Nu guaglione 'e mala vita

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 

[p. 1 càgna]Nu guaglione

’e mala vita

Bozzetto napolitano in un atto

di F. G. STARACE


Rappresentato al Teatro Fenice la sera del 21 gennaio 1886, con grande successo, e quindi ripetuto su tutti i teatri di Napoli e fuori.




Libreria editrice teatrale Francesco D'Ambra

NAPOLI

LIBRERIA EDITRICE TEATRALE

FRANCESCO D’AMBRA

Portacarrese Montecalvario, 1

1891

[p. 2 càgna]

PROPRIETÀ LETTERARIA

L'editore e l'autore si riserbano tutti i dritti, a norma delle leggi vigenti







Napoli-Stab. Tip. Zomack & Figlio vico Carogiojello, 5. [p. 3 càgna]



Al. COMPIANTO ARTISTA

ACHILLE MASTRIANI

(MORTO IL 1.o SETTEMBRE 1891)

CHE PRIMO DIÈ VITA

AL PROTAGONISTA DI QUESTO BOZZETTO

L’AUTORE RICONOSCENTE.




[p. 4 càgna]

PERSONAGGI




Carmela
Ngnesella Bracket right 1.png suoi figli
Peppiniello
Totonno
D. Gennaro
D.a Nicoletta, sua moglie
Nannina



[p. 5 càgna]

ATTO UNICO

La scena rappresenta una stanza abitata da operai, arredata con poche suppellettili. Da un lato vi sarà un cassettone, sopra un quadro di S. Anna con lampada accesa; dall’altro lato una tavola con biancheria da cucire e lume a petrolio con benda, sedie rustiche ecc. A dritta dell’attore, porta, a sinistra, finestra. In fondo, porta a due battenti.

SCENA I.

Carmela e Ngnesella

Carmela. (seduta vicino al tavolo che fa le asole ad una camicia) Ngnesè, che ora avimmo fatto?

Ngnesella. (seduta anche vicino al tavolo che cuce) Nun ’o saccio, mò è sunato l’orologio ’e Sant’Eligio, ina io nun nce aggio puosto capo.

Carmela. Sarà tarde assaie! Mmiezo ’a strata nun se sente manche na mosca.

Ngnesella. No, nun pò essere tante tarde. Tu saie che dinte a sti viche ’a gente se va a cuccà priesto. Carmela. E tu a che staie?

[p. 6 càgna] Ngnesella. Aggio fà ’o trapunto attuorne a ’o cuollo e po fernesco. E tu haie fernuto?

Carmela. Aggio fa n’ati doie pertose.

Ngnesella. Si, ma mò che avimmo fernuto, manco nce potimmo j a cuccà.

Carmela. Tu te può j a cuccà pecchè a Peppeniello l’aspetto io..... mme stongo io sosuta fino a che vene isso.

Ngnesella. No, mammarella mia, si staie sosuta tu, nce stongo pur’io, nun te voglio lassà sola.

Carmela. Tu sì piccerella, fatiche tutta ’a iurnaia. haie abbesuogne d’arreposarte ’a notte.

Ngnesella. Quanno è pe chesto haie cchiù besuogne ’e reposarte tu che io.... pecchè tu pure fatiche.

Carmela. Ma io songo mamma..... e nun saie sta parola quante pesa! quanno sarraie mamma tu pure, allora vide che vò dicere. Già sperammo che ’o Signore nun te mannasse nu figlio comme a Peppeniello.

Ngnesella. Mammarella mia, aggio pacienza..... è guaglione ancora..... ha da fa ’a scappata soia.

Carmela. Ma menanno sta vita, appriesso che se mette a fà? e quanno sarrà viecchio, che se trova d’a vita soia?

Ngnesella. Cu nu poco ’e pacienza, forze ’o capacitamme a farlo mettere a faticà.

Carmela. Pe pacienza ne tengo tanta.. ma me metto appaura…

Ngnesella. De che?

Carmela. De chello che vene appriesso!…

Ngnesella. Mammarè, e che pò venì appriesso?

Carmela. Tu sì piccerella e nun saie ancora ’o munno, ma cu chella capa ’e Peppeniello. nu inorno ’e chisto avimmo nu brutto dispiacere!

Ngnesella. Mammarè!… arrassosia, nun ’o dicere manco pe pazzia ’e cane sia ditto! Chillo Peppeniello è nu buono giovine… tene chelli parte accussi… ma pò tene nu bello core.

Carmela. Nuie nce lusingammo cu sti parole… Ma chella è na spina, è na vera spina che m’ha rimasto ’a bonarma ’e Pascale.

Ngnesella. Ah! chilio povero papà, quanno steva dinte ’o lietto malato, pensava a isso.

Carmela. E sapeva chello che ne puteva succedere… cierti vote pe troppo bene, se fa male!.. e che male!… (dopo pausa va agitata alla finestra) E non se vede nisciuno ancora. E stanotte è n’auta nottata!


[p. 7 càgna]

SCENA II.

D. Gennaro, e dette

Gennaro. (di dentro bussa) Cummà, arapite… songh’io!

Ngnesella. Ah! ’o compare… ancora s’ha da cuccà!

Carmela. E che vurrà a chest’ora? (apre)

Gennaro. (fuori vestito per casa con uno sciallo sulle spalle e fuma una pipa lunga) Commà, vuie avite da scusà si songo venuto a chest’ora, aggio visto che stiveve sosuta ancora, aggio ditto mò me vaco a fumà na pippa dinta a da cummara mia.

Carmela. Vuie site sempe ’o patrone! E nce avite fatto proprio nu piacere ca site venuto.

Ngnesella.'E ’a commara che sta facenno?

Gennaro. Nicoletta s’è addormuta, a chest’ora starrà facenno ’o terzo suonno Io aveva che fa nu poco, me songo posto a scrivere cierti car te, mó aggio fernuto! Mò me fumo sta pippa. e me vaco a curcà pur’io.

Carmela. Eh! viate a buie che ’o putite fa, va trovanno nuie a che ora pigliammo lietto.

Gennaro. Ma pecchè, Peppeniello nun s’è ritirato ancora?

Carmela. E va trova a che ora se retira!

Ngnesella.'E ogne notte è sempe ’a stessa storia.

Gennaro. Nce manca ’a capa, commara mia. Sti giovinette ’e mmò songo fatte de n’auta manera. Mò appena appena tenene dudece anne, ’e vedite cu nu sicario mmocca mmiezo a strata, a chi vonno vattere, a chi vonno prommettere! E pò, tutte scostumate, cattivi soggetti, senza educazione… senza religione… non vi offendete, commà, io parlo in generale.

Carmela. No, parlate, parlate, pecchè io nun m’offenno, è tutto overe chello che state dicenno, songo parole sante!

Gennaro. A ’e tiempe mieie, erano auti fatti. Allora dicene che se tiravano ’e cazune cu e terocciole! Ma almeno nce steva na cosa: che i figli rispettavano i genitori… mò pure chesto è fernuto.

Carmela. Non me vò sentere, compare mio.. nun me vò sentere…

Gennaro. Io per esempio, sono stato educato da papà con una rigidezza straordinaria, isso me portava sempre appriesso ncoppa ’o tribunale, e nun me lassava maie; morto lui, io ho preso il suo posto, e la sua banca. Ed ecco che la banca degli avi miei, è passata di [p. 8 càgna] generazione in generazione fino a me, Gennaro Tagliavia, e mò cu mme fernesce, pecehé io nun tengo a chi a lassà, Nicoletta non me l’ha voluto combinà nu figlio!

Ngnesella. Neh compà, e ’a banca vosta ncè avite mise l’acqua d’’o Serino?

Gennaro. (ridendo) Uh! ’a cummarella m’ha pigliato pe acquaiuolo mò!

Carmela. Statte zitta scema! Cumpà, perdunatela, pecchè nun ’o sape, povera figlia.

Ngnesella. Ma che banca tene ’o compare? io nun aggio capito.

Carmela. Comme non saie che ’o compare è usciere ’ncoppo ’o tribunale!

Ngnesella. ’O saccio, ma pecchè ha ditto che teneva ’a banca?

Gennaro. E acussì se dice, Commarè:… la banca di usciere.

Carmela. E a proposito ’e l’acqua d’’o Serino, compare mio, dinto a sti viche nun nce l’hanno voluta fa scennere, avimmo da morì arraggiate comme a li cane, pavanne no pesone a ’o patrone ’e casa, e che pesone!

Gennaro. Ma ccà nun nce trase ’o patrone ’e casa, cca nce trase ’o Municipio, che non ha creduto di canalizzare sti viche, in aspettativa del prossimo sventramento.

Carmela. Compà… io sento dicere sempe stu fatto d’’o sventrico… comme avite ditto?

Gennaro. Sventramento.

Carmela. Che d’è stu sventramento? Che vene a dicere? Vuie mò ne vo, state ncopp’a gran Corte… e sapite tutte sciorte ’e cose.

Gennaro. Commara mia, lo sventramente significa… (Io mò comme ncė l’aggia fa capì a chesta?) Che ne levene la parte de miezo ’e Napole, cioè a dire, come sventrassero na gallina; comme ne levassero ’o mollicone da miezo a ’o paniello;… ’o fracete da dinto: avite capito?

Carmela. E a nuie che nce resta, ’a scorza?

Gennaro. Eh! nce resta a nuie? La scorza se la magnene ll’aute, pecchè levanno ’o fraceto, chello ’e tuorne è saporito, e ognuno ne vularria nu poco.

Carmela. E che d’è, levene ’e case, e nun ne fanno cchiù?

Gennaro. No, anze ne farranno assaie.. tutte case belle… spaziose, con aria, luce, piante, giardini, fontanelle…

Ngnesella. Uh! che bella cosa, me facite arapì tanto nu core.

[p. 9 càgna]

Gennaro. Si, ma nce sta nu ma…

Carmela. E che d’è stu ma!…

Gennaro. Li denare pe li pavà addò stanno, chi ve li dà?..

Carmela. Comme pavammo ’o pesone mò, ’o pavammo pure tanne.

Gennaaro. Ve crediveve vuie? Avita vede chelli case quante ne vonno!

Carmela. E nuie povera gente che nun putimme pavà addò ncè ne iammo ’e casa?

Gennaro. Mmiezo ’o campo; llà se respira aria bbona, e nun se paga pesone.

Carmela. Compà, nun pazziate, chisto è nu guaio gruosso assaie! Mò sti ddoie cammarelle, pavo 40 lire ’o mese, e me li leve da vocca pe li ddà a ’o patrone ’e cassa, e si chiste ncasano ’a mano cu ’e pesune, addò ’e vaco a piglià?

Gennaro. Va buono, commà, nun vi affliggite a mò, ca ’o fatto è alluongo… Fino a che discùtene e fanno i progette, e pò lli mmenene nterra, nce vò tiempo assaie, va trova si ’o vedimmo pure.

Carmela. E nuie simme figliule ancora, che diavolo!

Gennaro. Commara mia, cheste sono cose che le vedranno i figli nuoste.

Carmela. Ma chesta è na cosa che ’o Sinneco nce avarria da mettere nu riparo. Tutte a povera gente che va mmiezo a strada! Succede che ’e signure hanne ’e case bbone, e pagano cchiù poco, e nuie nun avimmo addò irce a riparà.

Ngnesella. E stu vico nuosto pure ’o meneno nterra?

Gennaro. Sicuramente, questo è uno dei predestinati alla sparizione, si dirà: qui fu il vico Paparelle al Pendino!


SCENA III.

Nicoletta e detti

Nicoletta. (bussa) Commà, arapite.. nce stesse mariteme lloco?

Carmela. Sissignore, commà, sta ccà (apre)

Nicoletta. (fuori con coverta di lana sulle spalle; cuffia in testa, porta nelle mani uno scaldino di creta) Neh mbesone, mbesò! Me lasse a me povera criatura dinta a ’o lietio, e te ne vaie! A rischio de farme venì na vermenara p’’a paura.


[p. 10 càgna]Gennaro. Io t’aggio lassata durmenno, poteva sapè che te scetave e me ivo truvanno?

Nicoletta. E po’ t’haie portato pure ’o sciallo mio, io poverella ’o ieva truvanno e non l’aggio trovato.

Gennaro. E perciò t’àie combinato sta coperta ncttollu… me pare na zingara.

Nicoletta. E io me moreva ’e friddo, non aggio trovato auto che sta coverta e me l’aggio posta ncuollo! M’aggio portato pure ’o maritozzo!

Gennaro. (guardando) E chisto è stutato, che ’o puorte a fa mmano?

Nicoletta. Sempe è bbuono. Si nun auto me serve pe compagnia.

Gennaro. Comme s’avesse portato nu piccirillo p’’a mano!

Nicoletta. E tu che facive ccà dinto, pecchè si venuto a seccà ’a commarella, invece de venirte a cuccà?

Gennaro. Aggio visto che la commara steva scetata, e sò venuto pe tenerle compagnia.

Nicoletta. Chella, ’a commarella so vò cuccà pure essa, jammoncenne, nun perdimmo tiempo.

Carmela. No, commara mia, si è pe mme, vuie putite restà fino a dimane mmatina. Chi sà chillo guaglione a che ora vene. Ah!! È na vita chesta che nun po j cchiù nnante. Se dura accussì n’auto poco, me venite a truvà a Pucereale!

Nicoletta. ’E cane sia ditto! Vuie tenite na figlia zita, nun l’avite dicere sti brutte parole?

Ngnesella. Mammarè, nun dicere sti’ cose, pecchè me faie mettere a chiagnere.

Carmela. Commara mia, ve ’o ghiuro. nun me ne fido cchiù!

Nicoletta. Ma avite appurato addò và? Che fà? Chi songo sti cumpagne che ’o portano ncopp’’a mala vita?

Carmela. E io che nne saccio, io nun ’o veco maie… quanno se ritira e quanne no, e po chello poco che sta a casa, iastemma sempe e fa fracasso cercanno denare!

Gennaro. Vuie è inutile che parlate de cumpagne, pecchè nascene accussì stuorte, e si non s’adderizzano da piccerille, nun ne cacciate niente cchiù.

Nicoletta. Ma nce avite fatto parla da quaccheduno?

Carmela. E che se ne caccia? ’A disgrazia è stata ca è muorto Pascale, ch’era debole pe stu figlio. Intanto isso s’è levato da miezo a ’e guaie, e io poverella ne pavo ’e peracotte!

Nicoletta. Gennarì, aggio fatta na penzata: pecchè non le [p. 11 càgna] faie nu bello trascurzo tu, tu saie parlà tanto bello, le dice tutte chelli parole che siente ncoppa a ’o tribunale.

Gennaro. Mò l’haie indovinala! Nce sì ghïuto dinta ’o chiuovo, proprio! Chillo tene chella capa, me sente iusto a me! Pecchè me vuò fa fa na risalta nfaccia da quel discolo.. libertino… Scusate, commà… m’è asciuto.

Carmela. No, dicite, dicite, che avite ragione… Ma si me permettete, io pure pansarria comme ’a commara, chi sà che chello che nun aggio potuto fa io, ’o tacite vuie. A la fine che nce perdite che le dicite quatte parole?

Gennaro. Ci perdo la mia dignità di uomo e di usciere!

Carmela. Ma vuje nce parlate a quatt’uocchie, accussì nisciuno ’o ssape si ve risponne malamente.

Ngnesella. Compà, dicite che si, ve ne prego pur’io.

Gennaro. Io faccio comme volite vuie, ma posso assicurarvi fin da ora che non ne cacciammo niente.

Nicoletta. Tanta vote va a langella dint’’o puzzo fino che ncè resta ’a maneca.

Gennaro. Cliella è na langella che difflcilmeute se rompe! L’avarrisse da rompere ’a capa, e metterce nu pare de cervello nove.


SCENA IV.

Totonno e detti

Totonno. (esce in fretta e guarda attorno) Vuie state tutte quante ccà? E s’è ritirato Peppeniello?

Carmela. No, pecche? Ch’è stato? Io te veco accussì spaventato! Parla, le fosse succiesse quacche cosa?

Ngnesella. Che è stato, neh Totò?

Totonno. Niente, niente, comme v’alluminate subbete… nun nc’è stato proprio niente.

Carmela. E pecchè haie addimmannato si se ritirato Peppeniello?

Totonno. P’’o ssapè?…

Carmela. No, nun me pare na cosa bbona st’addimmanna accussì!

Ngnesella. Totonno mio, dincello a mammà, mò ll’è puosto stu tormento ncapo?

Nicoletta. E va, e chiacchiariate, nun ’a facite stà ncopp’e spine, a sta puverella!

Gennaro. (Nce avarria piacere si l’avessero vattuto!) Totonno. Che saccio, me pare che ha fatto cierti chiacchiere cu na compagnia ’e guagliune d’’o mercato dinta ’a cantina. [p. 12 càgna]Carmela. Tu che me dice! E songo succiese mazzate, cortellate?…

Totonno. No, Peppeniello s’ha avuta tenè ’a posta…

Gennaro. Ah! aggio capito, s’à tenuto la lettera de qualcheduno!

Totonno. D. Gennà, statevo zitto!

Gennaro. E tu haie detto s’ha tenuto la posta?

Totonno. Accussì se dice. Dunque s’ha avuta tenè ’a posta pecchè nun teneva arma.. Ma me metto appaura che nun venesse ccà a pigliarse ’o rivolte, e perciò songo corruto nnanze.

Ngnesella. E tu comme te truvave llà mmiezo? Tu pure te si fatto giovene ’e cantina?

Totonno. Nò. Ngnesè, chesto nun me l’haie dicere a me! Tu saie che io te voglio bene, e sultanto pe guardà a frateto che io ’o vaco appriesso quanno tengo tiempe.

Carmela. Totonno, povero giovene ’o fa p’ammore nuosto.

Gennaro. E stato sempe nu giovane onesto e faticatore.

Nicoletta. La fatica se la magne a morze! (si sente un fischio di dentro)

Carmela. ’O vi lloco, è isso! (va alla finestra) ma nun stà sulo! Venene tanta gente! Che sarrà neh Toto?

Totonno. Sarranno ll’amice che l’hanno accumpagnato pe le guarda ’e spalle, ma nun ve mettite appaura.

Nicoletta. Gennarì, chisto è ’o momento, mò che vene, a frisco a frisco, le faie ’a chiacchiariata.

Gennaro. Vi che bello momento che ha sciveto chesta!

Carmela. Compà, vuie m’avita salvà, io me mengo dinta ’e braccia voste.

Gennaro. Commara mia, iammo nterra tutte e dduie.

Carmela. No. cumpà, nun pazziate. Vuie nce avite da chiacchiarià a tuosto, a tuosto, mustratele ’e diente… a la line vuie l’avite cresemato, comme fusseve nu siconno padre.

Gennaro. Se io mi metto in autorità, chillo è capace che me la combina pure ’e brutte, e io che figura nce fàccio? faccio la figura de nu burrattine!

Carmela. Vuie l’avite fa pe l’ammore mio, nun m’avita nega stò piacere, è na mamma che ve prega!

Gennaro. Faro tutto il possibile, vedimmo che nn’esce! Iatevenne dinto vuie, almeno appena arriva io l’abbordo.

Carmela. Si, sì, dicite buono, iammoncenne dinte nuie.

Nicoletta. Gennarì, te raccomanno, fance no bello trascurzo.

Carmela. Comma, iammoncenne, lasiamme fa a isso ’o [p. 13 càgna]riesto. Compà, penzate che sò mamma, quanno pò site padre pure vuie, vedite che vene a dicere. (via con Agnese e Nicoletta)

Gennaro. Eh: ne parlammo a vino nuovo !

Totonno. D. Gennàm ve raccomanno, non dicite niente a Peppeniello, che io ve l'aggio ditto! (via)

Gennaro. Seh’... E io a chisto che lle dico? Basta, chello che me vene mmocca lle dico, l’accocchie quatte parole pe li fà cuntente, capisco che nun se ne ricava niente.

SCENA V.

Peppeniello.e detto.

Peppeniello. (di rientro canta una canzone di carcerato)

Gennaro.Mamma mia, che galiota!! Peppeniello. (esce cantando) CCompà, felicissima santa notte. E comme va, a chest’ora state ccà? Nun ve site iuto a cuccà ancora?

Gennaro. Sì, sto ccà. (E che lle dico a chisto?) È stata na combinazione, siccome Nicoletta doveva essere indirizzata un lavoro che sta facendo, così ha pregata la commarella de farle stu piacere, perciò l’avimmo fatto cchiù tarde d’’o solete.

Peppeniello. E mamma addò sta, io nun ’a veco?

Gennaro. Te l’ho detto, sta dinto nzieme cu Nicoletta che se sta mmesuranno cierti cose.

Peppeniello. E v’ànno rimasto sulo sulo ccà fore?

Gennaro. Io me ne stongo fumanno sta pipparella, e sto facenno castelli in aria.

Peppeniello. Facite ’e castielle pe ll’aria? Viate a buie, tenite ’a capa sempre a frisco a frisco, e non penzate a niente, ntramente uno ’e nuie tene ’e guaie nfi a cimma d’’e capille!

Gennaro. Guaie!… Tu parie de guaie? Nu giovinetto comme a te, senza penziere, senza arte, senza parte! Tu che faie? Niente! L’arte de Michelasso, magna, vive e staie a spasso… (Mo comincio ad entrare in materia!)

Peppeniello. Io ve cumpatisco, pecchè non site vuie che parlate, è ’a vocca vosta che dice accussì.

Gennaro. Secondo te, io parlo a schiovere? arapo ’a vocca e chello che esce, esce ?

Peppeniello. Sicuramente! E comme, vuie ’nfaccia a Peppeniello, dicite sti parole?... Io nun faccio niente, faccio l’arte ’e Michelasso ?...

Gennaro. Non te piglià collera, pecchè io te voglio bene, [p. 14 càgna]e comme a compare ti posso dare dei consigli. Tu dovresti imparare qualche arte, sì gruosso, tiene 18 anne, e a 18 anne…

Peppeniello. Uh! e bbuie ve pigliate collera pe chesto?

Gennaro. Se capisce che me piglio collera, perchè vorrei…

Peppeniello. Che vularrisseve, sentimmo?

Gennaro. Vorrei che mettarrisse ’a capa a falicà… a fa bbene..

Peppeniello. E pecchè io pò m’avarria mparà st’arte? Io quanno magno, vevo, me faccio ’o vestito nuovo, e m’abbusco pure ’a cinche lire quanno attocca, a che serve st’arte?

Gennaro. E te pare na bella cosa chesta?

Peppeniello. Sicuramente ca è na cosa bbona! Comme, nu guaglione malandrino, nu guaglione che non se tene ’a posta a nisciuno, ’o ppigliate pe niente? Addimmannate nu poco chi è Peppeniello ’o sparatore, e vedite che ve dicene?

Gennaro. Hella cosa! E nun te inietto scuorno d’essere chiammato Peppeniello ’o sparatore? È il nome di un dissutile, di un libertino… di un vagabondo…

Peppeniello. Compà, cchesto nfaccia a me nun me l’avite dicere! vuie me site Sangiuvanne, e ve vaso e mmane; ma si fusseve n’auto, nun me l’avarria tenute sti parole, l’avarria sunato nu mazziatone nfaccia! (fa l’azione)

Gennaro. (Meno male che le sò Sangiuvanne, si nò abbuscavo!) Ma dimme na cosa bello mio, puoi andare avanti con questa vitaccia che fai? Tu nu iuorne ’e chisto può passà pure nu guaio?

Peppeniello. E che guaio pozzo passà? Io nun abbare a niente cchiù, chello che ne vene vene… io a vita mia non ha cure… Compà, abbasta che ve persuadite che s’ha da morì na vota, o se more primme, o se more doppe, sempe ’o stesso è… nce potimmo affriggere pe chesto?

Gennaro. Non lo dire questo, non sia mai! Pienze che tiene tua madre, tua sorella.

Peppeniello. Mammema?… sorema?… chelle chiagnene pe nu pocorillo, pò doppo nun nce penzarranno cchiù!

Gennaro. Ma figlio mio, tu mi fai trasecolare, tu tieni dei bruiti sentimenti…. nun rispiette manco a mani meta’*

Peppeniello. No, pe mamma manto ’a voglio bene.

Gennaro. Nce pare! Bell’affezione! La fai disperà continuamente, vuò sempre denaro da chella poverella, che non ’e tene, e non ave addo pigliarle.

[p. 15 càgna] Peppeniello. A me quanno me servono chelli scellerate lire, compà, aggio vedè addò ponne ascì, o essa, o sorema, o a nnammurata mia, me l’anno dà, si nò mazzate a muzzo, comme chiuvessero.

Gennaro. Zitto, basta non dire queste cose!

Peppeniello. Compà, abbasta che ’o sapite, io aggio acchiappato nzò che m’é venuto mmano, e me ’o songo juto a vennere, pure ’e lenzole d’o lietto, ’a lana da dinte ’e matarazze. Io nu iurno lassaie sorema annura, ma aggio fatto ’e sorde!

Gennaro. (Vedile che bello soggetto!) E non temi neanche la giustizia? Te pono mettere carcerato?

Peppeniello. Vedite che novità! Seh, una vota sò stato carcerato, io trase, esco, me fanno sta nu poco dinto e pò me caccene n’auta vota.

Gennaro. (Comme iesse a villeggiatura!) Potresti essere pure ammonito?

Peppeniello. ’A tengo, ’a tengo, ’a munizione.

Gennaro. Ah la tieni? Abbuonconto non te manca niente?

Peppeniello. Seh, mò me pigliava collera pe chesto, ’a tenene tanta guagliune comme a me, a tengo pure io

Gennaro. (Comme tenesse ’a licenza liceale!)

Peppeniello. Me dispiace solamente, che pe causa d’’a munizione non pozzo purtà spisso ’o rivolte ncuollo pe nun me fa pezzecà d”e guardie e perciò chilli carugnune stasera, hanno tenuta ’a parola soperchia!

Gennaro. Chi sò sti carugnune? che d’è stà parola superchia?

Peppeniello. Io non so no guaglione sbruffone ’e vocca, ma saccio stà nfaccio a ’o dichiaramento.

Gennaro. Si, va bene, ma tu stive dicenno che saccio ’e carugnene, la parola superchia?

Peppeniello. Sicuro, mò ve faccio stà confidenza, pe ve fa vedè, ’o rispiette che tengo pe buie, lo aggio fatto chiacchiere co cierti tale e quale guagliune d’’o mercato, pecchè…

Gennaro. Oh! questo lo sò.

Peppeniello. E comme ’o sapite? chi ve l’à ditto?

Gennaro. (Uh! mò che mbruoglio steva fàcemmo!) Me ne songo accorto d’’a faccia toia quanno sì venuto, stive no poco turbato.

Peppeniello. Ah! ve ne sito addunato d’a faccia va bene. Dunque avita sapè che nuie a sera, ncè vedimme co l’amice dint’’o locale ’e Matteo a pagliarella.

Gennaro. (Comme se vedessero al cafè d’Europa.)

Peppeniello. Stasera mentre steva la dinte cu cierti [p. 16 càgna]guagliune d’’o Pennino, teccote ch’è trasute na paranza ’e guagliune d’’o mercato, chiste nce hanno viste, e cumpà, ’o credite, nun m’hanno manco salutato.

Gennaro. Hanno fatto male, perché il saluto è degli Angeli.

Peppeniello. È ghiusto, ’o saluto è de l’Angelo. E io pe le fa avvedè che loro erene carugnune, e che io era guaglione ’e core, l’aggio ditto: Embè, guagliù ’a commertazione non l’avite vista, che site cecate?

Gennaro. M’immagino a queste parole?

Peppeniello. Nuie nun simme cecate, m’ha ditto nu carugnone ’e chille, nuie simme gente d’’o mercato, e o mercato, pe regola vosta, è ’o capo quartiere! Compà, state sentenno, ’o mercato è ’o capo quartiere?

Gennaro. Io saccio chesto?

Peppeniello. Io l’aggio risposte: ma vuie m’avite canusciuto buono? Io songo Peppeniello ’o sparatore, e quanno parlate cu mmico, v’avita levà ’o cappiello. Quanno hanno ntiso chesto, uno ’e chillo ha ditto accussì: embè, si tu si Peppeniello ’o sparatore, io sò Vincenzo ’o sfrigiante… perciò si m’avite da dicere quacche cosa, ccà stongo io.

Gennaro. D. Vincenzino ’o sfrigiante ha detto questo a te? (n’auto titolato!)

Peppeniello. Già m’ha ditto chesto a me! Pò s’è vutato: e io conoscerebbe pure ’a nnammorata vosta… pe chesto ve pozzo pure servì.

Gennaro. Ah! ci era una cert’astia, ci stavano gli antecedenti?

Peppeniello. Io che mm’aggio ntiso toccà ’a nammorata mia, non nce aggio visto cchiù, e aggio ditto: Embè, faie ’o guappo pecché io stongo senza l’armamento, lasse che io vaco a piglià ’o rivolte ncoppa a casa, e pò parlammo.

Gennaro. Uh! e comme te vene ncapo! mò te può truovà cu nu guaio ncoppa ’e spalle.

Peppeniello. Vuie che guaio, me iate cuntanno, chillo pe me è nu palicco!

Gennaro. Ma chi è questa donna pecché tu vuò passà nu guaio, ne vale poi la pena?

Peppeniello. Ne vale la pena, avite ditto? Comme ’a nnammorata mia, Nannina, ’a figlia d’a castagnara?

Gennaro. Ah! accossì se chiamma? (Comme avesse annommenata na principessa).

Peppeniello. Chella è na figliola annurata che vo bene sultanto a me! E se vene isso, Vicienzo ’o [p. 17 càgna]te e me dice nfaccio, che isso ’a cunusceva e che me puteva pure servì!

Gennaro. Ma calmati, non è poi un’offesa che quello la conosceva… embè se conoscene tanta gente, e pecchesto s’avarrieno scannà cumme a puorce!

Peppeniello. Vuie non sapite chille che voleva ndennere cu sti parole! Comme, isso, Vicienzo, ha conosciuta ’a nnammurata mia? Ah! che me magnarria l’aria a morze!

Gennaro. Ma tu pecchè te nce piglie collera?

Peppeniello. Uh! cumpà, vuie che sapite fà ’o scrivano criminale, e ghiata a fa ’o zucagnostre, pecché chesta non è aria pe buie! Sapite fa ’o malandrino?

Gennaro. A chi? Io non saccio manco che significa!

Peppeniello. E allora stateve zitto! Mamma nun esce a dinto, e io nun pozzo perdere tiempo, ’e guagliune m’aspettano a ’o puntone do vico.

Gennaro. (Chisto à da spiccià na causa).

Peppeniello. Compà, mò me piglio ’o rivolte, e me ne vaco m’’a salutate vuie a mamma. Dicitencelle che non stesse mpenziero, pecchè io stonco nu poco cu ’e cumpagne, e nun saccio quanno me spiccio.

Gennaro. (Che belli cumpagne!)

Peppeniello. (va a prendere il revolver nel tiratoio) Chisto è ’a compagna mia, nun ’o pozzo portà tanto spisso, comme v’aggio ditto, si no l’ambulanza me pizzeca.

Gennaro. (Chisto teneva stu poco ncuorpo, e io le voleva fa a parlata!)

Peppeniello. Compà, stateve bene.

SCENA VI.

Carmela. Ngnesella, Nicoletta, Totonno, ed altri.

Carmela. Nu momento, addò vaie?

Peppeniello. Ah! mà. sì tu! Io mò chesto steva dicenno a ’o cumpare, salutatemi a mamma, pecchè io vaco cu cierte amice, è overo ne compà?

Gennaro. Già. questo mi diceva, che era trattenuto da certi… guagliune… pecchè… (balbetta).

Carmela. Nun ò overo, io aggio ntiso tutte cose, tu te vuò j appiccecà, te vuò j a farte accidere pe chella facciatosta d’a nnammorata toia… e lasse na mamma e na sora ccà, che me parene doie Marie, e che faticano notte e ghiuorno pe dà a magnà a te che si nu sfurcato!

[p. 18 càgna]Peppeniello. Mà, quanno annuommene a chella figliola, t’haie lavà primma ’a vocca cu l’acqua ’e rosa! Sacce che chella pe mò è ’a nammurata mia, e fino a tanto che fa ammore cu Peppeniello ’o sparatore, nisciuno, manco si turnasse patemo dall’auto munno, le diciarria nu ttecchete!

Gennaro. (I paladini di Francia).

Carmela. Uh! faccia mia! Avito ntise? M’aggio ’lavà ’a vocca quanno annommeno a chella!!… nfaccia a na mamma, e na sora zita tu dice sti cose? Sciù! ma scuorno nun ne tiene cchiù, piezzo ’o sbrjugnato!

Peppeniello. Mà, mà, nun me fa saglì ’o sanghe a parte d’a capa… pecchè io nun saccio chillo che faccio!

Carmela. Che faie, lasseme sentere? Aize ’e mmane ncuolle a mammeta? E sulo chesto nce mancarria pe essere propeto n’assassino!

Ngnesella. (abbracciandola) Mammarella mia cara, cara, nun te piglià collera, penza ca chillo m’è frate!

Nicoletta. Mena mò, commarè, e nun ve pigliate collera chillo mò v’obbedisce. Gennarì, dille tu quacche cosa?

Gennaro (Vi comme vò ncuietà a me chesta!) E più di quello che gli ò detto, chillo nun m’à voluto sentere.

Carmela. Siente, piccerì, tu da chella porta nun ghiesce, primme m’aie d’accidere a me. Si haie core da fa chesto, allora accideme pure mò che faie buono! (si mette innanzi alla porta di fondo)

Peppeniello. Mà, mà, lasseme passà! Pienze che quanno Peppeniello ha data na parola, se ne cade ’o munno, ma chello à dda essere!

Carmela. Ah! nun me vuò sentere? Embè, io mò me metto allucca a coppa ’a fenesta, chiammo ’e guardie e te faccio arrestà c’’o revolvere ncuollo, è meglio vederte carcerato, che venirte a vedè dinto a nu spitale.

Peppeniello. Mà!... nun fa chesto che io me sonne nu brutto suonno!… ccà stanotte fernesce male ’a iucata!

Ngnesella. Totò. Totò, miettete pe mmiezo, dincello tu pure na parola; pò essere che a te te sente.

Totonno. Va Peppeniè, chesta che cos’è, e forniscila mo, non da cchiù collera a mammeta!

Peppeniello. Statte zitte tu, che te mmisco a fa mmiezo? Tu m’haie da essere gainato perciò non te pozzo dicere niente. Tu capisce annore che vene a dicere? Io songo nu guaglione annurato, e tutte m’hanna rispettà!

Gennaro. (Vediti che specie d’onore è ghiuto trovannò chisto)

[p. 19 càgna]Totonno. Io capisco l’annore, ma ’o capisco ’e n’auta manera. Saccio che nu giovene, quanno tene annore nfaccia, va faticanno pe s’abbuscà ’a lira e ’a porta a casa, pe dà a magnà a mamma, a sora, e nun va facenno ’o vagabonde dinte cantine, e magnanno ncoppa ’e spalle ’e cierte tale e quale femmene… e tu me capisce!

Peppeniello. Totò, tu cu chesti parole, m’aie tagliata ’a faccia. Ma pe l’arma de patemo, l’arraggia che tengo, mo me ’a sconto cu tico… tu me pave ’a scialata! (per inveire)

Ngnesella. Ah! no, Peppeniè, statte, chillo m’ha da essere marito! (tutti lo trattengono)

Carmela. Sbriugnato, chesto avarrisse fa nanze a mammeta, che io femmena e bona, te squartarria vivo!

Totonno. Lassatelo fa, che chillo nun fa niente.

Nicoletta. Gennarì, te muove o nun te muove? miettete mmiezo!

Gennaro. Ah! sangue!… (le dà un morso al braccio) mò me magno nu vraccio!

Peppeniello. Siente, haie ragione che ccà nce stanno ’e femmene; ma nce avimme vedè a sulo a sulo, e tanne pò parlammo a quatt’uocchie!

Totonno. Tu può parlà sempe che buò, pecché io nun me mette appaura ’e te.

Peppeniello. Ah! sanghe!! (per inveire, lo trattengono) (si sente un forte fischio) Ah! hanno fischiato, è tiempo che me ne vaco, ’e guagliune m’aspettano a ’o puntone do vico.

Carmela. (vicino alla porta) Guè, tu da ccà nun ghiesce.

Peppeniello. Mà, te ’o dico co buono, lasseme passà.

Carmela. T’aggio ditto che tu nun ghiesce a ccà!

Peppeniello. Mà… t’aggio ditto, lasseme passà!!…

Ngnesella. Peppeniè, falle pe chi tiene mparaviso, nun ascì, pienze che mamme se ne more pe ’o dolore!

Peppeniello. Ma sangue de na colonna!… volite che io me mengo pe ’a fenesta.

Carmela. Compà, Totò, mantenitelo vuie, si no chillo veramente ’o fa. (lo trattengono)

Peppeniello. (per svincolarsi) Lassateme! (tutti gridano)

[p. 20 càgna]

SCENA VII.

Nannina e detti.

Nannina. Ched’è sto fracasso’ ’E che se tratta?

Peppeniello. Ah! Nannina ccà ncoppa!

Carmela. Ah! chesta è Nannina! finalmente l’aggio arrivara a canoscere!

Gennaro. Questa sarebbe la figlia della castagnara?

Nannina. Gnorsì, avite che me dicere? Io songo Nannina ’a figlia d’a castagnara, e songo ’a nammurata ’e Peppeniello ’o sparatore!

Gennaro. Piacere di fare la vostra conoscenza Nannina. Ma pecchè? me repassate? (vuole avventarsi a Gennaro, Nicoletta la trattiene)

Nicoletta. Piccerella, piccerè!…

Gennaro. (Vuò vedè che abbusco pure da Nannina?…) Vi comme m’è venuto ncapo de me venì a fumà sta pippa ccà dinto stasera!

Carmela. Nannì si venuta proprio ntiempo, è ’o Cielo che te manna! Io mo me scordo chi sì e chello che m’è fatto, e penzo che io songo mamma, e aggia salvà a figlieme!

Nannina. Io saccio chello che vuò dicere, e pecchesto songo venuta ccà ncoppa… Peppeniello s’è appiccecato cu Vicienzo ’o sfriggiante p’ammore mio.

Carmela. Nannì, si veramente ’o vuò bene ’a figlieme, e tiene core mpietto, preiele tu pure che nun scennesse abbascio!

Nannina. Siè Maè, levammo sti chiacchiere ’a miezo, e e sacce che io a Peppeniell ’o voglio bene addavero, si no nun l’avarrie date confidenza. Ma quanno nu piezzo ’e sbriugnato comme a Vicienzo, è ghiuto sparlanno ’e sta figliola ccà, a ’o nnammurato mio l’attocca a levarme ’e schiaffe ’a faccia, si nò, è nu carugnone, è nu guaglione senz’annore, e Nannina ’o sputarria nfaccia!

Peppeniello. Nannì, pe regola toia, Peppeniello sape l’obbrigazione soia, e sarrà chillo tale e quale guaglione che te farrà avè tutta surisfazione che pretienne.

Nannina. E mò te voglio cchiù bene’e primme, pecchè te ’o mmierete veramente.

Carmela. Addonca nun nce stà pietà, nun nce stà compassione pe me? Tu si venuta ncoppa a sta casa… ncoppa a na casa annurata, capisce? E si venuta a [p. 21 càgna]scepparme figlieme a dint’e braccia, chisto figlio! che io, povera vedova, sola, abbandonata, me l’aggio crisciuto cu ’e stiente, e cu ’e lagreme! (piange)

Ngnesella. (abbracciando Nannina) Meh, aggiate pazienza, vuie site na bona figliola, nteneriteve de lagreme meie!

Carmela. (afferrando la figlia pel braccio) Che faie? Scostate! Pecchè ’o fiato suio te potarria avvelenà!

Nannina. Siè Maè, abbare comme parle, che nfaccia a vunnella ’e Nannina, ’a figlia da castagnara, nun nce stanno fose d’appennere! figliete m’appartene, io ’o dongo a magnà! se piglia ’o sanghe mio, e quanno è ’o mumento, tanno m’ha da servì!

Carmela. Oh! chesto è troppe!! (a Peppeniello) E tu ’a siente e nun te se gela ’o sanghe dinte ’e vene! Ah! ca mò avarria arapì l’uocchie a bonarma ’e patete pe vedè chello che tu sì arredutto, pe cacciarte… pe maledirte!… ma già… si isso sarria campato, sta tale e quale femmena, mò nun starria ccà ncoppa vicino a figliema… vicino a piccerella mia!!… (alza le braccia e volgendosi al quadro di S. Anna singhiozzando dice) E tu, che si l’avvocata mia, l’avvocata d’’e puverielle, tu vide chello che io stò soffrenno, e nun dice niente, nun te muove a compassione ’e na povera mamma! (si abbandona piangendo)

Nicoletta. Ma nzomma se pò appurà che se fa? che se dice? che se combina?

Carmela. (facendo una risoluzione afferra Peppeniello pel braccio, e lo sbalza verso Nannina) Esce! pigliatillo! chisto è isso! Nun m’è chiù figlio! figliemo è muorto!… Dimane me vestarraggio ’e lutto, almeno chi m’addimanna io le dice che figliemo è muorto cu na freva; ma l’uocchie miei nun li vedarraie cchiù!

Nannina. Io poco me curo d' 'e parole toie, pecchè figliete me preme, d' 'o riesto nun me ne mporta niente cchiù!

Carmela. E sola na faccia tosta cumme a te pò dicere sti cose!

Nannina (a Peppeniello) ’Aie ntiso, piezzo ’e caronò, mammeta t’ha dato ’o permesso, cammina e non fa retepele!

Carmela. Me cuffea, pure appriesso chella bona femmena!

Ngnesella. Mà, nun fa niente.. slatto zitta… agge prudenza…

Peppeniello. (s’incammina alla porta, poi ritorna di premura, abbraccia la madre [p. 22 càgna]e quasi piangendo dice) Mà… perdonateme, io te voglio bene!

Carmela. (abbracciandolo con gioia) Ah! Sant’Anna m’ha fatta a grazia!

Gennaro. Oh! vecchia potente!

Nannina. Ma ched’è? che stammo facenno l’opera? ma che haie perduta ’a capa!

Carmela. Tu sti cose nun ’e capisce… tu tiene na vreccia pe core!

Peppeniello. Nannì, io a mammema ’a voglio bene assaie!

Carmela. ’O siente, ’o siente?…

Nannina. E a Nannina toia nun ’a vuò bene cchiù? Embè, e l’ammore nuosto?

Carmela. Ma ’o chiamme ammore ’o tuio? Chisto è l’ammore ’e na iena! (si sente un fischio colle dita, poi voce)

Voce di dentro) Neh, Peppeniello, Peppeniè?

Nannina. ’O siente che te chiammene, e tu staie lloco… Sciù! nun te ne miette scuorno!

Carmela. Figlio mio, nun ’a sentere, nun te n’incaricà, pienze a mammeta che te vò bene veramente!

Voce. (c.s.) Peppeniello o sparatore! Sparatore… sparatò.

Nannina. Siente. siente, te staie facenno sbreffà ’a tutte quante! Te muove o nun te muove! Pienze che l’uocchie ’e Nannina, nun’e vedarraie maie cchiù!… E te faie chiammà pure Peppeniello ’o sparatore!.. Sciu! pe la faccia toia!

Peppeniello. (agitato, perplesso, va alla finestra) Belli figliù, io sto ccà a disposizione vosta! (alla madre) Mà, statte bona! Prega Dio pe me! (via fuggendo)

Nannina. Oh! a la fine! (corre appresso)

Carmela. Assassina! Assassina! è venuta ccà ncoppa, e me l’ha scippato a dinte ’e braccia meie!… ma priesto, lasciateme ascì, dateme nu sciallo, nu fazzoletto, voglio correre appriesso a lloro, si nò chille me l’accidene!!

Totonno. No, chesto nun sarrà maie! na femmena comme a vuie, nun pò correre appriesso a na rocchia ’e guagliune ’e mala vita… D. Gennà, moviteve, scennite nzieme cu mmico, nuie simme uommene, e nce potimmo menà mmiezo!

Gennaro. Mmiezo addò?

Totonno. Mmiezo all’appicceco, a ’e palle, a ’e cortellate!

Gennaro. (scappando in un angolo) Ma vuie site pazzo!… io songo omme ’e pace… sò usciere del tribunale, pozzo capì sti cose?

Nicoletta. Iamme, spiccete: te muove, o nun te muove!

[p. 23 càgna](prende un bastone) pigliete stà mazza, menete pe mmiezo, va ’e sparte!…

Gennaro. (prendendosi la mazza) Eccome ccà, sò lesto, mo corro… io nun saccio si stò dormenno o stò scetato! (tutti lo forzano ad uscire) Ma aspettate…

Carmela. Facitele pe carità, corrite, si nò chille s’accidene!

Totonno. Nun avite appaura!… Iammo D. Gennà, corrite!…

Ngnesella. Totò statte attiento!

Gennaro. Anima di tutti i morti miei, aiutatemi voi!!… (forzato dalle donne che lo sbalzano fuori, via con Totonno)

Carmela. (volgendosi a S. Anna) Sant’Anna mia! Si me salve a figlieme stanotte, te iuro che vestarraggio ’a vesta ’e vuto pe tutta ’a vita mia! (di dentro si sentono colpi di revolver. Carmela corre alla finestra) Che è stato, che è succieso? Io nun ’e veco, addò stanno? (altri colpi di revolver) Guardie, gente, corrite!! Io voglio ascì, io voglio j a truvà a figlieme!


SCENA ULTIMA

Gennaro e detti, indi Peppeniello sorretto da Totonno e da un popolano, in ultimo Nannina.

Gennaro. (corre in scena tutto spaventato) Mamma mia, mo more!… bbù, bbù, bbù!…

Carmela. Dicite ’a verità, me l’hanno acciso?!

Gennaro. No, pe grazia de ’o cielo, l’hanno ferito!

Carmela. Addò stà, ’o voglio abbraccià… (in questo mentre si presenta Peppeniello ferito, Carmela dà un grido) Ah! figlio mio! (adagia il ferito su di una sedia, e s’inginocchia vicino)

Nannina. Addò stà? Peppeniello mio!… (grida)

Carmela. Iesce! Figlieme t’ha pavate co sanghe! (quadro)

FINE