Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/26

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
26
CANTO

Signore (disse) io songo hommo norato;
Ne maie fice la strata de Cornito,
Maie Martino da nullo fuie chiammato,
Maie pè nè Ciervo fuie mostrato à dito,
Mò sto Toscano, che sia strascinato,
Cò sta scrofa, che reve lo prodito,
Me vonno fare ntuorno na cartella,
Ch’alloggie co li piecore a forcella.
Ntennette Apollo, che se volea dire,
Ma pe non dare scannaro a le sore,
Dice, mò mò lo cunto puoie scompire,
Ch’io pozza remmediarete a lo nore,
Trà tanto a lo ciardino tu puoie ghire
Cuoglie fasule, e torna frà doie hore;
Partuto chiamma a parte la mogliere,
E lo mbruoglio pe filo vò sapere.
Disse essa, puro che me sia sarvata
La vita, e che la facce da signore,
Te farrà tutta quanta scommogliata
La chella, che m’ha puosto a sto remmore;
Sto Shiorentino ohimmè co na vatrata
Dinto a le chiocche m’hà ficcato ammore,
Tu faie lo mulo già capetiato
Chi è, ca manco à tene hà perdonato.
Io mò, che non potea cchiù semmolare,
Ca cresceva ogne ghiuorno l’appetito,
Pregaie st’hommo da bene, che raspare
Volesse de sta rogna lo prodito,
Ed isso, ch’è mastrone, e lo sà fare,
Non voze refotare lo partito,
E me disse, che ashiasse tiempo, e luoco
Ca l’acqua isso iettava à tanto fuoco.

Ma