Viaggio di Parnaso/Canto VI

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
 

[p. 61 càgna]

Una decorazione secentesca

CANTO VI

N on cossi priesto tutte appalorciaro
Le stelle secotate dall’Aurora,
Che Febo, e tutte l’autre se levaro,
Azzò li carcerate escano fora,
Vestute chiano chiano s’abbiaro,
Ca de fare la viseta era l;hora,
Ecco ogne carcierero, ed’ Agozino
Lo veneno a scontrare pe cammino.

[p. 62 càgna]
D’oro brattino, e frunne de mortella
La porta de la carcere a parata
Trovaro tutta, e scritto a na cartella,
La sciuta è dura, e facele la ntrata,
Cchiù sotta n’autra scritta muto bella,
Che cierto fù quarch’anno stodiata,
Perche se purghe sta presonia scura,
Febo, pè grazia toa falle na cura.

Mille trappite pò, mille franciune

Da parte nparte nc’erano aparate,
E mille Ditte haveano li pretune
Pè signo d’allegrezza llà mpizzate,
Sagliuto Febo pe li scalantrune,
A na gran sala trova appatecchiate
Segge ped’isso schitto, e pe l’Agente,
Scannielle pe le Muse, e l’autre gente.

Sona lo campaniello, ecco venire

Se vede a la ncorrenno ogne scrivano,
E pè le cause tutte referire,
Co li scartaffie, e li prociesse nmano,
Ecco lo primmo t’accommenza à dire,
Signore, no Poeta assaie pacchiano
Tanta pallune havea nzieme abbottato,
Ch’è stato à remiganno connannato.

Chisso hà compuosto, ca duie Giagantune

S’erano a na campagna desfedate,
E dapò havere fatto a secozzune,
Ch’ogne punio sentiose otto iornate,
E pò commo se fossero pallune,
Co le montagne fecero a pretate,
E pe brocchiere saude a stà fortuna,
Chi se pigliaie lo Sole, e chi la Luna. [p. 63 càgna]

Nchesto n’autro Giagante arriva, forte

Gridanno strunzo nmiezo, ferma, arrasso,
Ma chille, che s’haveano sdiguo a morte,
Non le voleano retirà nò passo,
Nè poteano sparrire de sta sciorte,
Ca sempe era cchiù granne lo fracasso,
Se lanza, e tutto gliottese lo Mare,
E’ nfacce à chille corzelo a sbruffare.

Ma chille commo fosse na sputazza,

Fecero de tant’acqua poco stimma,
Tanto che chisto curra a na furia pazza,
E porta n’autro cuorpo cchiù de scrimma,
Aduna quanta porva eie a la chiazza,
E cò n’arraggia, che lo pogue, e limma,
Ncè là dà a l’uocchie, ch’erano vaguate,
Tanto, che deventaro frauccate.

Cossi scompie sta festa; tanno disse

Febo, n’è cosa de le comportare,
Chisso, che ssi pallune gruosse scrisse,
Na rimmo nmita mmereta vocare,
Gridaie l’Agente, sò tanta de chisse,
Che fe le buoie ngalera connannare.
Cierto besognarria cò gran roina
Ire tutte le Serve à la marina.

Falle perzò la gratia: lè sia fatta,

Respose Apollo, ma se n’autra vota
Ncè ncappa, à se le mia ca nò la mpatta
Co ba galera, ma le dobgo vota,
Subbeto scrisse llà lo Mastrodatta,
Lecentietur, e firmaiese Ntota,
E lo Poeta scenno fece vuto
Sbottare sto pallone, e stare muto. [p. 64 càgna]

Pò fatto chesto, se leiette appriesso,

No Poeta carammaro sciaurato,
Che contra Ammore hà fatto no prociesso
Perche croppo contrario l’era stato:
Chisso pe na figliola morea ciesso,
Ch’era propio no mijorzo nzuccarato,
E à fasce, e à mazze gruosse le facette,
E matrecale, e lettere, e sonette.

E dapòà na grannissema fatica,

C’havarria fatto muollo no pepierno,
E apportato pè miezo de n’ammica,
De sta partita mettere n’quatierno,
A punto frà la mano, e fra la spica
La rota se guastaie, che steva mpierno,
E le speranze soie ietta à no puzzo,
Schitto pè nò ammacchiare n’Albernuzzo.

Perche venuta l’hora desiata

Da chi vò bene, e fatto l’aito vruoco,
Va e se conzegna subbeto all’amata,
Ch’era pronta a frutarele lo fuoco,
Scenne a no vascio, e dice, io so forzata
De fare massa, e toppola à sso luoco,
Perche suso ncè mammema, e porria
Essere chesso la roina mia.

Spanoe sta cappa nterra, e cuoglie sico,

Pocca tu tieoe la chiave dell’huorto,
Ed’isso lebbrecaie, potta de mico,
Ca chesta è nova, e ghiere l’happe a Puorto,
Si me vuoie bene, e tieneme p’ammico
Nò l’allordammo, non me vighe muorto,
C’hoie le stenta de sango no carrino,
Và suso e piglia quarche strappontino. [p. 65 càgna]

De gratia, disse tanno la signora,

Mò te lo porto, ma nò stare lloco,
Che nò scenna quarcuno, aspetta fora,
Ca trasarraie pò dà ccà n’antro poco,
E l'aseno esce, e chella chiude allora
La stalla, isso gridava, ca me coco,
Essa dà la fenestra, ammore caro
Mò te defresco: e ghietta n’aurmaro.

Chisso curzo de chesto, pe dolore,

Pocca otra lo corrivo era pisciato,
Scrisse millanta nfammie contra ammore,
Tanto, che ne fù puosto carcerato,
Disse Febo, pè cierto grann’arrore
Fece, e mmereta d’essere squartato,
Ma le sia fatta gratia, e che se cacce,
Le vasta la pisciazza c’happe nfacce.

Sequeta lo Scrivano, Nformatione,

Contra chi cierto libro hà dedecato
A 1o signore piezzo de n’anchione,
Che quanto eie gnorante, tanto è fgrato
Perzò sò quatto iuorne, ch’è presone,
Ma à le seconne cause have appellato,
Febo respose, s’è chesso è pasticcio,
Bella iostitia propio scritta à miccio.

Stò poveriello fuorze nc’hauca strutto

Le goveta, e lo suonno à sta composta,
E speranno cacciarene lo frutto,
E’ curzo co le penne pe la posta,
Pocca ha trovato sto nigr’uosso asciutto,
Decite tutte vuie, per vita vosta
Che corpa nc’have? orsù sia liberato,
E che se fruste chi l’è stato sgrato. [p. 66 càgna]

De n’autro pò fù referuto appriesso,

C’havea seie mise, ch’era carcerato,
Echisto titolo era a lo prociesso,
Contra de no Poeta scostomato,
Disse lo Fisco, chisso è granne acciesso,
Priesto che sia ngalera connannato,
Perche la Poesia sulo se spanne
A dire cose oneste, e cose granne.

E Febo disse, straccia mò sse carte,

Commo te ncricche, e fuie! grann’è lo cafo,
Tu faie llà corre il mondo, ove hà più sparte
Le sue docezze il lusinghier Parnaso,
Chi scrive d’autro muodo non sà l’arte
De tirare li vufare pè naso,
Lo munno è dato à ste schefienzie tale,
Chi non trova sto stile non ha sale.

Sequeta lo scrivano, e dice forte,

De furto verzi in quantitate magna,
Contra de quidam connannato a morte,
A quarera de Gretia, e Franza, e Spagna,
Febo le vota à tutta la soa Corte,
E dice, chesto è autio, che lasagna,
Morite pe ssi furte no meschino!
Se chesso fosse mancarria lo lino.

Decite, chi de vuie sarria scappato

Da li piede à mastr’Agnelo, s’à ogn’uno
C’havesse quarche bierzo granciato
Dicea lo Fisco nmoccate sto pruno?
Priesto sia lo scurisso liberato,
E se le dia marenna s’è diuno,
Ma da hoie nnanze sia no banno fatto,
E craie se iette; scrive Mastrodarto. [p. 67 càgna]

Ch’ogn’hommo pozza libero arrobbare
Vierze, e conciette d’ogne libro, e carta,
Ma diestro, che non facciane addonare
Nesciuno, ca si nò se mpenne, e squarta,
Iusto commo facevase osservare
Da chille valient’huommene de Sparta,
Chesto a lettere mò de catafarco
Lo truove à le posteome de Protarco.
Oh che te sia lo pane beneditto,
Dille l’Agente, e campe aternamente,
Ca chesto è ghiodecate pè deritto,
E non ce vale ammico, ne parente;
Nchesto dà lo scrivano pò fu ditto,
De arte annichilata novamente,
Contra d’uno, che quanta scaca fuoglie
Dedeca pe tornise à casaduvoglie.
Cossì dice, e lo Fisco pò se lassa,
Se deve dedecare a gente granne,
E nò a no spoglia mpise, e à na vajassa,
Pè lò granne nteresse, che le scanne;
Febo respose, tiente bella grassa!
Lloco se vede cà si barvaianne,
Chi è liberale cierto è na gran gioia,
Dedeca à chi refonne, e sia lo boia.
N’autro nce n’è, respose lo scrivano,
Che non fa vierzo, che deritto sia,
Se crede essere Omero, ed è pacchiano,
C’ha sbregognata già la Poesia,
Hà poco iuorne, che s’è havuto nmano,
E l’hà remisso à nuie la Vicaria,
Dice lo Fisco, si fa vierze brutte,
Pe chesta primma vota haggia li butte.

[p. 68 càgna]

Chisso mmeretarria d’essere mpifo,

Respose Febo, e se non fosse iuorno
De gratie, caudo caudo sarria miso
Co Mastro chillo, e duie papute attuorno;
Nulla Musa vogl’io c’haggia maie sfriso,
Ca pò tutto de Febo eie Io scuorno;
N’ardisea maie, nè maie veglia hommo nato
Fare vierze, sì n’è matricolato.

Chi face sconcordantie, chi trova

Vuce da sconciurare Parasacco,
Chi penza de trovare forma nova
De vierze, ed è cchiù antica ca n’è Bacco;
Chi le fà luonghe, e chi sciancate mprova,
Chi de traslate tale enchie lo sacco,
Che se tè tiene quanto vuoie la voglia,
Puro schiatte de riso à crepa nnoglia.

Chi chiamma paraliteche li vuosche,

Perchè lo viento le fa freccecare,
Chi dice ca lo vicino have li cruosche,
Che non face autro maie se non shioshiare,
Siente de brocca pò cierte autre mosche
Chiammare prieno, e itruopeco lo mare,
Quanno stace abbottato, e n’autro vole,
Che l’Alba sia mammana de lo Sole,

A n’autro scappa ca la neve è zella,

Che se ne vene ncapo a le colline,
Autro chiamma le stelle, (e chesta è bella)
De lo Banco del ciel lustre zecchine,
Autro chiamma la notte negrolella,
Coperchiola d'Amante, e malantrine,
Autro lo iuorno dice ch’è na cura,
Perche spila da l’Aiero ogn’ombra scura. [p. 69 càgna]

Nzomma chi stà pazzia tene a la capo,
Provarrà s’io ne nzorfo, e s’io me ncricco,
Quanno me saglie ncapo lo sinapo,
E me vene da vero quarche cricco,
Ca si bè mò la presonia le rapo,
N’autra vota se piglie lo palicco,
Chillo che bò de Febo essere ammico,
Non esca niente da lo stile antico.
Laudaro assaie le Muse sto parlare,
E l’Agente azzettaie, ch’è cosa bona,
Perch’oramaie s’era venuto a fare
Na farza de le cose d’Alecona.
Pò lo Scrivano venne à sequerare,
Stà carcerata ccà n’autra perzona,
Ch’à no Poeta disse a la sboccata,
Brutto auciello si tù pierde iornata.
Vagliame sacco rutto, Apollo disse,
E che nsolente temmerario ardire!
Propio fauza voglio essere de chisse,
Chesse cose prefummeno de dire?
Razza de becche (dico a li qualisse)
Affè de Febo, io le farò pentire,
Priesto s’Arrote mò stò forfantiello,
E no premmone serva pè martiello,
Non per vita de vuie, disse l’Agente,
E s’addenocchia, e pregalo ncaruso;
Che le perdone, pocca se ne pente,
E confessa, ca canno era marfuso,
Febo ncè lo donaie cortesemente,
Puro che stesse n’autro mese nchiuso
A no mantrullo, e se le desse sulo
Pane, e no poco d’acqua co n’arciuso.

[p. 70 càgna]

Nautro se lesse po, che se la dette
Ntallune co na bella cortesciana,
E autro pè trè hore non facette,
Che cardare à lo pettene de lana,
Quanno pò nzoperaie, ecco se mette
Na mano nsacca, e cerca na femmana,
E quanno chella aspetta no riale,
Scappa buon iuorno, ed hà nò matrecale,
Lloco nc’happe a benire gran barruffa,
Ped’uno, che n’havea protettione,
Ma pò le fece quarera de truffa,
E fù puosto de pesole mpresone,
Dice lo Fisco, voglio, che de muffa
Ncè piglie dinto de no cammarone,
Fi tanto, che cotella non remette,
E piglie autro, che sdrusciole, e sonette.
Appila, disse Febo, chisto è digno
De gratia, e non se deve casticare,
Anze mmeretarria co granne sdigno
Chella na pena mò Talionare,
Perchè mmezzasse ogn’autra à stare a signo
E lle mposture à nullo muodo fare.
Che truffa, s’ogne bierzo, che l’hà dato
Manco se pagarria co no docato?
Mill’autre nce ne foro reserute,
Che ncè vorria no mese pe contare,
Ma tutte happero gratia, e foro sciute,
Có lo portiello schitto contentare,
Io ne zeppoliaie paricchie scute
Pe beveraggio, e pe sollecetare
Chisto, e chillo decreto, otra c’haviette
Pè ghioura mille frottole, e soniette.

[p. 71 càgna]

Ma già tre bote tutta era calata
La povera da coppa la mpolletta,
E Febo, che na famme gavea arraggiata,
Coll’autre appriesso lo paiese annetta,
Ma commo fù la tavola levata,
Lo mmasciatore, a chi lo Duca aspetta,
Se lecentia da Febo, e bò sbignare,
Ca pè lo prisco penza cravaccare.
Febo le fa donare la valdrappa,
Che portato hà dece anne lo Pegaso,
Mà de Petrarca primmo è stato Cappa,
Che le Muse ne fecero gran caso,
Pò subbeto scavare co la zappa,
Fa lo cchiù meglio Lauro de Parnaso,
E dice, chisso è digno stare à l’huorto,
C’haggia cchiù bello ò Marmeruolo, ò Puorto.
Portalo addonca à chella utezza nduono
Da parte mia, ca le so servetore,
E dille, chisso schitto è nterra buono
Sta nzegna havere, ch’è de tanto nore;
Nchesto ecco de trommetta no gran suono,
Ecco à bascio s’abbia lo Mmasciatore,
E si mponta le grade chiano, chiano,
Da Febo è accompagnato pe la mano.