Pasca' si' puorco

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 

[p. 1 càgna]

N. 99 TEATRO NAPOLETANO L. 1,00

PASCA’ SI’ PUORCO

OSSIA

Pulcinella finto mastro di ballo

e guardiano di donne

COMMEDIA IN UN ATTO


PERSONAGGI

D. PASQUALE, padre di FLORINDO (o Don Felice)
ANGELICA CECCO
PULCINELLA, servo di LUISELLA, serva

NAPOLI

Tip. TOMMASO PIRONTI libraio - Editore

Piazza Cavour 70

1924



[p. 2 càgna]

ATTO UNICO


Strada. A destra bottega di barbiere. A sinistra palazzina.


SCENA I. — CECCO poi FLORINDO

Cecco. Maleretta vita ch’è ’a mia, tutto ’o juoruo sacrificato dint’ ’a puteca, senza maie cumbinà niente... oh m se ne vene D. Florindo. Staminatina ’a fatto cchiù pe tiempo...

Flor. esce e guarda l’abitazione di Pasquale.

Cecco. ’A razia vosta signò.

Flor. Cecco buon giorno.

Cecco. Ve vulite fa ’a barba?

Flor. No.

Cecco. Ve vulite taglia ’e capille?

Flor. No, grazie.

Cecco. Signò ma ch’avite stammatina, ve veco cchiù penzaruse ’e ll'ati iuorne.

Flor. N’ è causa il signor Pasquale, col volermi negare sua figlia.

Cecco. Ma diciteme na cosa: vuie nce avite parlate cu don Pascale?

Flor. A dirti il vero no.

Cecco. Allora parlatece, e cercatele ’a mano d’a figlia.

Flor. Chi io? Ma non sono buono.

Cecco. E vuie tenite a Pulicenella ’o servitore vuosto.

Flor. Che diavolo dici, quello è tanto sciocco.

Cecco. Tentate, chi tenta non riseca niente.

Flor. E dove poterlo trovare?

Cecco. Vulite che ’o vaco a truvà?

SCENA II — PULCINELLA e detti

Pul. (d. d.) E bà a mmalora tu e ’o ciuccio che sì.

Flor. Eccolo per l’appunto.

Cecco. Venetenne ccà Pulicenè, ca ’o patrone tuio te vò.

Pul. (c. s.) M he capito o no? E statte zitto ca sinò vengo lloco e me faccio vattere buono buono.

Flor. Pulcinella?

Pul. Guè patrò, staie cca?

Flor. Con chi disputavi?

Pul. Gnernò, io nun sputavo. [p. 3 càgna]

Flor. Con chi litigavi.

Pul. Ah, cu chi m’appiccecava? Mo t’ ’o dico. Haie a sapè ca m’aggio fatto na sputata cu ’e cchiù dotte ’e stu paese..

Flor. E chi sono queste persone le più dotte?

Pul. Uno è masto Nicola ’o fravecatore, n’ ato è Luigge ’o scarparo, è ll’ato è ’o ferracavallo.

Flor. E queste sono le persone più dotte?

Cec. Si na vera bestia.

Pul. Gnorsì chiste songo ’e cchiù dotte.

Flor. Appresso

Pul. Embè haie ’a sapè ca mastu Francisco ’o scarparo è figliato!

Flor. Tu che diavolo dici?

Cecco. Mastu Francisco figliava?

Pul. No... é figliato ’o bancariello.

Flor. Peggio... tu che affastelli?

Pul. No, aggio sbagliato... è figliato ’o pate ’e mastu Francisco.

Flor. Ma no, bestia!

Pul. Allora sì figliato tu?

Flor. Ma che diavolo dici?

Pul. Vuie che vuli’e ’a me?

Flor. Ho capito. Forse la moglie di mastro Francesco ha fatto qualche feto

Pul. Patrò, mo sì nu spurcaccione, mo!

Flor. Ineducato che sei, come ti permetti?

Pul. E vuie dicite ca chella ’a fatto un fleto?

Flor. Voglio dire: lei si sarà sgravata.

Pul. Già, iusto accussi, è figliata e ’a fatto nu bello piccerillo, chisto è figliato e ’a fatto n’ato piccerillo, chisto vedenno c’ ’o frato era figliato, ha voluto figlia pur’isso e ’a fatto n’atu piccerillo.

Flor. Che imbroglio di cose!

Cecco. E fila nu poco meglio, frato mio.

Pul. E me ’a dà ’o uso e ’a cunocchia.

Cecco. Dico, di meglio ’o fatto.

Pul. ’A mugliera ’e mastu Francisco è figliato e ha fatto nu bello piccerillo, stu piccerillo è figliato...

Flor. Ho capito tutto: la moglie di mastro Francesco ha fttto tre neonati.

Pul. Gnernò, nun ha fatto uisciuria limmunata.

Cecco. Ha fatto ’a surbetta.

Pul. L’ha fatto int’ ’a surbettera ’e soreta. [p. 4 càgna]

Cecco. E io sore nun ne tengo....

Pul. E addu mammeta me ne vengo.

Flor. Ma la finisci si o no? Avanti.

Pul. Tutt’assieme è venuto na zingara.

Flor. Una azucena?

Pul. Gnernò nun nce steva Matalena.

Cecco. Il tuo padrone dice che era una maliarda.

Pul. Tu qua mallarda, chell’era na zingara.

Flor. Ho capito; era una che indovina.

Pul. Gnorsì, una ch’annevina.

Flor. Ebbene?

Pul. Embè mastu Francisco ha ditto vicino ’a zincara: Vulite anduvinà ’e tre figli miei? ’A zingara ha ditto ’e si. ’O primmo hadda essere acciso..

Flor. Povero padre!

Pul. O sicondo hadda i’ a murì ngalera pe mariuolo.

Flor. Povero padre!

Pul. ’O terzo hadda essere nu gran micidiante.

Flor. Povero padre! (Cecco ripete, piagnucoloso).

Pul. Vuie che ve facite afferra?

Flor. Compiangiamo la sorte del padre.

Pul. Figurate... mastu Fraucisco ’a chiammato subbeto cunziglio, e de sti cchiù dotte, nisciuno ha saputo ricere niente. Io, ca nun laccio pe m’avantà songh’o cchiù ciuccio ’e stu paese, songo asciuto mmiezo e aggio ditto: Vulite scummettere nu litro ’e vino che sul’io songo buono ’e dà nu cunziglio a mastu Francisco? Tutte quante hanno ditto: scommettiamo. Allora io senza perdermo d’anema mi sono mettuto in quantunquio.

Flor. E tu sei stato buono a dar consigli cosi difficili?

Pul. Mo sentite. Aggio ditto, Jassateme senti: ’o primmo ch’adda essere acciso? Embè fallo surdato, accussì chillo va nguerra, have na palla nfronte e more onoratamente per la patria.

Flor. Benissimo.

Pul. ’O sicondo ch’hadda essere mpiso pe mariuolo? Embè mparalo sarto, accussi chillo arrubbannose nu parmo ’e rrobba ’a nu cazone e nu parmo ’a coppa a giacchetta, suddisfa l’inclinazione e nun more cchiù mpiso.

Flor. Beh, beh, beh!.

Pul. ’O terzo...

Flor. Eh, il terzo è difficile.

Pul. Invece ’o terzo è cchiù tacile.

Flor. E come? [p. 5 càgna]

Pul. ’O terzo ch’hadda essere nu gran micidiante?

Fior. e Cecco. Già.

Pul. Embè io ll’aggio ditto c’ ’o facesse miereco e chirurgo, accussi chillo accide ’a gente, suddisfa l’inclinazione e nisciuno lle pò dicere niente.

Fior. e Cecco. Beh, beh, beh.

Pul. Mme parite duie piecore pugliese.

Cecco. E tu ’e tenuto tantu spireto?

Pul. E tu pe chi m’avive pigliato?

Flor. Ebbene, se tu hai tanto spirito, lo devi impegnare anche pel tuo padrone.

Pul. Comme sarria a dicere?

Flor. Devi sapere che io sono innamorato perdutamente della figlia di D. Pasquale. Lo conosci?

Pul. No, nun l’aggio visto ancora.

Flor. Ebbene, tu devi fare in modo di parlarci e dirgli che io vorrei sposare sua figlia.

Pul. Si, ma stu don Pascale arò sta ’e casa?

Cecco. Ecco; chella è ll’abitazione soia. (mostrandogli la palazzina).

Pul. Ah! chillo è Pascale che sta ’e casa lla?

Cecco. Dunque lo conosci?

Pul. Nun me pare d’averlo canusciuto.

Flor. Dunque, vuoi andare?

Pul. Gnorsi, mo mò vaco... (p. a.) Ma diciteme na cosa: stu Pascale m’avessa rompere ll’osse?

Flor. Non v’è pericolo. Figurati, è una pasta di miele.

Pul. Ah, è una pasta di miele?

Cecco. Ma si... è nu zuccaro.

Pul. Mbè, quanno è accussi, ce vaco. (va alla palazzina e bassa).

SCENA III — PASQUALE prima dentro e poi fuori e detti

Pasq. (d. d.) Chi è? ((gridando)

Pul. Mamma bella! (fugge)

Flor. Ebbene?

Pul. E chillo è ’a pasta di miele? Chillo me pare l’arraggia mperzona!

Flor. Ma quello scherza; va a bussare.

Pul. Mall’arma d’ ’o scherzo, (c. s.) Oie de casa?

Pasq. (d. d.) Se calo rompo le gambe a chi ha bussato.

Pul. Puozz’essere acciso... chillo vò accummencià ’a via ’e gamme... (fugge).

Flor. Pulcinella perchè fuggi? [p. 6 càgna]

Pul. E nun ’e ntiso chillo ch’a ritto? che vò rompere 'e gamme a chi tuzzulea a porta.

Cecco. Ma piezz’e ciuccio che sì. Quello è un uomo scherzoso.

Pul. Pruvammo n'ata vota. (c. s.) Oie de casa, oh?

Pasq. (fuori) Voglio vedere chi è questo lazzarone.

Pul. Guè, Pascale bello, cumme staie?

Pasq. Chi siete? io non vi conosco.

Pul. Comme, nun me cunusce? Nun te ricuorde che quann’eramo rigazze (lazzi) eramo cchiù piccerille 'e mo?

Pasq. Questo s’intende, ma voglio sapere chi siete.

Pul. Ma tu overo dice ca nun me canusce?

Pasq. Ma si, quante volte lo debbo ripetere?

Pul. Comme, nun te ricuorde, che nuie nun nce immo maie visto?

Pasq. Questo lo so.

Pul. Beno, non fato tanti complementi. Incoperchiatevi.

Pasq. Io sto coperto.

Pul. Allora m’incoperchio io.

Pasq. Insomma posso sapere in che posso servirvi?

Pul. Favorirmi Pascà, leva st’espresso ’a mie o.

Pasq. Ma che cos’è questo Pasquale. Io mi chiamo..

Pul. (cantando) Pascalotto — chest’è ’a sferra — e chisto è ’o ribotto...

Pasq. Che c’entra questo cantarellare. Io mi chiamo don Pasquale.

Pul. Tu qua don Pasquale.. e ll’amicizia po’?

Pasq. Che amicizia e amicizia? Insomma se volete spiegarmi bene, altrimenti vi lascio. (p. p.)

Pul. Pasca vien’a cca. Haie ’a sapè che io songo ’a mamma ’e chillu scurfaniello.

Pasq. Voi che affastellate?

Pul. Gnorsì, io faccio da mamma e da pate.

Flor. Perdonate signor Pasquale l’ardire del mio servo.

Pasq. (alzando il bastone) Eri un servo e ti prendi tanta confidenza.

Pul. Pasca mo sì nu scrianzato mo.

Pasq. Guardate che sfacciato!

Flor. Dunque signor Pasquale, io vengo a domandarvi vostra figlia in moglie, cosa mi rispondete?

Pul. Risponde ch’è cuntento e nun se ne parla cchiù.

Pasq. Niente affatto. Io non posso acconsentire poichè mia figlia la ho promesso ad un certo Salame.

Pul. Allora figlieta è na nnoglia e tu l’annisce c’ ’o salame.

Pasq. Bestia... Tullio Salame. Salame è il cognome. [p. 7 càgna]

Pul. Ah, aggio capito, mo. E stu Salame quant’anne tene?

Pasq. Voglio contentarti. Ne tiene 60.

Pul. (a Florindo) Ne tene 60 tiene a mente. E figliete?

Pasq. Ne tiene 18.

Pul. 18 e 60. Pascà bada alle conseguenze del matrimonio.

Pasq. Ah birbante, vuoi che io ti fracassa le ossa.

Pul. Pascà mo sì puorco mo.

Pasq. Ma insomma, non vuoi finirla?... Signore, io non posso acconsentire a questo matrimonio.

Flor. No?...

Pasq. No!

Pul. Pascà, sei un’arciporco.

Pasq. Ma vedete che lazzarone!

Flor. Signor Pasquale, dietro il vostro rifiuto, io me ne vado. Ma vi dico solo che voi mi pregherete a farmi sposare vostra figlia. (via)

Pasq. Lo vedremo.

Pul. Pascà scusa ca t’ ’o dico, mo nce vò simmo amice... tu... sei un gran porco.

Pasq. Ma tu vuoi propriamente mettere a dura prova la mia pazienza?

Pul. Pascà alle corte: si tu nun daie figlieta a’ ’o patrone mio, io ti giuro sulla zella di vavella, che ’o patrone mio se sposa a figlieta e io me sposo a te. (via)

Pasq. Guardate se può essere di peggio. Adesso senza perder tempo voglio andare a chiamare un maestro di ballo per far continuare lo studio a mia figlia. (via)

SCENA IV — PULCINELLA e FLORINDO

Flor. Pulcinella hai inteso che cosa ha detto don Pasquale?

Pul. Gnorsì, ha ditto che vò i’ a chiammà nu maestro ’e ballo p’ ’a figlia.

Flor. Ebbene, perchè non fingi essere tu il maestro di ballo?

Pul. A chi? io nun saccio abballà.

Flor. T’insegnerò io. Vediamo, (fa ballare Pulcinella con lazzi a piacere). Benissimo. Tu sarai il maestro di ballo.

Pul. Ma Pascale sentennome parlà me cunosce.

Flor. Ebbene, ti farò parlare in francese.

Pul. A chi? Io nun saccio parla manco napulitano.

Flor. Te lo insegno io. Siccome tu dovrai bussare, la serva certamente ti domanderà: chi è? tu risponderai...

Pul. Pulcinella Cetrulo.

Flor. No, risponderai: C’est moi. [p. 8 càgna]

Pul. Muà, semmola a mammà.

Flor. Poi don Pasquale ti verrà incontro e ti dirà: chi siete? tu risponderai: Je suis le maitre de dans Monsieur Philippe votre serviteur.

Pul. Gesuele mette nnanze a Monzù Felippe otto secretè.

Flor. Poi alla signorina, per rispetto le dirai: Madamoiselle, je suis votre serviteur très humble.

Pul. ’A mamma ’e Tummasella vo d’ ’o servitore tre sorde.

Flor. Ma no, non è così. Basta, vieni con me che per istrada ti dirò il resto.

Pul. E ghiammuncenne a nomme ’e mazzate, (ritmo).

MUTAZIONE DI SCENA — CAMERA
SCENA V — ANGELICA e LUISELLA

Ang. Cara Luisella, ecco formato il foglio; adesso come si fa a farcelo capitare?

Luis. E faciteve curaggio, che mmalora è stato, pecche vicino a me ve scunfirate ’e chesta manera!

Ang. Ma non hai sentito mio padre che cosa ha detto?

Luis. Ha ditto che v’avita spusà a don Tullio Salame.

Ang. Ebbene, come si fa per Fiorindo!

Luis. Nun dubitate, ca vuie primmo ’e scurà notte v’ ’o spusarrate.

Ang. Ah con queste parole tu mi consoli Luisella mia! (si bussa) Vai ad aprire.

Luis. Subbito. (via poi fuori)

Ang. Ah io morirò se perdo il mio caro Fiorindo.

Luis. Signuri è ’o pate vuosto.

SCENA VI — PASQUALE poi PULCINELLA p. <L p. fuori

Pasq. Eccomi di ritorno. Come stai figlia mia?

Ang. Bene, caro padre.

Pasq. Via, sta allegra che fra breve arriverà un maestro di ballo.

Ang. Ma che maestro!

Pasq. E che cosa vuoi?

Luis. Patrò, sacc’io che ce vò pe fa sta allera ’a signurina.

Pasq. E che ci vuole? parla.

Luis. Nce vò nu muorzo ’e marito giovene.

Pasq. Stai zitta, pettegola che sei!

Ang. Ma caro mio, perchè volete sacrificarmi per sempre?

Pasq. Ma figlia mia... (di dentro si bussa). [p. 9 càgna]

Luis. Hanno tuzzuliato.

Pasq. Domandate chi è.

Luis. Chi è?

Pul. (di dentro) Muà, senmmola a mammà.

Luis. Signò chillo parie francese.

Pasq. E’ il maestro di ballo, vado subito (via poi fuori)

Luis. Sapite chi è chillo ch’a tuzzeliato?

Ang. Chi è?

Luis. E’ Pulicenella travestuto ’a maestro ’e ballo che è venuto p’avè ’a risposta d’ ’a lettera che v’ha mannato ’o patrone suio.

Ang. Ah bravo.

Pasq. Favorite, favorite.

Pul. A prendere i migliori posti.

Pasq. Carissimo professore io vi ho conosciuto.

Pul. Ah già m’avete conosciuto? (mo venene ’ e mazzate). Io sono il maestro di ballo che Gesuele ha miso nnanze a Munzù Filippo tre secretè.

Pasq. Ho capito.

Pul. Uh anema d’ ’o pere ’e vruoccole.

Pasq. Maestro, vi presento mia figlia.

Pul. Carina. L’avete figliata voi?

Pasq. Eh!... Voi che dite? L’ha figliata mia moglie.

Pul. E dove sta vostra moglie?

Pasq. Poveretta, è ai quondam!

Pul. Ah! bravo, mi fa piacere.

Pasq. Come vi fa piacere? Quondam.. eita... é morta.

Pul. Morta! E voi perchè non siete morto?

Pasq. E perchè dovevo morire?

Pul. Accussi nge levaveme n’ata seccatura ’a tuorno.

Pasq. Voi volete scherzare.

Pul. Monzù... (ad Angelica)

Pasq. Che dite... volete dire madamoiselle.

Pul. Aggio capito, vuie site Tummasella. E quell’altra?

Pasq. Questa è l’ancella.

Pul. Ah! tu sei una langella?

Luis. Gnorsì, songo ’a cammarera.

Pul. Allora, si dice cammarerà.

SCENA VII — CECCO e detti

Cecco. (di dentro) E’ permesso?

Pasq. Chi è?

Pul. Ah, è ’o professore ’e violino che ho portato io. [p. 10 càgna]

Pasq. E fatelo passare.

Luis. Trasite.

Cecco. Servitor umilissimo di lor signor.

Pasq. (offre la mano) Professore.

Pul. (Nun astrepuere tanto che tene a rogna!)

Pasq. Misericordia

Pul. No, no, e rogna che s’è seccata.

Pasq. Allora... i miei rispetti.

Cecco. Fortunatissimo.

Pasq. Maestro, perchè non diamo principio?

Pul. Damme tre sorde.

Pasq. Vulite tre sorde?

Pul. Ho parlato cianfrese.

Pasq. Ma a quel che vedo voi contenete più d’una lingua.

Pul. Gnorsì, specialmente ’e lengue ’e pecurielle.

Pasq. Ma se non sbaglio, voi non siete nativo francese?

Pul. No, ma songo d’ ’a Calabria d’ ’e francise.

Pasq. Ched’è ce sta pure ’a Calabria d’ ’e francise?

Pul. E comme!

Pasq (Embè io a chisto nun ’o capisco). Allora, maestro. senza perdere tempo, incominciamo.

Pul. Maramusella appoggiatevi a me. E voi ballate con la serva.

Pasq. Ma che ballo faremo?

Pul. Il ballo dell’urzo. Professò suonate.

Ang. (Questa è la lettera che consegnerete a Fiorindo.)

Pul. Va bene.

Cecco. (suona). A tempo. (ballano).

Pul. (nel girare, furtivamente a Cecco) Tecchete ’a lettera.

Pasq. (S’avvede della lettera, la prende, e dopo letta, prende un bustone, e li percuote. Le donne viano.)

MUTAZIONE DI SCENA — Di nuovo Strada
SCENA VIII — PULCINELLA CECCO e PASQUALE che li insegue

Pul. Scappa scappa...

Cecco. Gamme meie aiutateme vuie. (fuggendo)

Pul. Mall’arma d’ ’a mamma, i’ che mazzate che bòtte ’o viecchio!

Cecco. Ah che percosse.

Pul. Ate che percoche! chell’erano pere a spature. Và damme ’a lettera che ll’aggia purtà ’o patrone mio.

Cecco. Qua lettera?

Pul. Chella che t'aggio dato ncoppa a du don Pascale. [p. 11 càgna]

Cecco. Tu sei pazzo, fratello caro.

Pul. Comme nun t’he pigliato ’a lettera?

Cecco. Ma no, ti dico.

Pul. Uh mmalora! Mo ca ce penzo, ’o viecchio steva liggenno na lettera e pò tutto nzieme s’ò mise a vuttà chelli perucculate.

Cecco. Per riguardo tuo sono stato bastonato anch’io.

Pul. Si stato tu no ciuccio ca nun t’he pigliate ’a lettera.

Cecco. Quanno vene ’o patrone tuio t’ ’o chiagne tu.

SCENA IX — FLORINDO indi PASQUALE e detti

Flor. Pulcinella. Pul. Patrò.

Flor. Andasti. » Andasti.

Flor. Parlasti. » Parlasti.

Flor. Avesti. » Avesti.

Flor. E dammi. » E dammi.

Flor. Insomma che festi? »Chi io? Cecco è chillo che dicite vuie, pecchè 'a lettera l’avuta isso.

Flor. Cecco, dammi la lettera.

Cecco. A me? domandatelo a Pulcinella che l’ha fatto piglià a don Pascale.

Flor. Come, io ti mando per una lettera e tu la fai prendere al padre?

Pul. Ma vedite io...

Flor. Che debbo vedere, tu sei una bestia calzata e vestita. E da questo momento ti caccio dal mio servizio. (via).

Cecco. Guardate llà, nun è buono manco a purtà na lettera ’Mmece e i’ a ff’à ’o pulezza stivale. (via)

Pul. (piange) Ah... ah..

Pasq. Oh! signor maestro, come state?

Pul. Pascà nun me ’ncuietà.

Pasq. Come, introdurti in casa di un galantuomo per portare la letterina amorosa.

Pul. Pascà famme nu piacere, dammella ’a lettera che t’hè pigliato.

Pasq. Voglio darti un bastone in testa.

Pul. Famme stu piacere.

Pasq. Ma non la vuoi finire?

Pul. Per riguardo tuo ne sò stato mannato r’ ’o patrone mio.

Pasq. Dunque vale a dire che tu sei fedele al tuo padrone.

Pul. Pascà damme ’a lettera.

Pasq. Un momento. Tu adesso sei senza padrone, ebbene se io ti prendessi al mio servizio mi saresti fedele lo stesso? [p. 12 càgna]

Pul. Sine Pascale mio.

Pasq. Allora resterai con me. Col patto però che mi devi chiamare don Pasquale.

Pul. Ncopp’a chesto ave ragione Pascale.

Pasq. Un’altra volta Pasquale?

Pul. Have ragione D. Pasquale.

SCENA X — FLORINDO indi CECCO e PASQUALE

Flor. Pulcinella è entrato al servizio di don Pasquale, ora l’accomodo io. Ehi?

Cecco. Comandi.

Flor. Tu devi far capitare questo biglietto nelle mani di don Pasquale ma colla massima sollecitudine. Addio. (via)

Cecco.. (bussa la porta di don Pasquale) Ehi di casa?

Pasq. (di dentro) Chi è?

Cecco. Calate un momento debbo darvi un biglietto.

Pasq. (fuori) Che cosa c’è?

Cecco. Questo biglietto viene a voi.

Pasq. Grazie Cecco. Poi ti regalerò.

Cecco. Mi faccio meraviglia, (via)

Pasq. (dopo aver letto) Oh cielo che lessi mai! Pulcinella, Luisella, Angelica, venite tutti qui fuori.

Ang. Che fu?

Luis. Ch’è successo?

Pul. Che vulite?

Pasq. Dovete sapere che ho ricevuto una lettera la quale dice che i contadini della mia vigna si sono litigati con quelli dell’altra vigna. Dunque io sono costretto a correre colà per impedire uno scompiglio.

Pul. Oh mmalora e mmò comme se fa?

Pasq. Tu starai attento alla casa, sarai il secondo padre di mia figlia ed il secondo padrone della mia serva. Tu monterai di sentinella armata. Dietro al portone vi è un’antica arma della defunta mia sorella lasciatela dal marito, la cerbuttana, oppure una moiana che è più piccola. Quale vuoi?

Pul. Chella cerbuttana ’e soreta.

Pasq. Siamo intesi. Addio figlia mia, addio Pulcinella (via)

Pul. Belli figliù avite ntiso c’ha ditto ’o patrone?

Luis. Sì, l’avimmo ntiso, e cu chesto?

Pul. Mi dovete ubbidire.

Ang. Io ubbidire a te? ah, ah, ah. ride

Pul. E pecchè, ce truove difficultà? Marcite dentro. [p. 13 càgna]

Ang. Ma con qual diritto mi comandale di andare in casa.

Pul. Col diritto che songo o sicondo pate tuio.

Ang. Secondo padre? E perchè debbo avere due padri?

Luis. E io pecche aggia tenè duje patrune?

Pul. Andate dentro vi dico.

Ang. Insomma io non voglio andare.

Pul. Ah no? e mo v’acconcio, (con lazzi prende per l’orecchio le due donne e le accopagna nella palazzina. Nel frattempo che egli risorte, le donne furtivamente escono e si situano alle spalle di lui; a soggetto Pul. parlerà verso dentro e le donne risponderanno dal loro posto) Ma ched’è io parlo ’a nanze e rne sento risponnere areto? (si volta, vede le donne e le insegue nella palazzina) Grandissime perchipetole... dentro \ Aggio capito, mo me vaco a piglià a cerbuttana d’a sora ’e Pascale e mme metto ’e sentinella ccà ffore. via

SCENA XI — FLONINDO con barba finta, poi PULCINELLA indi PASQUALE e detti

Flor. Voglio mettere in esecuzione quest’altro progetto. Ecco Pulcinella che ritorna. Ritiriamoci.

Pul. (con fucile) Eccoci qua.

Fior, (.v’incammina verso la palazzina).

Pul. Addò vaie! Fuie ca te sparo.

Flor. Io sono il famoso pittore soprannominato lo zingaro e vengo per copiarmi la Venere del Tiziano.

Pal. Vattenne ca ccà vernie nun se ne fa.

Flor. No?

Pul. No. (Flor. via poi torna e, fischiando, in mimica, gli farà capire che se lo lascia entrare gli dà del denaro. Pul. come lui, gli fa capire che non può, poi pigliandosi il denaro acconsente e lo lascia passare facendogli il presentat’armi: subito dopo gli dirà: Aspè pittò e si vene ’o patrone cumme l’aggia dicere?

Flor. Dirai... fuori pittore, ed io sortirò, (via)

Pul. ’Nzomma si vene ’o patrone io aggia dicere: (gridando) pittò, fore.

Fior. (fuori) Che vuoi?

Pul. Niente, me sto passanno ’a lezione.

Flor. Se chiami un’altra volta ti farò crepare prima di scendere. (via)

Pasq. Bravo Pulcinella, così ti voglio, attento.

Pul. Patrò vuie già site venuto ’a fora? E cumme stanno e cuntadine llà ffora? [p. 14 càgna]

Pasq. Stanno bene.

Pul. Ma vuie site iute proprio fora? fora.. (E’ mmuorto ’e subbeto!) fora...

Pasq. Si.. Ma tu perchè gridi sempre, fuori?

Pul. Ah... pecche aiere ssera jette ’o triato, e ’o pubbleco sbatteva ’e mmane ’a primma donna dicenno: fora, fora.

SCENA ULTIMA — ANGELICA FLORINDO e LUISELLA

Ang. Caro padre

Flor. Caro suocero.

Luis. Patrone bello!

Pasq. Che vuol dire ciò?

Pul. Vò dicere ch’è asciuto fora o tenore e ’a primma donna.

Pasq. Ah birbante! Evoi che fate in casa mia?

Flor. Ero venuto per sposare vostra figlia.

Pasq. Non acconsentirò mai.

Ang. Papà è stato ’a primma vota. Nun ’o ffaccio cchiù.

Flor. Via signor Pasquale sono un galantuomo.

Ang. Via caro padre.

Pasq. Ebbene, ringraziate quel mammalucco che ha tradito la consegna. Sposatevi ed il cielo vi benedica.

Pul. Patrò me vularria spusà ’a serva.

Pasq. Questo poi no. Quella è una gallinella che debbo mangiarla io.

Pul. Pascà mo sì puorco mo. E cornine, io ce faccio ammore ’a tantu tiernpo.

Luis. Patrò io ’o voglio, ’o voglio.

Flor. Via, caro suocero, acconsentite. Oramai lei lo vuole, voi avete una certa età...

Pasq. E’ vero? Bene... Sposatevi. Sei contento?

Pul. Sì, e cchiù cuntento sarria, si avesse da questo rispettabile pubblico, compatimento e perdono.


Cala la tela — fine della commedia

[p. 15 càgna] [p. 16 càgna]