Paggena:Tutti avvelenati o vi che m'ha fatto Pulicenella – P Petito (1917).pdf/7

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
7
 


è cosa va trova c’ha da essere!.. basta di ca ’ò patre ca non me cunosce, comme io nun conosco a isso, me n’ha fatto parlà da n’amico mio… siccchè figurammoce che bruttezza avarrà da essere… no, no, nun é cosa; bisogna morire e per forza… dint’a chella stanza ci è di che per far morire mezzo genere, umano Dunque, coraggio!.. (Entra).

Scena VPulcinella p. d. p. f. indi D. Ciccillo con boccetta

Pul. (d. d.) Signò, pozzo purtà ’o ccafe?..

Cic. (fuori) Ecco cca la mia salvezza, la mia consolazione.. neh, ma pecchè nun dico ’a morta mia?..

Pul. (fuori) Che dicite ’o porto ’o ccafè e ’a rum?

Fel. Ma sento che so’ na bestia:.. me metto paura… piuttosto m’’o vularria vevere senz’addonarmene…

Pul. E che d’é chiste non me da audienza? Neh, signo?.

Fel. (sorpreso) Gué… chi é llà?..

Pul. Songh’io, signò, che d’è ve site miso paura?

Cic. Paura no! seh! paura… stevo distratto. Pulicenè, ’a vide sta buttigliella?

Pul. Signò chest’é ’a siconda vota ca m’’a facite avvedè.

Cic. Embè, tutto chesto ca sta ccà dinte me l’aggia vevere.

Pul. E che ce aspettate? vevitevello.

Fel. (Vih cumme o fa facile chiste). Ma sa che d’è? m’ ’o vularrie vevere che saccio, io mo… senza ca me n’adddunasse… capisce?.. Ma tu si na bestia, e pirciò.. và portame ’o ccafè e ’a rum.

Pul. Mo vaco e ve servo. (via)

Fel. La mia ultima ora è suonata. Nun perdimmo tiempe, andiamo a scrivere na lettera e poi… tutto é finito per me!.. (via lasciando la boccetta sul tavolo)

Scena VIIPulcinella con caffè e bottiglia con rum;

indi D. Ciccillo con lettera.

Pul. Eccove servute… E addò stà?.. Uh, e chisto è asciute pazzo! Povere giovene! va trova che brutta malatie che tene!.. sinò nun stesse accussì stunate!.. (vedendo la bottiglia) Guardate llà s’à scurdate ’a medicina ca l’ha da fa fernì ’e penà!.. Uh! che bella penzata! isse poco fa’ ha ditto ca s’’a vuleva piglia senz’addu-