Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/23

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
23
SECUNNO.

Cchiù nnante dinto na cert’acqua fresca
Ashiaiemo de Ranonchie no squatrone;
E dissero cantanno à la todesca,
Gottemorghe mael bonnì patrone;
E fecero ad Apollo na moresca,
Che le piacquette, e diole no cianfrone,
Ch’erano figlie, s’io non faccio arrore,
A Rita figlia de lo Mperatore.
Cocciolianno vennero li cane,
Che comm’aucielle pe l’airo volaro,
Lo juorno che le gente maumettanne,
La gran Costantenobole pigliaro;
E dissero ad Apollo, ca lo pane,
Che le devano ncorte sapea amaro,
Perche li panettiere marranchine
Mmescavano à lo grano li lupine.
Chi quanto se vedette porria dire
Pe tale Parco cose mostruose?
Ped’ogne pizzo te vedive scire
Da ridere, e crepare ciento cose;
Ccà senza capo l’ommo vide ire,
Llà co doie capo, e doie corna famose,
Chisto hà facce de cane, ò puorco, e chillo
De varvaianne, sporteglione, ò grillo.
Nc’era chi schitto aveva n’uocchio nfronte,
Chi pe parte de vraccia avea doie scelle,
Chi granne, e gruosso, che parea no monte,
Chi tantillo, e reiea co le stanfelle,
Uno haveva le gamme nzieme agghionte,
N’autro le braccia longhe fi à le stelle,
Chillo pare no voie, e chisto ciuccio,
Chillo vozzacchio, e chisto matro muccio.

Ma