Paggena:Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella – P Petito (1917).pdf/5

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
5
 


pe cchillo povere D. Felice. Sta sei o sette mise franco a pesone, hè ditte niente? Ma chille nun accetta, se mettarrà paura… mentre pó che d’è sta paura? Stammo ancora cu e’ spirete è ’e diavole; io mo na bestia sarraggio, ma po nun me metto paura manco si ’o veco cu e ccorne.

Scena IIIDonatino e detti

Don. Quando la porta, é aperta l’ingresso è libero… é vero, mio caro?

Pul. (E chist’ate chi sarrà? Si é lecito a chi jate turvanne?

Don. Io cerco del padrone di questa casa.

Pul. (Aggio capite, chist’è quaccuno c’avanza denare) O’ patrone non ce sta, é asciuto; turnate cchiú tarde.

Don. E a che ora rincasa? (lazzi) Ebbene, quanno se ritira, nun ’o facite movere; dicite ch’è venuto il signor Donatino Stocchetti che desidera di parlargli.

Pul. Voi forse siete il fratello di Baccalà?

Don. Embè, e pe ssapè, chi te dà tanta confidenza?
Dunque, he capite?quando si ritira il signor Sciosciammocca tuo padrone, dincello cho il signor Stocchetti deve parlargli d’un affare di premura.

Pul. Va bene, aggio capito.

Don. Perciò io torno a n’ata mez’ora, perché veggo ch’è inutile parlare con te.

Pul. E io ve ringrazie tanto tanto.

Don. E già tu non lo sai che i proverbii sono la sapienza dei popoli; e giá tu non lo sai che rustica progenie semper villanu fuit.

Pul. Embé, io ’ò faccio pazzo a chillo. Va lasseme chiudere ’a porta, pare accussì nunt’’e vide ncuolle cumm’a morta ’e subbeta. (chiude) Eh! ma mo accummencio a sta c’’o penziere. Sò quase l’unnice e D. Felice nun se vede. E che sarrà? (suono di campanello)

Scena IIID. Felice e detto

Fel. (d. d. ) So io, arape.

Pul. Ah! meno male, è isso. (apre) l’avite fatte matina?

Fel. Tò pregato più d’una volta nun ten’inearicà d’’e fatte mio e sempe ce capite. Po te chiamma bestia e te dispiace. Nei fatti dei padroni non ci debbono entrare i