Paggena:Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella – P Petito (1917).pdf/13

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
13
 

Ad. Camposanto, cadaveri! Ma pecchè?..

Cic. Perchè siamo avvelenati! anzi, pe dir meglio, siamo stati avvelenati.

Ad. E da chi?..

Pul. Da me involontariamente. Pecchè dint’a chella buttigliella ca me credeva ca ce steva medicina, cumme stammatina v’aggio ditto, pe farcele piglià a D. Felice a poco ’a vota, l’aggio revacato dinto ’a rum, e invece chello era veleno…

Cic. Ed io, innocentemente, non avendo che cosa offrire a questi signori...

Pas. Ci ha ofterto una presa di veleno.. Ah, ah, che dolori!.

Don. Oh Dio, morir si giovine… Mamma mia che spasimi!

Ans. Mugliera mia, addio!. Ah! che bruciore.

Pul. Cumme fricceca ncuorpo!.. Ah..

Ad. E tu che c’intre?

Pul. Na vota c’aggio fatto ’o male io stesso, me songo avvelenate pur’io c’’a rum… Ah. ah! che friccechiamiente!..

Cic. Che dolori. che spasimi!..

Ad. Ma qua dolori, qua spasimi me jate cuntanne!.. vuie state meglio è me?

Tutti: Comme?

Ad. Pecchè io, accortomi che in quella bottiglia c’era del veleno, lo gettai via sostituendovi acqua di Felsina che allora avevo comprato…

Cic. Possibile!?

Ad. Possibilissimo!

Pas. Io voleva di ca non me sentevo niente.

Don. Ed io neanche.

Ans. Ed io nemmeno.

Cic. Ma io però me l’aggio pigliata ’a paura, (a Pul.) pò dici ca non si na bestia.. (ad. Ad. Ma, intanto, noi vi siamo debitori della vita, ed io specialmente, non saprei che fare per ringraziarvi..

Ad. No, non voglio che mi ringraziate; ma invece voglio ca mettite capa a ffa bene; ed io, in premio, vi daro la mia mano di sposa con 50 mila lire di dote, che ne dite? acconsentite?..

Cic. Vi pare, si capisce, accetto e resta fatto.

Don. } E noi?..
Ans.

Cic. Sarete soddisfatti non dubitate.