Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/28

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
28
CANTO

Sta zitto, io le diceva, ch’è la fico,
Che fa st’affetto, ma pò n’è lo vero,
Tu faie commo deceva chisto ammico
De te, che non te ieva pe penziero:
Ma sciso, che parea fauzo nnemmico
Trovaie carreco ancora lo sommiero,
E compriso, ma tarde, lo corrivo,
Strilla, e bole de nuie fare no crivo.
Ne rise Apollo, ma nò spaporaie
Pe non dare cchiù armo la trincata,
E lo Poeta mpresone mannaie,
Facennole na bona sbraviata,
Po la fauza mogliere connannaie,
Che pe tutto Parnaso sia frustata,
Si de la fico la fatatione
Non crede Micco, e fa remmessione.
Po disse, ò là chiammateme lo Franco,
Che benga co lo Modio ncompagnia,
Ca voglio, che dechiareno a lo mmanco
Chi lo cornuto, e che lo cuorno sia,
Non se venna lo nigro pe lo ghianco,
Ch’io pè mè tanto sò de fantasia,
Che non stenga de l’hùommene norate
La vregogna a le pettole accorciate.
Pare, ch’Argiento vivo sia lo Nore,
E stia co la gonnella commogliato,
E se a quarche guaguina vove homore,
De se l’auzare, sia spatafonnato,
Che corpa hà l’hommo, se l’oro, ò l’ammore
Chella fa scire da lo semmenato?
Oh s’isso le dà canzo, e l’hà boluto,
Tanno sia n’arce becco, arce cornuto.

CAN-