Paggena:Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella – P Petito (1917).pdf/4

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
4
 


rispetto più degli altri. Ho reso l’idea? mi spiego? hai capito?

Pul. Sarrà; ma io quanto cchiù ve guardo, cchiù me vene ’a vuluntà ’e ridere; per esempio mo…

Pas. T’è venuta ’a volontà? (lazzi) Basta, venimmo a nuie. Qui abita D. Felice Sciosciammocca, ma adesso non è in casa?

Pul. Iusto accussi. Ma vuie chi site e che vulite do patrone mio?

Pas. Ecco qua io debbo proporgli un ottimo affare. Haie da sapere ch’io tengo parecchie case di mia proprietà, e fra le altre una che da poco m’aggio comprato alla parte d’o primmo ponte da Matalena, ca me costa na muneta; tanto più che l’ò messa a carta ’e Francia acqua ’e serino; ma ’o fatto sta ca nun trovo ad affittarla.

Pul. E pecchè pò?

Pas. Pecchè tutte le femminuccie di quel rione me l’hanno talmente discreditata ca nun se crede… dicene c’a notte vedeno l’ombre, sentone cierti rummore… insomma, figlio mio, aggio ’o passato guaio.

Pul. E se capisce. Già, io mo so na bestia, ma pure nun me faccie capace cumme ce trase ’o patrone mio cu stu fatto.

Pas. Mo te dich’io. Siccomme ’o patrone tuie sta un poco disperato, accussì me l’hanno proposto onde vedere si se vo sta sei o sette mise dint’a sta casa… pare c’accussi isse sparagna ’o pesone e io me trovo a casa accreditata. E quanno è doppo ’o faccio pure nu cumplimento. Ecco tutto l’affare. Che ne dice? faie c’accunzente?

Pul. Signore mio, che v’aggia dicere, truvannese disperato, e fosse cumme sta mo c’‘o patrone ’e casa ’o vo dà ’o sfratto, io credo c’accettarrà.

Pas. Brave, bravo! E non dubitare ca si l’affare se cumbina sta pure preparate uno bello regalo per te. Oh! dimme na cosa: a che ora se ritira?

Pul. Venite cchiù tardo e ’o truvarrate certamente.

Pas. Seh, dici bene, adesso vado a fare un affaruccio e torno a n’ata mez’ora. Tu intanto nun lle dí niente ch’io sò stato ccà, capisce? serve per non far vedere che c’è tanta premura.

Pul. Va bene, aggio capito.

Pas. Io torno a n’ata mez’ora. Arrivederci. (via)

Pul. Arrivederci. Chesta mo sarria na bona occasione