Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/18

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta du' vote e mo è fernuta.
18
 
Decorazione canto secondo Viaggio di Parnaso

CANTO II

S Computo c’happe Apollo de magnare,
Non commo fanno cierte cannarute,
Che de nchire la panza fi à crepare
Teneno pe grannezza, e pe bertute,
Ma quanto vasta schitto pe campare,
Commo fanno le gente cchiù sapute,
Iezemo nuie perzine a lo Teniello,
A bedere s’è sano lo vodiello.
Dove magnato havenno nuie perzine,
De lo cchiù, e de lo manco se parlaie,
E me disse uno, va de duie carrine
Ca na cosa de niente tu non faie?
Pocca te picche vi se ncè nnevine,
De quanto pe lo munno vippeto haie
Crovara, e Grieco, ed autro shiushio fino
Quale te pare lo cchiù meglio vino?
Io me teniette tanno sbregognato,
Non credenno d’ashiare la resposta,
Ma quanno ncapo m’happe assaie raspato,
Fice armo, e disse co na facce tosta,
No schitto no tarì, ma no docato
(Se tu vuoie ciammellare) frate apposta,
Ca ncè nnevino, apre l’arecchie, siente,
Lo meglio è chillo, che non costa niente.

Haie