Paggena:Viaggio di Parnaso 1666.djvu/19

'A Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Chesta paggena è stata leggiuta.
19
SECUNNO.

Haie raggione disse isso, e te prommecco
Ca tenere te puoie hommo saccente,
E boglio mantenere ch’è no becco
Chi lo contrario dice, e cà ne mente;
Io pigliarmo armo mò, niente, autro aspecco,
Pe bolere mostrareme valente,
E dico, hora decite tutte a tunno,
Chi è la cchiù cruda fera de lo munno?
Chi disse lo Cerniero, e chi la Lonza,
Chi l’Urzo, chi la Tigre, e lo Lione,
Un’autro disse, ed io nc’apposto n’onza,
Ca chillo è Lupo, ò povero Vracone,
Io le respose, havisse na caionza,
Licie primmo, e studia Vartolo, o Iasone,
Ca truove commentato a tutta botta,
Ca la cchiù cruda è chella, che n’è cotta.
Stoppafatte, ed attonete restaro,
Quanno accossi trincato me vedereo,
E l’uno à l’autro nfacce se mmiraro,
E no poco scornate se solero;
Io Caporale mio l’havette a caro,
Ca m’era ammico, ed era ammico vero,
E me portaie cod’isso fi a lo Parco,
Addove Apollo iea tiranno d’arco.
Eie lo Parco no bello ciardino,
Che Pardo, che Ranciuose de Castiglia?
Che Starza de Caserta, e d’Avellino,
Dove besogna fare arco le ciglia?
Che becino Shiorenza Pratolino,
Che la natura fa ghire a la striglia?
Tutte chisse so niente à pietto a chisto,
Ma no lo credarrà chi no l’hà bisto.

Vallu-