Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/8

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
8
CANTO


Dove iarraggio Nfranza, ò à Lommardia?
Nigro me ca pe tutte ncè travaglio,
Povera, e nuda vaie Filosofia,
Dovonca arrive non t’è dato n’aglio,
Chi la vertù canosce non hà cria;
Con chi pò dare aiuto, non c’è taglio,
Pe tutto la fortuna te trabocca,
E maie non ashie chi te sputa mmocca.
Cossi dicenno venneme ncrapiccio
De ire dove Febo è gran Signore,
E stà à la serpentina co lo miccio,
Pe fare bene a ogn’hommo de valore;
E quanto bello na matina alliccio
Napole mio lassanno, e pe faore
De Febo stisso, assaie lieto, e felice
Nquinnece mise stò viaggio fice.
Nmiezo a lo munno (e dica chi le piace
Ca’ Mbeotia, ò à Gragnano sta Lecona)
Senza autro a tuorno na montagna stace,
Dove non pò saglire ogne perzona,
Nchesta ne caudo maie, ne friddo face.
Nchesta maie non chiovelleca, ne trona,
Ma sempre è maggio, e perzò sempre siente
Arraglie de felice, e de contiente.
Ncoppa à la cimma soia è no palazzo,
O bene mio, che maiestria de spanto,
Dove le Muse, è Febo co sollazzo
Ad’ogne tiempo stanno n’tiso, e’n’canto,
Non è opera gia de quarto à mazzo,
De le fraveche tutte porta vanto,
Che foro fatte a forza de tornise
A tiempo de Romane, ò de Franzise.

Tutto