Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/29

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
Xilografia Canto I (viaggio di Parnaso 1666)

CANTO III

V Enuto Franco, e Modio a la presentia
De Febo, prunte assaie pe lo servire,
Fecero à la spagnola lleverentia,
E che commanna stezero a sentire,
Lo quale mprimmo fattole accoglientia,
Le disse, chi de vuie me sape a dire,
Pè cosa ch’a lo munno assaie besogna
Se l’havere le corna sia vregogna?
Franco respose, io songo de parere,
Che l’havere le corna senga nore,
E te lo faccio cò l’uocchie abbedere.
Pocca me lo commanne, ò gran Signore,
Se lo cchiù de li Deie pe le tenere
Fecero ciento mbroglie a tutte l’hore,
Eccote ca le corna sò norate,
Pocca li meglio Deie l’hanno portate.
Tu saie ca Giove, ch’è lo capo lloro,
Quando se nnamoraie d’Europa bella,
Non se facette na chioppeta d’oro,
O commo pote, na lucente stella;
Ma co doie corna se fece no Toro,
E portaiela à cavallo senza sella;
Stimanno, che sia meglio a chi fa festa
Portare corna, che pennacchio ntesta.

B 3Quan-