Paggena:Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella – P Petito (1917).pdf/12

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
12
 


SCENA XI.Pulcinella e detti.

Pul. Ch’è succieso?.

Cic. Grandissima bestia, addò stive?.. Famme capì avisse viste tu chello ca steve ccà dinto?

Pul. Ah! Vuie pecchesto alluccate? pecchesto me chiammate bestia; ma sta vota, però nun saccio chi è ’a bestia!.

Cic. Pecchè?..

Pul. Pecchè vuie stammatina m’avite fatte accapì ca ve vuliveve vevere chella robba senza ca ve ne fusseve addunato. Embè, io pe servirve è pe farvele vevere a poco ’a vota l’aggio puosto dinto ’a buttigliella d’’a rum.
(Tutti meno pulcinella) Che!!!

Cic. Hè fatte stu guaio!

Pul. Guaio! e pecchè?..

Cic. Chello era veleno!

Pul. No cchiù ’e stu ppoco!

Pas. E io mo, poverommo, cu mugliera e cinche figlie, ’o cane ’e a gatta, aggia fa na morta accussì barbara?

Don. E a me chi l’avrebbe detto di dover morire nel fiore degli anni.

Ans. E io povero sfurtunato murì senze sapè ’o pecchè.

Cic. Avimme fatto sto campusanto.

Pas. Ah! che dolori!..

Don. Che spasimi atroci!..

Ans. Chiammateme a quaccheduno.

Pul. Embè, giacché aggio fatto io ’o guaio voglio murì pur’io… (beve) ah!..

Cic Mo pare ca nun ce sta nisciuuo cchiù.

Pas. Dateme na butteglia d’uoglio.

Don. Chiammate qualche a anima benefica.

Ans. Chiammateme a nu cunfessore.

Cic. Fate venì a no carrettone.

Pul. Mamma mia, e cumme fricceca!..

SCENA ULTIMA – Adelaide e detti

Ad. Che d’è sto fracasso?..

Cic. Indietro, signorina, non vi approssimate in un camposanto.

Pas. Uscite; noi siamo cinque cadaveri.

Don. Morti e putrefatti.

Cic. Uh anema d’’a puzza!..