.

Cic. Si tratta nientemeno di… Pulicenella se l’avesse vippete isso?.. Pulicenella… ah! ca io esco pazzo…

Pas. Ma spiegatevi almeno…

Cic. Ebbene sappiatelo na vota e bona. lo trovandomi disperato, volevo avvelenarmi con dell’arsenico liquido ca tenevo dinto a sta buttigliella.. stammattina vulevo trangugiarlo,me so distratto ’e penziere e nun me l’aggio pigliate cchiù. Mo trovo sta buttigliella vacante.. ho paura che quello stupido d’’o servitore… Pulicenella?.. [p. 12 càgna]

SCENA XI.Pulcinella e detti.

Pul. Ch’è succieso?.

Cic. Grandissima bestia, addò stive?.. Famme capì avisse viste tu chello ca steve ccà dinto?

Pul. Ah! Vuie pecchesto alluccate? pecchesto me chiammate bestia; ma sta vota, però nun saccio chi è ’a bestia!.

Cic. Pecchè?..

Pul. Pecchè vuie stammatina m’avite fatte accapì ca ve vuliveve vevere chella robba senza ca ve ne fusseve addunato. Embè, io pe servirve è pe farvele vevere a poco ’a vota l’aggio puosto dinto ’a buttigliella d’’a rum.
(Tutti meno Pulcinella) Che!!!

Cic. Hè fatte stu guaio!

Pul. Guaio! e pecchè?..

Cic. Chello era veleno!

Pul. No cchiù ’e stu ppoco!

Pas. E io mo, poverommo, cu mugliera e cinche figlie, ’o cane ’e a gatta, aggia fa na morta accussì barbara?

Don. E a me chi l’avrebbe detto di dover morire nel fiore degli anni.

Ans. E io povero sfurtunato murì senze sapè ’o pecchè.

Cic. Avimme fatto sto campusanto.

Pas. Ah! che dolori!..

Don. Che spasimi atroci!..

Ans. Chiammateme a quaccheduno.

Pul. Embè, giacché aggio fatto io ’o guaio voglio murì pur’io… (beve) ah!..

Cic Mo pare ca nun ce sta nisciuuo cchiù.

Pas. Dateme na butteglia d’uoglio.

Don. Chiammate qualche a anima benefica.

Ans. Chiammateme a nu cunfessore.

Cic. Fate venì a no carrettone.

Pul. Mamma mia, e cumme fricceca!..

SCENA ULTIMA – Adelaide e detti

Ad. Che d’è sto fracasso?..

Cic. Indietro, signorina, non vi approssimate in un camposanto.

Pas. Uscite; noi siamo cinque cadaveri.

Don. Morti e putrefatti.

Cic. Uh anema d’’a puzza!.. [p. 13 càgna]Ad. Camposanto, cadaveri! Ma pecchè?..

Cic. Perchè siamo avvelenati! anzi, pe dir meglio, siamo stati avvelenati.

Ad. E da chi?..

Pul. Da me involontariamente. Pecchè dint’a chella buttigliella ca me credeva ca ce steva medicina, cumme stammatina v’aggio ditto, pe farcele piglià a D. Felice a poco ’a vota, l’aggio revacato dinto ’a rum, e invece chello era veleno…

Cic. Ed io, innocentemente, non avendo che cosa offrire a questi signori...

Pas. Ci ha ofterto una presa di veleno.. Ah, ah, che dolori!.

Don. Oh Dio, morir si giovine… Mamma mia che spasimi!

Ans. Mugliera mia, addio!. Ah! che bruciore.

Pul. Cumme fricceca ncuorpo!.. Ah..

Ad. E tu che c’intre?

Pul. Na vota c’aggio fatto ’o male io stesso, me songo avvelenate pur’io c’’a rum… Ah. ah! che friccechiamiente!..

Cic. Che dolori. che spasimi!..

Ad. Ma qua dolori, qua spasimi me jate cuntanne!.. vuie state meglio è me?

Tutti: Comme?

Ad. Pecchè io, accortomi che in quella bottiglia c’era del veleno, lo gettai via sostituendovi acqua di Felsina che allora avevo comprato…

Cic. Possibile!?

Ad. Possibilissimo!

Pas. Io voleva di ca non me sentevo niente.

Don. Ed io neanche.

Ans. Ed io nemmeno.

Cic. Ma io però me l’aggio pigliata ’a paura, (a Pul.) pò dici ca non si na bestia.. (ad. Ad. Ma, intanto, noi vi siamo debitori della vita, ed io specialmente, non saprei che fare per ringraziarvi..

Ad. No, non voglio che mi ringraziate; ma invece voglio ca mettite capa a ffa bene; ed io, in premio, vi daro la mia mano di sposa con 50 mila lire di dote, che ne dite? acconsentite?..

Cic. Vi pare, si capisce, accetto e resta fatto.

Don. } E noi?..
Ans.

Cic. Sarete soddisfatti non dubitate. [p. 14 càgna]Pas. Neh, se non vi dispiace, vedite ’e v’affittà chella casa, v’’a dò franca per nove mesi.

Cic. E perchè no?.. la vedrò e forse vi pagherò pure la pigione, se mi piace.

Pul. Mo che dicite? so pure na bestia?.

Cic. Uh! chillo ’o miette pure in dubbio! bestia tre volte! Ma però s’ha đa dicere, in onore del vero, ca pe mezzo suio me trova asciuto ’a dint’’e guaie: pe mezzo suio me trovo marito a sta bella guag liona ca me farrà felice. ea tene 50 mila lire, e quindi continuerai a restare al mio servizio…

Pul. Oh! e giacchè mo me trove pur’io miez’e ricchezze, voglio caccià superbia cu tutte quante. Ma. chiano, nun pigliammo equivoce però…

Pe tutte songo nobile,
pe tutte so’ signore;
pe vuie so’ sempe misero,
devoto servitore.

FINE