Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/9

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
9
PRIMMO.

Tutto de preta pommece, e mautune,
E’ fatto a la zemina lavorato,
A quatto cante, a quatto torriune,
Che pare no castiello spiccecato;
Saglie a la porta pe tre scalantrune,
E truove na cocina a primmo ntrato,
Dove chi arriva friddo, e s’ashìa stracco
Se pò scarfare, e nchirese lo sacco.
Perche tra l’autre cose degne, e belle,
Che Febo hà n’uso, primmo che poeta
Le parle, vò che s’enchia le bodelle,
Ca non s’accorda Museca, e Dieta,
O stile de nnauzarese a le stelle,
O che piatosa Deita desereta,
All’autre parte canta puro, e berna,
Ca’ allanche se nò spienne a na Taverna.
Passata sta cocina ashie na sala,
Dinto na stalla, accanto a na despenza,
Da llà pe nò recuoncolo se cala
A no soppigno fatto p’azzellenza;
Ecco à na Gallaria vaie pe na scala,
(Perdoneme lo Duca de Shiorenza)
Ca chesta a pede chiuppo passa chella
C’hà tanto nomme, che sia ricca è bella.
Statoe non dico niente; si pitture,
A desfazio de Fidia, e Titiano,
Libre a bizzeffa, à fascio le scritture,
Quale stampate, e quale fatte a mano,
Le perne, e gioie à tommola, e mesure,
Che nò lo pò contare nciegno humano,
Lo fanno chille a chi fece Minerva
Lo vagno d’uoglio, e la sepposta d’erva.

Lloco
A5