Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/24

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
24
CANTO

Ma tutto chesto niente me parette
A fronte a n’hommo de facce lionata,
C’haveva doie lengue mmocca, e nce facette
Vedere cosa da nullo penzata,
Tutt’a no tiempo co l’una dicette
Na storia, e co chell’autra na cantata
Fece d’aucielle tanto prencepale,
Che parette d’aucielle natorale.
Da li campe felice che pe sciorte
(Disse) co doppia lengua se raggiona,
Io sò mannato a l’ancorrenno forte
Nnanze a bostra magnifeca corona,
Perche sentuto ea ped’ogne corte
Purola doie lengue parla ogne perzona,
Te pregano, che facce banno Regio,
Che nullo assurpe tale prevelegio.
Ch’a nuie chisto è no duono natorale,
Con che meglio spalifeca la mente,
A l’autre eie arte, e se ne serve a male,
Che s’una è doce, l’autra è pò pognente,
Leva, Signore mio, st’usanza tale,
E no lassare sporchia de sta gente,
Sparafonna te prego sta canaglia,
Che nnante cose, e da dereto taglia,
Chesto sentuto Apollo, tanno tanno
Lo penziero a Restofane dechiara,
Comm’haggia da iettare chillo banno;
Isso che fare sà la Tarantara,
Ecco ciento tù tù stordire fanno,
Ecco ca grida ad auta voce, e chiara,
Corre ogne peccerillo a sto ciammiello
E corre ogn’attesciano, e fa rotiello.

Dice