Paggena:Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella – P Petito (1917).pdf/3

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
3
 


Pulicené, Don Felice è asciuto già?

Pul. Asciuto! Chillo d’aiere matina ancora s’ha da ritirà.

Ad. Possibile! Eh! capa pazza! Ma ’e chesta manera finirà coll’ammalarsi.

Pul. E io sì v’aggia dicere a’ verità, ve dico ca sta già malato ’a tre o quatte iuorne, pecchè na matina se ritiraie cu na buttigliella mmano, e tutto s”a guardava tutto s’’a cuntemplava; pò vedenne ch’io ’o guardavo dicette; no, non metterte paura pecchè chesto me farrà fernì e soffrì. Io na bestia songo, ma però capette che chella lla era na medicina ca s’aveva piglià, accussì ferneva ‘e suffrì.

Ad. (Ate che medicina! io credo c’aveva essere quacche veleno. E che ne facette ‘e chella bottigliella?

Pul. Sta ancora tale è quale dinto a chillo cascettino dînto studio suie. Uh! mamma mia! aggio rummaso cafè ncopoo ffuoco! da ccà sente cu se sta revacanno. Signuri, permettete nu mumento. (via)

Ad. Fa liberamente Che bella penzata! sì io putesse?.. e pecchè no?.. nisciuno me vede.. tentammo (entra nello studio ed esce subito) Ah! non m’era ingannato! nu veleno! arsenico liquido: Avvelenarsì alla sua età. È che cosa poteva spingerlo a ciò? (rimane a penzare)

Scena IIPulecinella e detta, poi Pasquale

Pul. Signuri, scusate sì v’aggio lassate sola; ma chisto D. Felice a qualunqu’ora se retira sì non trova o cafè e à butteglia c’’a rum fa revutà ’a casa.

Ad. Cumme sì buono! Anze lasseme i ncoppe pure a mme pecchè zieme sta co penziere. Pulicenè, statte buone e salutame a D. Felice. (via)

Pul. E pure io credo ca sta signorina ha da vulè bene a D. Felice: sempe spia, sempe se nforma… io sarraggio na bestia cumme dice ‘o patrone, ma cierti ccose..

Pas. (d. d.) Neh, c’è? sì c’è, io m’avanzo è m’introduco; se non c’é, io faccio dietro front è marcie…

Pul. Uh! quant’è bello! E ‘a dò é asciuto chisto?

Pas. Che dici? che balbetti? Rispondi.

Pul. (ride) Uh! ma chist’è bell’assaie | Io nun capisco.

Pas. No, no, chesto no: questo ridermi in faccia non va, non sta, Io sono un uomo d’età: ho moglie, cinque figli, una serva, il servo, ’o cane, ’a gatta, quindi aspetto