Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/25

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
25
SECUNNO.

Dice, non sia nesciuno hommo vivente
De qual se voglia convetione, e stato,
Che parle cò doie lengue doppiamente,
Se nò nculo a lo munno è confinato,
Ecco no strillo, non ne saccio niente:
Ma nchesto n’autro greciglio s’è levato,
E à Febo dice Avidio, benaggia hoie
Curre ca no sommiero è fatto voie.
Sarrà nà metamorfose de tante,
Respose Febo, c’haie racuoto, e scritto:
Se non vide lo vero lloco nnante,
Lebreca, io mora pe non ghire a mitto;
Crideme ca non sò quarche gnorante,
Ca chi smedolla chello c’haggio ditto,
E no le fa la mmidia quarche bozza,
Trova lo sale dinto la coccozza.
Và Febo a lo remmore chiano chiano,
E trova l’hortolano da llà ntuorno,
Che bolea sficcagliare no toscano,
Che le scaudava l’uno, e l’autro cuorno,
Ma quanno vedde Apollo tenne nmano,
Che no l’havesse fatto quacche scuorno.
Se be have l’uocchie commo na cometa,
E l’ammenaccia, e mozzeca le deta.
Apollo, che bedette lo morivo,
Comm’à Signore saputo, e prodente,
Volenno, che n’aterno senga vivo
Chi ncorte soia resce hommo vlente,
Zeno ne lo Shiorentino ch’era arcivo,
Che se nzeccasse ad isso rente rente,
Chiamma po l’hortolano, e l’addomanna,
Qual’è la spina, che lo pogne ncanna.

Viaggio di Parnaso,
BSi-