Lo Spassatiempo 1875 n.002 - 1875-03-14

'A Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
 EPUB   MOBI   PDF   RTF   TXT
[p. 1 càgna]
Anno I. — Nummero 2Costa UNO SordoEsce ogne Dommeneca


LO SPASSATIEMPO



VIERZE E PROSE
FATTE
Pe n’annoL. 3,00
Se mise1,75
No nummero scurzoC. 20
NOVE E BECCHIE

DE LUIGI CHIURAZZI E D’AUTRE


L’associaziune se fanno a Napole, a lo Llario de le Pigne, mo, Chiazza Cavour 47.

Lettere, vaglie, manoscritte, tutte ntestate e affrancate a lo direttore L. Chiurazzi.




Napole 14 Marzo 1875


LO SPASSATIEMPO

Mme chiammo Franceschella Primmavera,
     Lo spasso porto pe li nnammorate;
     Sto panariello mio è na bannera,
     Lo porto sotto e allucco pe le strate:
          Nuce, nocelle, ammennole,
               Lo spassa tiempo, ohje, nè!
               Semmente fave, cicere;
               Chi vo lo spassatiè!
                    Ohje, nì, tu che me vuo’?
               Pignuole, guè, pignuò!



STORIA DE NAPOLE

SPALEFECATA A LO VASCIO PUOPOLO

DA LUIGI CHIURAZZI


NTRODUZIONE

La parte meredionale de Talia che fenesce verzo lo Settentrione co lo Stato romano è attorniata de mare da tutte l’autre late, doppo cagnate cchiú nomme, finarmente se chiammaje Regno de Napole. Ma ogge assenno aunita sotto lo comanno de

Lo spasso mio è rrobba sempe fresca;
     Pe non sapè arrobbare, dò lo ghiusto:
     E guarda, gua’ che tene ccà Francesca,
     Viene, nennillo, ca nce truove gusto.
          Nuce, nocelle, ammennole,
               Lo spassa tiempo, ohje, nè!
               Semmente, fave, cicere;
               Chi vo lo spassatiè!
                    Ohje, nì, tu che me vuo’?
               Pignuole, guè, pignuo!

Va chià; non affonnà troppo la mano;
     Lassame sto panaro da dereto……
     Cchiù spasso vaje trovanno pe no rano?
     Va buono mo! nennì, statte cojeto!
          Nuce, nocelle, ammennole,
               Lo spassa tiempo ohje, nè!
               Semmente fave, cicere;
               Chi vo lo spassatiè!
                    Ohje, nì, tu che me vuo’?
               Pignuole, guè, pignuò!

E cionca ciò.. pecchè mme vuò fa male?
     La può ferni! fatte no parmo arasso!
     Ma pozzo fare, o no, lo speziale?
     E bba, ca è stato troppo mo lo spasso!
          Nuce, nocelle, ammennole,
               Lo spassa tiempo ohje, nè!
               Semmente, fave, cicere;
               Chi vo lo spassatiè!
                    Ohje, nì, tu che me vuo’?
               Pignuole, guè, pignuò!

Luigi Chiurazzi


lo Rre de Talia vene chiammata Provincia napoletana. Lo Regno de Napole, che fuje chiammato purzì Sicilia citeriore, è luongo circa 400 miglia; e la cchiù grossa lariezza soja è cchiù de 120: mmesuranno attuorno attuorno so quase 1200 miglia. La Sicilia è n’isola fatta quase a tre pizze ed è laria 650 miglia, o perzò se po tenere co certezza ca chisto Regno è lo cchiù gruosso de tutte l’autre che apparteneno a la Talia, e la Sicilia è lo cchiú grosa isola de lo Mediterraneo. Essa è spartuta da lo continente da no piccolo stritto de mare che se chiamma Foro de Messina e che arriva circa no miglio e miezo la cchiù peccerella

[p. 2 càgna]


N’abbraccio e no vaso a pezzechillo dammo a lo sio Luigi Carelli p’averece dato lo manoscritto de le ppoesie de lo zio sujo muorto, cav. Raffaele Sacco guappo mprovisatore napoletano.

A LUIGI CHIURAZZI

De la chitarra mia
S’è dutto lo cordone,
E tu de povesia
Me sturzeche, Chiurà!
Te preo, famme sta grazia
Luì, lasseme sta!
Io steva n’allegria,
Cantava juorno e notte,
E mo songo no chiochiaro
Pe mmiezo a le marmotte.
Chiurà, nce vo pacienzia;
To preo, lasseme sta!
Tu vaje scavanno stròppole
Pe ncoppa a la chilarra,
E dice: Sacco, ajutame!
Ma Sacco cchiù no ngarra:
È fatto no mammuocciolo,
Che peggio no nce sta!

(maje stampato)Cav. Raffaele Sacco


A LO SIO COSTANTINO ABBATECOLA

Quattuordece

Amico caro mio don Costantino,
Te manno pe la Posta sto giornale,
Co bierze e prose meje se po di chino,
Pe sèntere da te se nc’è sta sale.
Pensa, non so Capasso, Genoino,
Dante, Vergilio, Tasso, Giovenale,
Ma non so manco l’urdemo schiappino,
Faccio le cose che non ce so male.
D’ammice tu ne tiene no zeffunno,
E pensa a farme tante associate
Pe quanta gente sta po chisto munno.
Nè te stracqua, pe mmè, de dà stoccate,
Revota ad ogne casa nfì a lo funno;
Ma fora me ne chiammo a le mmazzate!

Luigi Chiurazzi


za soja. Lo mare chiammato Mediterraneo seconno le parte piglia diverze nomme, ntra chiste, tre songo li cchiù caporiune. Se chiamma Adriateco chillo che passa verzo le coste de l’Oriente, de l’antica Adria cetà che nasceva vicino a la parte de la nova Venezia; Ionio chillo che passa pe la parte de lo miezejuorno, pe cierte puopole de la Grecia chiammate Ioni, li quale venetteno a chisto regno; e Tirreno chillo verzo l’Occidente, da la provincia chiammata Tirrenia ch’era l’antica Toscana. A l’urdemo do lo Tirreno vene la cetà de Napole.
Primma de parlare de li popole che abitajeno chesta Cetà è buono de fa conoscere che a la vanna de ccá de lo Faro è spartuta ntra 15 provincie, la Sicilia ntra 7. Chelle de ccá de lo Faro accommezanno da la fernetuta de lo Stato romano nfì a la Sicilia se chiammano li tre Abruzze; duje de chiste se chiammano ulteriori e l’autro

A TE!.

   Nenna, pe caretà,
        Se spanteco pe te,
        Co tanta sboria a mme
        Non di sciollà
   Dico la veretà,
        Ah! no me fido cchiù…
        Ammore mio, ma tu
        Non dì sciollà.
   Te muove o no a piatà?
        Me vuo’ fa scevolì?
        Non secotare a dì
        Sempe sciollà.
   Mannarme a fa squartà
        Me piaciarria de cchiù,
        Che sentere sto sciù,
        E sto sciollà
   Pe me capacetà
        Dimme no si, no no:
        Non te n’asci mperò
        Co no sciollà!

Giacomo Bugni


LI CAPILLE DE GIESUMMINA

SONETTO (*)

La seta nn’è cchiù seta a sti capille,
     Mesa a confrunto, ch’a bezzeffie tiene:
     No cierro sulo già ne conta mille,
     Che songhe de l’ammore mio lo bene!
Ah! Giesummina mia, chiste trezzille
     A sto core cresciute hanno le ppene,
     Che ’ntorcigliate tanto acconciolille
     Pe mme so pevo assaje de le ccatene!
Io chisti lloco vorria avè vicino.
     E ne vorria taglià senza dolore,
     Tante, quante da farme no coscino!
Llà ncoppa, da la parte de lo core
     Me nce vorria addormire a suonno chino
     P’averte nnanze e pe sonnarme ammore!!.

(maje stampato)Bar. Michele Zezza
(*) Vì che robba saporita: sulo lo si Ciccio Petrarca poteva fa lo suoccio L. C.


citeriore; la provincia de Napole, o chella chiammata Terra di Lavoro; la provineia de Baselicata, chella de Capitanata, la Terra de Bare, la Terra d’Otranto, lo Contado de Molise e le tre Calabrie doje de cheste so chiammano ulteriori e n’autra citeriore. Tutte sti nomme remmase a ste provincie so benute da signure, covierne e puopole che l’anno commannate.
Sta deverzità de nomme, a le provincie de la Sicilia non se trova, ed ognuno piglia nomme de ogne Cetà prencejale: perzò se chiammano proviscie de Palermo, de Mesina, de Catania, de Siracusa, de Girgenti, de Caltanissetta e de Trapane. Tutte ste 22 provincie non fuieno sempe de lo stesso nummmero, ne avetteno la stessa grossezza ma è stato buono de farele sapere (a chi non le sape) azzò aveano l’accasione d’annommenarele quacche bota, so pote canoscere pe no priess’a poco la delferenza che passa co chelle doje; pe causa

[p. 3 càgna]




COMPRIANNO

Guè, guè! che so sti striepete?
E tu non fa Menella,
Chi ntienne de fa ridere
A chisto, a chillo, o a chella?
E a tte, che so ste chiacchiere?
Va chia, non alluccà!…
Don Pè, se chiste parlano,
Non pozzo mprovisà!…
Embè, te miette a ridere?
Mme piglie pe guaglione?
Ebbiva lo sì Pruocolo…
Che bello lampione!
Te si pigliato collera?
Va là, va lla, vattè!
Facimmo pace; abbracciame;
Damme no vaso…. me!
Te scuoste?… e che segnifeca?
Crianza non è chesta!
Penzammo de spassarece,
Penzammo ch’ogge è festa,
Leva sto musso e mutria,
Ca è brutto a stà accossì;
Siente sto fatto, votate,
Ca è cosa da sentì:
– No juorno don Paturzio,
Marito a donna Grazia,
Diceve a Quinto Curzio:
Lo Munno è na disgrazia.
Lesto risponne Crozio:
Comme? Ne’è Fozio, Tizio,
Parcozio, Erozio, Plozio,
Che fanno sizio, sizio.
E senza avè judizio
Se pigliano ogne sfizio!
È sciorta! – allucca Muzio: –
So stato nfì a la Scozia
Nzieme co Orazio e Buzio;
Da llà jettemo a Gozia,


de li gruosse tiempe e li gran cagnamiento venute non s’è potuto canoscere co certezza addò secommenzavano e addò fernevano.

ORIGENE

D. Dimme na cosa; da che àve avuto l’origene Napole?
R. Pe quanto s’é potuto appurà, da tiempe arrete nfì a mo non s’è accapezzato maje na jota, pecchè de chille tiempe non se trova autro scritto che nc’è stata diverzità de puopole, e non se sape da dò sonco venute; e chiste veneno chiammate co lo nomme Aborigini, zoè nate a lo steso paese. Scartapellianno le notizie ncoppa a sta cetà, non potenno parlare de chille tiempe e de chille puopole, pocché non li canoscimmo, se pote tenere co certerza che li primme venute da cheste parte fosseno puopole partute da la Grecia ch’è a la parte

Pe ghì a trovare a Quinzio,
Nepote de Lucrezia;
Embè nce disse Cinzio
Venuto da la Svezia
Spezia, Elvezia, Rezia:
Lo Munno è na facezia!- spassarece,

Pe mene Oronzio e Buzio,
Maurizio Fazio e Quinzio,
Lucrezia, Crozio e Muzio,
Orazio, Nunzio e Cinzio,
Tizio, Caio e Sempronio
Panerazio e don Maurizio,
Tore e Franciscantonio
Li ttengo a lo servizio!
E dico: che a sto munno
Lo meglio e chillo llà,
Che quanto è lario e tunno,
Lo piglia comme va!
Nzomma, pe ve conchiudere,
Chi vò la contentezza,
Ntra li contraste e luotene
Ave da fa sciordezza.
E a tte ch’àje fatto sbrennere
Lo nomme tujo sto juorno,
Salute, pace e frisole;
Ma appiennete no cuorno,

Chillo de vufera Ca si la mmidia
Gruosse e neanuto, Vò rosecà,
Chino de nozzole, Chisto mmostannele,
Stuorto e appuntuto. La faje cecà!

Luigi Chiurazzi.


PIERDETIEMPO

Lo pierdotiempo de lo primmo nummero è Quatto e quatto fanno otto l’ave addevenato la signorina Ernestina Fava, nepote a cicero!

fonasen
 
ep
 

Lo primmo che l’addevina s’abbusca no libro Manuale de ballo, taliano francese e napoletano de Culiziani Zughi.


de l’Oriente. Chiste fujenno da la patria lloro NO stabbelettero justo alla vanna che guarla l’Oriente. Da chiste avetteno origene do venire autro gente, de deverze juine e aumentateso lo nummero addeventajeno puopole gruose e se covernavano seconno le leggo greche. Chiste o p’aurio de grannezza o pe autro ragione a la terra che stevano lloro le detteno lo nomme de Magna Grecia, e beramente fuje granne sta Greeia nova po struzione de covierno, je buone guerriere, lettere e bertu d’ogne manera, Zeleico e Caronda magestrate, Archita e Pitagora feluosecho detteno struzzione co lo supierchio a tutto lo puopolo. E manco scema fuje la Sicilia, abitata da ste gente: da llå nce venetteno Empedocle ed Archimede feJuoseche naturale: Tooeritoe Mosco poete co le ciappe, e autro ciento cho so canosciute da tutte le jarte,

(Secotea)

[p. 4 càgna]




NOVA SMORFIA

NAPOLETANA - TALIANA

DE LUIGI CHIURAZZI




A
(Vide lo nummero 1)

Abbracciare il padre
la madre
i figli
i parenti
51
52
24
56
Abbracciatorio Abbracciamento 40
Abbramma Brama 19
Abbrancare cosa q.   47
Abbreo Ebreo 43
Abbriéje Ebrei 88
Abbrile Aprile 4
Abbrocamiento Affiocamento 21
Abbrocare Affiocare 7
Abbaiare de cane Affiocato 13
Abbronziare, cosa q. 85
Abbrostoliaturo Tamburino 40
Abbrostolire, cosa q. Abbrustolare 4
mandorle 10
caffè 3
grano turco (granone) 85
cacao 6
agli 6
ceci 89
orzo 64
fave 7
castagne 63
semenze 11
pane 63
nocciuole 24
carne 50
Abbrunzo Bronzo 29
Abbrusciare, cosa q. Bruciare 85
peli 16
carte 86
cadaveri 83
gente viva 60
lettere 63
case 64
caffè 1
incenso 29
legni nel mare 83
boschi 56
oro 64
argento 24
libri 13
pece 33
legna 8
lana 35
paglia 23
panni 70
pane 24
Abbruscuatura Bruciatura 35
Abbrusciare Bruciare, sentir bruciore 70
agli occhi 20
alle fauci 54
all'ano 47
alle mani 10
ai piedi 37
Abetiello, le, Abitino, ni, 8
con effigie q. 82
ricamato 89
si benedice 80
Abeto, q. Abito, ti, 11
di lusso 80
da uomo 62
da donne 50
da fanciulli 2
da lutto 73
da maschera 8
da teatro 73
di seta 55
rossi 42
bianchi 20
di colori diversi 22
ricamati 63
gallonati 90
da monaco 16
di pelle 43
militari 72
reali 88
da povero 84
da mago 77
da prete 43
papali 9
cardinalizi 7
da voto 42
da morto 73
vescovili 4
laceri 43
sporchi 45
fiorati 88
da pontefice 60
da galeotto 44
da galeotto 46
da sposa 69
Abetante Abitante, ti, 90

(Secotea)


Direttore resp. — Luigi Chiurazzi.


Stamparia de lo Progresso