Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/10

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
10
CANTO

Lloco stà Febo, et hà le sore a lato,
Ch’ogn’una tene mmano no stromiento,
Da na gran corte stace ntorniato
D’huommene vertoluse a ciento a ciento,
Io dapò che llà ncoppa fui arrivato,
Traso la porta ch’è d’oro, e d’argiento,
E mmiezo a doie colonne veo no mutto,
Chi trase aseno miezo n’esce tutto.
Passo cchiù nnanze, e tanto giro ntuorno,
Ch’arrivo dove Febo stea seduto,
E a lo prenzipio haviette tanto scuorno,
Che pe spanto, e stopore restaie muto,
Pò m’addenocchio, e dicole buon iuorno,
Isso m’abbraccia, e dice bemmenuto,
Io faccio perche biene, e de che haie voglia,
Frate haie trovato propio carne, e foglia.
Io lo rengratio, et isso lebrecaie,
Io voglio che te iove sto viaggio,
E azzò de me te laude sempe maie,
Ecco t’abbraccio, e azzettote pe paggio,
Va t’arreposa mò, sta sera, ò craie
Voglio c’hagge no buono veveraggio,
Che core pienze, che faciette tanno,
Se be ogne punto me pareva n’anno?
La sera aspetto, commo tavernaro,
Ch’aspetta lo percaccio, e pò non vene,
Ecco lo Sole se ncaforchia a maro.
Foienno pe li debete, che tene,
Ecco lo preggia l’arba, e lustro, e chiaro
Se mostra, io conto l’hore, ò Dio che pene,
Quanno Febo me chiamma, e bò che trasa
A no bello Ciardino de sta casa.

Lla