Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/27

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
27
SECUNNO.

Ma perche Miccariello sempe maie
Me venne appriesso, e canzo non me deve,
Tale malitia a chisto nfroccaie,
Che nnanze ad isso fare lo poteva,
E saglire a na fico l’aiutaie,
E le disse, che quanno me vedeva,
Che llà sotta a maritemo parlava,
Dicesse commo chillo me mprenava.
Fù ditto, e fatto, io chiammo Miccariello,
E chisto dice, tiente scostomato!
Non te vreguogne fare lo vordiello
Co na mogliere a chisto scampagnato?
E ncapo le tiraie no ficociello,
Dicenno fuie da lloco sbregognato.
Micco non sape mò che l’è sortuto,
E dice a mè, che d’è? chisto è mpazzuto.
È mpazzuto na cufece: tù schitto
Non saie quanto sta fico sape fare:
Se tu vide cò mmico uno ccà fitto.
Da llà cierto dirraie me vò mprenare;
Hora saglience ncoppa zitto zitto,
Mò ch’isso scenne, e bide che te pare:
Saglie và, ca dirraie per vita mia,
Ca chisso fa cò mmico vescazzia.
E possibele chesso isso decette?
Nò lo sapea, lo boglio mò vedere,
E schiso che fù chisto, isso sagliette,
E nuie duie nce pigliavamo piacere,
Ma quanno da llà ncoppa isso vedette,
Disse (ohimmè) chesto non è stravedere,
Chesto è lo vero, ferma tradetore,
Ferma ch’a tutte duie caccio lo core.

B 2Sta